Come si riutilizza l’acqua del condizionatore

Quando il condizionatore è in funzione, durante il processo di raffreddamento dell'aria, viene rilasciata dell'acqua di condensa che solitamente finisce nel sistema di scarico o nell'apposito raccoglitore. Ecco come riutilizzarla.

Durante la stagione estiva si possono raccogliere decine di litri di acqua di condensa, pertanto sarebbe un vero e proprio spreco gettarla via. Chiaramente non si tratta di acqua potabile, quindi non si può bere, ma la sua composizione è molto simile all’acqua distillata ed è completamente prova di batteri, calcare e altre impurità. Vediamo allora come riciclare l’acqua del condizionatore.

Stare al fresco con il condizionatore senza sprechi? Ecco come fare

VEDI ANCHE

Stare al fresco con il condizionatore senza sprechi? Ecco come fare

Per il ferro da stiro

Al supermercato si trovano delle bottiglie di acqua distillata da utilizzare per il ferro da stiro. L’acqua del condizionatore è perfetta per questo scopo, in quanto non contiene calcare e per questo consente anche di allungare la vita di questo piccolo elettrodomestico. Vi basterà semplicemente conservarla all’interno di taniche e riempire il ferro da stiro all’occorrenza.

Trucchi infallibili per stirare velocemente

VEDI ANCHE

Trucchi infallibili per stirare velocemente

Per l’irrigazione

L’acqua di condensa del climatizzatore viene estratta dall’aria esterna, quindi non contiene cloro e altri minerali. Proprio grazie a questa caratteristica è possibile utilizzarla per irrigare le piante. Anche le piante grasse e le piante carnivore che necessitano di poco nutrimento possono trarre beneficio da questo tipo di acqua. Inoltre, potete riempire un innaffiatoio e collegarlo a un sistema di raccolta di acqua piovana in modo tale da scaricarlo direttamente nel vostro giardino.

Come curare le piante in primavera

VEDI ANCHE

Come curare le piante in primavera

Per la manutenzione dell’auto

L’acqua proveniente dal condizionatore può essere utilizzata non solo per lavare l’auto, ma anche per la sua manutenzione. Essendo totalmente priva di calcare non arreca nessun danno rispetto all’acqua potabile e si può utilizzare per rabboccare l’acqua all’interno del radiatore o all’interno della vaschetta per la pulizia dei tergicristalli.

Per le pulizie domestiche

Un’altra idea di riciclo consiste nell’utilizzare l’acqua di condensa per fare le pulizie domestiche. Ad esempio si può sfruttare per pulire i pavimenti, poiché l’assenza di calcare nell’acqua, vi consentirà di ottenere dei pavimenti brillanti, senza macchie o aloni. Inoltre, la si può utilizzare anche al posto dell’acqua demineralizzata all’interno di scope a vapore e vaporetti.

Pulizie di primavera: pulire a fondo la cucina

VEDI ANCHE

Pulizie di primavera: pulire a fondo la cucina

Per lavare i capelli

A causa del calcare contenuto nell’acqua di rubinetto, i capelli possono apparire opachi, crespi e poco lucenti. Per donare lucentezza e avere dei capelli puliti più a lungo, potete utilizzare tranquillamente l’acqua che proviene dal condizionatore.

Riproduzione riservata