La ricetta della felicità? Difficile da dare una volta per tutte. Ma la docente di psicologia Laurie Santos ha provato a fornire qualche ingrediente: frequentare regolarmente gli amici, prendersi cura della propria salute, imparare ad accettare le emozioni negative. Sono alcuni concetti che fanno parte del suo corso, intitolato “Psychology and the Good Life”, il più seguito a Yale, la prestigiosa università con sede a New Haven, nel Connecticut. 

Dal 2018 a Yale si insegna la felicità

All’Università di Yale, uno dei corsi più popolari tra gli studenti non riguarda la scienza o l’economia, ma la felicità. Il corso, lanciato nel 2018, ha attirato l’attenzione dei media. Il successo è stato enorme: 1.200 studenti iscritti soltanto nel 2018. Nel 2022, il corso è stato limitato a 485 studenti a causa della pandemia.

Il corso per gli adulti

Sempre nel 2018 è stata rilasciata una versione del corso sulla piattaforma Coursera, “The Science of Wellbeing”, a cui finora si sono iscritte più di 4 milioni di persone. La Santos è stata coautrice di uno studio che ha dimostrato che le persone che hanno seguito il corso online hanno sperimentato un miglioramento del benessere.

Un percorso per gli adolescenti

Di recente Laurie Santos ha creato un percorso gratuito espressamente dedicato agli adolescenti, sviluppato per affrontare i crescenti tassi di ansia, depressione, isolamento, autolesionismo e tendenze suicidarie. “The Science of Well-Being for Teens”, strutturato in sei settimane, prevede lezioni da seguire online. Il corso per ragazzi conta già almeno 17.000 iscritti. La docente ha filmato le lezioni per questo corso davanti a un gruppo di studenti delle scuole superiori nell’estate del 2022. “Oggi non ci prendiamo cura dei nostri giovani se non diamo loro strategie per affrontare tutte le complesse pressioni sociali che devono affrontare”, ha detto Laurie Santos.

studenti felicità

Tecniche per migliorare il benessere

Nel suo corso, la Santos passa in rassegna le ricerche scientifiche sulla felicità e il benessere umano. La docente, che a Yale dirige il “Silliman College”, insegna ai suoi studenti tecniche e strumenti per migliorare il loro benessere emotivo, come la pratica della gratitudine, la meditazione e l’auto-compassione.

Felicità: le relazioni al primo posto

Secondo la Santos, la felicità non dipende dal successo accademico o professionale. L’accademica spiega come la mente umana porti ad ingannarsi su ciò che renderà una persona felice: soldi, voti perfetti, entrare nelle migliori università, successo nei social media. Spesso queste cose non rendono felici, di fatto distraggono da altri elementi che potrebbero migliorare il proprio benessere mentale. La felicità non è qualcosa che si può ottenere semplicemente raggiungendo obiettivi o acquisendo beni materiali. Presuppone, al contrario, un impegno costante nel coltivare relazioni significative, cercando di migliorare il proprio benessere emotivo.