Donna con dolore agli occhi

Sapevi che l’aria condizionata fa male agli occhi?

Gli occhi sono lo specchio dell’anima e spesso anche della nostra salute. Sai che possono essere danneggiati dall'utilizzo dei condizionatori? Ecco perché l'aria condizionata fa male agli occhi e quali rimedi adottare

Secchezza, bruciore, lacrimazione, sono solo alcune dei disturbi che spesso l’aria condizionata causa ai nostri occhi. Lo sappiamo bene, il caldo di questi ultimi anni non dà tregua. Il surriscaldamento globale è un problema che riguarda ogni parte del pianeta e che condiziona, inevitabilmente, la vita di tutti noi. A casa, in ufficio, in macchina, rinunciare all’aria condizionata sembra ormai diventato impossibile.

Ma spesso, si sa, i benefici a breve termine possono causare danni nel medio e nel lungo termine e il giovamento provato in una stanza rinfrescata dall’aria condizionata, spesso deve fare i conti con alcuni danni che essa provoca sul nostro corpo. Sapevi, ad esempio, che l'aria condizionata fa male agli occhi? E se stai pensando che l’irritazione e il rossore che ultimamente stai notando nei tuoi occhi possano essere causati proprio dal tuo condizionatore, la risposta potrebbe essere affermativa. Ecco perché l'aria condizionata fa male agli occhi e in che modo nuoce.

I condotti contengono batteri e muffe

Abbiamo risparmiato tanto per il nostro impianto di climatizzazione, abbiamo approfittato dell’eco-bonus e dopo i primi utilizzi ci siamo accorti che i nostri occhi mal sopportano l’aria condizionata. È una situazione molto comune, ma spesso ne ignoriamo i motivi.

Tra le motivazioni alla base del fatto che l’aria condizionata fa male agli occhi vi è il fatto che i condotti di condizionatori e climatizzatori possono contenere batteri, muffe e virus che in molti casi sono la causa diretta di lacrimazione, bruciore, affaticamento degli occhi e in generale, stress visivo dovuto all’utilizzo, spesso spropositato, di questi dispositivi ormai irrinunciabili per la maggior parte di noi.

Come proteggere gli occhi in estate

VEDI ANCHE

Come proteggere gli occhi in estate

L’aria condizionata riduce l’umidità oculare

Come ben sappiamo è l’umidità, ostacolando la naturale evaporazione del calore del nostro corpo, a farci percepire ancora più caldo. Proprio per questo la deumidificazione è l’alternativa più gettonata quando si tratta di selezionare una tra le varie opzioni dei climatizzatori e dei condizionatori. Quello che dobbiamo tenere a mente però è che l’uso prolungato della deumidificazione, riducendo l'umidità nell'aria, può portare alla secchezza degli occhi.

Infatti, il film lacrimale che mantiene l'occhio umido, viene colpito da questa azione impedendo all’occhio di trattenere correttamente il giusto grado di umidità. Le conseguenze? Prurito, secchezza, occhi rossi e in alcuni casi anche dolore e mal di testa.

Secchezza oculare: sintomi e rimedi

VEDI ANCHE

Secchezza oculare: sintomi e rimedi

Congiuntivite e occhio secco

Alzi la mano chi non ha mai avuto a che fare con la congiuntivite o l’occhio secco. Siamo in tante e ne abbiamo sofferto per una serie di svariati motivi che possono andare dalla sovraesposizione agli schermi, a problemi relativi a infezioni virali e batteriche. Ma sapevate che questi disturbi della vista hanno tra le maggiori cause proprio l’aria condizionata? L’aria eccessivamente fredda dovuta all’utilizzo di condizionatori e climatizzatori è una delle principali cause della congiuntivite.

La congiuntiva infatti (ovvero la parte interna della palpebra) quando ci esponiamo per lunghe ore all’aria condizionata, viene colpita e danneggiata portando ad iperemia, sensibilità alla luce e gonfiore. Un discorso simile riguarda l’occhio secco che, come abbiamo anticipato, è causato dalla disidratazione del film lacrimale dovuta all’aria filtrata, tipica dei dispositivi di aria condizionata.

Contorno occhi, tutti i consigli per la bella stagione

VEDI ANCHE

Contorno occhi, tutti i consigli per la bella stagione

Aria condizionata: come prevenire i problemi agli occhi

Prevenire è meglio che curare, ce lo ripetiamo spesso, ma non sempre mettiamo in pratica questo principio e non sempre abbiamo le giuste informazioni per poter iniziare. Ecco quindi alcuni suggerimenti utili per cercare di ovviare a questo problema, ahinoi, sempre più comune. Per evitare che l'aria condizionata faccia male ai nostri occhi, seguiamo questi piccoli, ma preziosi consigli:

  1. La distanza fa la differenza. Non possiamo rinunciare all’aria condizionata? Bene, ma facciamo nostro questo utile accorgimento. Manteniamoci distanti dal dispositivo evitando di esporre zone sensibili come gli occhi, ma non solo, a contatto troppo diretto con esso. È un consiglio davvero semplice da mettere in pratica, ma può fare un' enorme differenza, soprattutto per la salute dei nostri occhi.
  2. Evitiamo di impostare temperature eccessivamente basse. Questo suggerimento deriva dal buon senso. Il divario eccessivo tra la temperatura esterna e quella interna non può far altro che colpire il nostro corpo causando tutta una serie di disagi e problematiche che vanno dai raffreddori alle bronchiti, dal colpo della strega al torcicollo e naturalmente ai disturbi che interessano i nostri occhi. Tarare l’aria condizionata è importante, non dimentichiamolo.
  3. Optiamo per una corretta manutenzione dei condotti e dei filtri. Come abbiamo anticipato è proprio in queste zone che si annidano germi e muffe. E sono proprio germi e muffe che causano un’ampia gamma di fastidi oculari. Per questo non possiamo permetterci di non provvedere ad un’adeguata manutenzione dei filtri e dei condotti dei nostri condizionatori, rivolgendoci a tecnici qualificati in possesso di regolare patentino F-gas. Con questi piccoli, ma utili accorgimenti, respireremo finalmente tutta un’altra aria!
7 cibi perfetti per la vista: i migliori per il benessere dei tuoi occhi

VEDI ANCHE

7 cibi perfetti per la vista: i migliori per il benessere dei tuoi occhi

Congiuntivite in estate: come avere occhi a prova di sole!

VEDI ANCHE

Congiuntivite in estate: come avere occhi a prova di sole!

Riproduzione riservata