Lo scrittore Fabio Volo e la health coach Johanna Maggy: convivono dal 2011

Lo scrittore Fabio Volo e la health coach Johanna Maggy: convivono dal 2011

Quali diritti hanno i conviventi?

Gli italiani che non scelgono il matrimonio ormai sono più di 1 milione. Quali sono le tutele di legge per chi convive? Abbiamo chiesto all’avvocato Ester Viola. Ecco le sue risposte

Questa è la domanda che ci ha posto una lettrice, felicemente in coppia da 10 anni ma ancora incerta su quali siano le tutele di legge per lei e per il suo compagno:

«Vorrei rivolgervi un quesito al quale sembra che nessuno sia in grado di dare una risposta completa, corretta e reale. La convivenza com’è regolamentata? Io e il mio compagno viviamo insieme da 10 anni e non abbiamo figli. Nonostante ci siamo rivolti a Municipio, banca, notaio e avvocato, non abbiamo ancora capito quali sono i nostri diritti e com’è regolamentato il nostro rapporto. Vorremmo ci fossero chiari anche aspetti di questo tipo: in caso di necessità ad autorizzare una forma d’intervento medico, io lo potrei fare per il mio compagno e viceversa? Se compilo il mio testamento olografico, questo ha valore oppure prevale l’asse ereditario previsto dalla legge? In caso di decesso a chi andrebbero i miei beni? Intendo tutto: dal pc alla mia auto, dal mio conto corrente a ciò che è intestato a me. Trovo quasi surreale non poter sapere con esattezza quello che riguarda il mio rapporto di coppia, mi auguro di cuore che possiate essere d’aiuto a me e a tutte le persone che come noi convivono (credo siano tante oramai)».
Annalisa Farina

Ecco la risposta di Ester Viola, scrittrice e avvocato.

Amore o non amore non conta, è vivere insieme che fa la differenza. Un giorno all’improvviso arriva l’amore adulto. E l’amore quando è adulto pretende convivenza. La convivenza, però, non è l’allegro dettaglio naturale che sembra, è una clausola fondamentale: appena infrangi la regola della casa, salta tutto. Un matrimonio finisce andandosene. Non finisce in un modo preciso, finisce in un posto: dietro la porta. Non devi lasciare nessuno, devi solo lasciare l’appartamento. Non puoi oltrepassare lo zerbino, il «Welcome» che dovrai pestare per andartene significherà «Benvenuto in tribunale». E senza il matrimonio? Anche in quel caso la legge ti guarda la casa: se 2 persone hanno una relazione che somiglia molto a un matrimonio, la definizione è (era) convivenza “more uxorio”.

Cos’è la convivenza “more uxorio”?

More uxorio vuol dire “allo stesso modo del matrimonio”. Ufficialmente esiste dal 1993. Una sentenza della Cassazione (n° 6381) decretò «tale tipo di convivenza di fatto, pur non essendo regolata dall’istituto dal matrimonio, non contrasta con il buon costume, l’ordine pubblico e le norme imperative». In altri termini: il Medioevo è finito, andate (e convivete) in pace.

Da allora cosa è cambiato?

La sistemazione definitiva della materia è della legge n. 76/2016, cosiddetta Cirinnà. Qual è stato il progresso: la pari dignità tra sposati e non. E pari diritti (o quasi).

La convivenza deve essere registrata in Comune?

Sì, se si vuole il riconoscimento immediato dei diritti che prevede la legge Cirinnà. Altrimenti è previsto un passaggio ulteriore: sarà necessario provare di essere in una convivenza stabile (per esempio: entrambi nello stato di famiglia). In realtà anche la registrazione non risolve tutto: certifica soltanto l’inizio, non altro.

Chi sono i conviventi di fatto?

a) Due persone maggiorenni (non rileva di che sesso).
b) Due persone unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale.
c) Due persone non legate da vincoli di parentela, non unite in matrimonio o civilmente.
L’importante è vivere insieme. La coabitazione è una condizione necessaria (insieme al fatto che si sia entrambi single o già divorziati).

Unioni civili e convivenze: cosa sono e come funzionano

VEDI ANCHE

Unioni civili e convivenze: cosa sono e come funzionano

Quali diritti si hanno in caso di malattia e ricovero?

C’è diritto reciproco di visita e di assistenza, il diritto di accesso alle informazioni (in particolare quando il partner malato sia incosciente) e il diritto di avere copia della cartella clinica. Si ha facoltà di essere designati come rappresentanti con pieni poteri (o anche con poteri limitati) per la manifestazione del consenso a un eventuale trattamento medico chirurgico. Sarà possibile prendere decisioni in materia di salute se il convivente sia incapace di intendere e di volere perché interdetto o incapace di fatto, ovvero sia incosciente.

Come si ottiene una designazione?

In forma scritta e autografa (ma è preferibile l’atto di un notaio, i fogli scritti a mano generano diffidenza, la diffidenza finisce in sospetto e il sospetto porta in tribunale).
A chi spetta la casa? La sentenza n° 1791/2015 della Cassazione considera la convivenza more uxorio come un consorzio familiare. Il convivente merita una promozione a membro della famiglia. Cosa vuol dire: in caso di separazione non può essere cacciato da un giorno all’altro e può avanzare la tutela possessoria.

La definizione di convivenza “more uxorio” esiste dal 1993. ma È con la legge Cirinnà del 2016 che c’è stata pari diginità tra sposati e non e pari diritti (o quasi)

Cos’è la tutela possessoria?

Con la sentenza n° 19423/2014, la Cassazione prevede per il convivente more uxorio il diritto di esercitare l’azione possessoria anche nei confronti dell’erede del convivente proprietario. Significa che l’erede non potrà in modo violento o clandestino estromettere dal possesso dell’immobile il convivente e quest’ultimo è legittimato all’azione di reintegrazione nel possesso, anche se non ha un diritto di proprietà sull’immobile.

Sono previsti i bonus fiscali?

Secondo l’Agenzia delle entrate il convivente more uxorio può fruire della detrazione al pari di quanto stabilito per i familiari conviventi. Ovvero: il convivente more uxorio che paga le spese di ristrutturazione della casa gode della detrazione fiscale e della manutenzione straordinaria e ordinaria se relativa al condominio, di quella sul risparmio energetico, del bonus mobili e arredi.

Si ha diritto alla successione? Se non è morte derivante da fatto illecito, il convivente more uxorio non ha diritti, a meno che non ci sia un testamento (se ci sono legittimari, non potrà ledere la loro quota). E addio anche alle agevolazioni fiscali.

Insomma, è qualcosa rispetto al passato, ma questo qualcosa sembra davvero ancora poco.

È il 2019 e fanno ancora di tutto per farci sposare.

Anna e Marco stanno insieme da 7 anni, hanno un figlio, Matteo, di 5. Una sera trovano il coraggio di chiedersi, a vicenda: «Mi ami ancora?». La risposta è incerta, l’abbraccio che segue è una zattera per non sprofondare.
Come si sopravvive a una relazione che sta per finire? Come si passa dalla passione alla convivenza al disamore? È il tema del nuovo romanzo di Fabio Volo, Una gran voglia di vivere, appena uscito per Mondadori.

La legge che ha riconosciuto il nostro amore

VEDI ANCHE

La legge che ha riconosciuto il nostro amore

Riproduzione riservata