ragazzi giostra
Risponde la psicoterapeuta per la nostra rubrica Gli esperti consigliano

Nel saggio Iperconnessi la ricercatrice Jean Twenge racconta come già prima del lockdown i ragazzi partecipassero meno alle feste e non fossero interessati neanche a prendere la patente. Molti, chiusi nelle loro camerette, vivono i pomeriggi mettendosi alla prova in un’altra piazza, quella virtuale dei social.

La piazza virtuale è più facile

Una piazza più facile rispetto al muretto dove ci incontravamo noi, perché permette di vivere le relazioni filtrati da uno schermo, difesi dal senso di vergogna. Per i più fragili, infatti, trovarsi fisicamente in compagnia di altri è come vivere quei brutti sogni in cui si cammina nudi per strada. Chi avrebbe il coraggio di farlo? E questo perché, nonostante i tanti discorsi sul bodyshaming, agli adolescenti oggi viene chiesto di adeguarsi a uno standard fisico molto stringente.

Come aiutare i figli a disconnettersi dai social

VEDI ANCHE

Come aiutare i figli a disconnettersi dai social

Il bodyshaming vince ancora

Siamo sempre più immersi in una cultura dell’immagine e per i nostri figli è come vivere sotto lenti di ingrandimento che li osservano. Si sentono giudicati per quel seno che è troppo o troppo poco, quel sedere che non ha una forma perfetta e quel brufolo che diventa un orrore, un ostacolo insormontabile. Chi è abbastanza sicuro della sua immagine o almeno ha qualche amico che lo fa sentire a suo agio, alla fine del lockdown si è dato da fare per recuperare il tempo perduto, ma chi è più critico verso se stesso rimane bloccato. Trovare, se ci sono, spazi di complicità ancora infantile con i nostri figli, condividere una colazione in pasticceria o la partita allo stadio va benissimo, ma noi adulti non possiamo e non dobbiamo andare più in là di questo.

Tale madre tale figlia: la bellezza è questione di famiglia

VEDI ANCHE

Tale madre tale figlia: la bellezza è questione di famiglia

Non chiediamo troppo ai figli

Cerchiamo di restare sintonizzati sulla loro fatica e di lasciargli spazio per crescere. Mostriamoci presenti, disponibili e comprensivi. Ma non carichiamoli di un’aspettativa in più. Non pretendiamo che, oltre ad andare bene a scuola e a essere sufficientemente educati, debbano essere anche socialmente performanti. Questo i nostri genitori non ce l’hanno chiesto. E hanno fatto bene.

Mio figlio ha un padre assente, ma io passo per la guastafeste

VEDI ANCHE

Mio figlio ha un padre assente, ma io passo per la guastafeste

Riproduzione riservata