Il tempo delle mele: 40 indimenticabili anni

Uscito nel dicembre del 1980 e diventato subito un cult movie, raccontava una storia in cui ogni adolescente innamorato può ancora oggi identificarsi: ecco le ragioni per cui Il tempo delle mele resta un film indimenticabile da riguardare

Per chi è nato tra la fine degli anni Sessanta e la metà dei Settanta, nomi come quelli di Vic e Penelope, di Samantha, Mathieu, Arnaud, Stéphane, Jean-Pierre e Raoul sono indimenticabili perché rappresentano la gang adolescenziale per eccellenza. Quella de Il tempo delle mele, il melodramma francese che oggi festeggia i suoi primi 40 anni. Forse ai tempi di Instagram, Tik Tok e Twitter è un po' difficile spiegare come quel vinile che suonava "Reality" di Richard Sanderson abbia potuto fare da sfondo alla prima vera storia d'amore di una liceale parigina: drammi, urla e pianti magistrali a casa si sono incastrati perfettamente tra prime cotte, brutti voti e "strafeste" a cui serviva davvero poco per essere "strafighe".

Il regista Claude Pinoteau ha scelto Sophie Marceau dopo una lunghissima ricerca (ha provinato oltre 500 candidate) per interpretare Vic Berreton, e la Gaumont, la casa di produzione, ha intuito immediatamente le capacità della graziosissima parigina mettendola sotto contratto per un milione di franchi e tre pellicole. Così, il film che ha un successo davvero strepitoso, ha avuto anche un sequel due anni dopo, Il tempo delle mele 2, dove Vic è ancora alle prese con il desiderio di indipendenza, l'amore per il bel Pierre Cosso, i problemi dei genitori (il padre François, dentista, e la madre Françoise, illustratrice) che si destreggiano tra lavoro e gestione della casa, e la scatenata e simpaticissima bisnonna Poupette. Nel 1988 è arrivato una sorta di capitolo 3, con lo stesso regista, la stessa attrice protagonista e lo stesso compositore. Ma Vic ormai è adulta studia alla Sorbona e si prepara per gli esami: questa volta però a distrarla è un certo Vincent Lindon, uno dei primi veri amori di Carolina di Monaco.

Getty Images
1 di 16
Getty Images
2 di 16
Getty Images
3 di 16
Getty Images
4 di 16
Getty Images
5 di 16
Getty Images
6 di 16
Getty Images
7 di 16
Getty Images
8 di 16
Getty Images
9 di 16
Getty Images
10 di 16
Getty Images
11 di 16
Getty Images
12 di 16
Getty Images
13 di 16
Getty Images
14 di 16
Getty Images
15 di 16
Getty Images
16 di 16

Così, se 40 anni dopo Il tempo delle mele è ancora il simbolo della spensieratezza dell'adolescenza è perché immaginiamo nostalgicamente di tornare a walkman, vinili, trucchi glitter e vestiti pop. Insomma, a tutto ciò che oggi è tendenzialmente trendy. Ma, soprattutto, ci piacerebbe dover solo pensare a "cacciare" i genitori di casa per una sera per ballare un lento tra tramezzini al prosciutto e Coca Cola, con il ragazzo che ci piace e che sogniamo da mesi di baciare. "Dreams are my reality, the only kind of real fantasy"…

Love Story: il film più romantico compie 50 anni

VEDI ANCHE

Love Story: il film più romantico compie 50 anni

The Blues Brothers, un mito che dura da 40 anni

VEDI ANCHE

The Blues Brothers, un mito che dura da 40 anni

Riproduzione riservata