Bambini e internet: troppo liberi davanti al computer

Credits: Corbis
1 4

I bambini di oggi, i cosiddetti nativi digitali, non conoscono i più noti giochi da cortile: la campana, un due tre stella, i quattro cantoni. Forse l'unico che riesce a sopravvivere è il nascondino, ma quando hanno l'opportunità di giocarci?
In proporzione al passare degli anni - dagli anni 70 in poi all'incirca - sono cresciute le ansie dei genitori che, in preda ad atteggiamenti sempre più iperprotettivi e prescrittivi, hanno man mano ridotto le ore di gioco libero e in comitiva all'aria aperta, a favore di pomeriggi passati davanti alla tv, a una console di gioco o a un computer. Quando va bene, i pomeriggi dei bambini sono pieni di attività adulto-mediate - il corso d'inglese, la piscina, il teatro - durante le quali possono socializzare con altri bambini ma non hanno la possibilità di confrontarsi liberamente con i loro pari e di operare delle scelte in autonomia come al contrario farebbero in cortile imparando anche a cavarsela da soli durante gli accesi scambi di opinioni tipici dei piccoli.

/5

Chiusi in casa per essere protetti dai pericoli ma senza nessuna protezione da quelli della rete: sono i nativi digitali

L'esperto ci spiega i pro e i contro dell'uso di internet da parte dei minori. Per una maggior consapevolezza dei genitori.

Secondo una recente ricerca, tra i problemi che si affacciano già nella preadolescenza ci sono i videogiochi 18+ e la pornografia...

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te