L’attrice Zendaya a 24 anni entra nella storia

Ha trionfato agli Emmy 2020, girato un film in quarantena e (si dice) sarà la prossima protagonista di Kill Bill 3. Ma la superstar del momento, attrice, ballerina e modella, vanta anche un altro primato

Zendaya è ormai considerata la donna dei record: la notte del 21 settembre è infatti entrata nella storia (non solo degli Emmy ma del cinema in generale) come la più giovane vincitrice dell'ambito premio. Miglior attrice di una serie drammatica. A 24 anni. «Un bellissimo segno per le giovani generazioni», ha detto euforica al ritiro (virtuale) della statuetta svelando anche alcuni dei progetti in cui è coinvolta, come il film girato in sole tre settimane durante il lockdown, la pellicola d'amore Malcom & Marie con John David Washington, il remake di Dune e Kill Bill capitolo 3. Sì, perché solo un nome come quello di Zendaya potrebbe dare a Tarantino la spinta per iniziare a lavorare al proseguimento della saga che ha consacrato Uma Thurman. Non credete anche voi che Zendaya sia perfetta per interpretare Nikki, la figlia di Vernita Green?

Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images

Zendaya, che ha compiuto 24 anni il 1 settembre scorso, batte quindi il record finora detenuto da Jodie Comer, che nel 2019 aveva ricevuto il riconoscimento a 26 anni. Lo ha fatto grazie alla sua interpretazione di una ragazza affetta da dipendenza da Fentanyl (il prodotto più spacciato tra i giovani americani) in Euphoria, la serie targata HBO e, ora, confermata per una seconda stagione. Ma Euphoria non è solo un teen drama sulle dipendenze: si parla soprattutto di adolescenza, di paure, connessioni, problemi, criticità e debolezze di questa delicata età. I compagni di avventura di Rue, Zendaya appunto, sono Jules (interpretata da Hunter Vanghn) una ragazza transgender che cerca sé stessa; Nate (Jacob Elordi, ex di Zendaya e ora fidanzato di Kaia Gerber) il capitano della squadra di football che cerca di nascondere la sua omosessualità, e Kat (Barbie Ferreira) una giovane sovrappeso che pensa di reinventarsi su internet per acquisire soldi e fiducia. È chiaro fin da subito che il drama voglia dare una voce alle minoranze e dimostrare che i problemi dei giovani non sono affatto crisi passeggere.

Insomma, l'ex stellina della Disney con gli occhi da cerbiatta, nata e cresciuta in California da madre tedesca e padre afro-americano, si è fatta strada tra i grandi nomi del cinema hollywoodiano riuscendo a scrollarsi subito di dosso quel marchio rimasto invece appiccicato a molte colleghe: ha cantato, sfilato, ballato, disegnato e prestato il proprio volto a marchi famosi senza mai perdere credibilità. E oggi il premio che le è stato assegnato lo dimostra.

E pensare che doveva essere l'anno di Jennifer Aniston (ma forse per questo 2020 basta aver fatto pace e flirtato con Brad Pitt, non credete?), Sandra Oh e Olivia Colman (The Crown è stato invece il grande sconfitto della serata)! «Grazie a tutte le altre donne incredibili di questa categoria. Vi ammiro moltissimo» ha detto la giovane Zendaya.

Riproduzione riservata