ritenzione idrica

Ritenzione idrica: da cosa dipende, cosa c’entra con la cellulite e come contrastarla

Ti senti gonfia e pesante? Gli abiti tirano da tutte le parti e la mente è un po' "appannata"? Potresti stare trattenendo i liquidi. Leggi di più per sapere come fare

Ritenzione idrica: ne abbiamo sofferto almeno tutte una volta. E la parola "soffrire" non è esagerata, perché se il corpo trattiene i liquidi ci si sente molto a disagio. Sia nel corpo che nella mente. Fortuna che, con un po' di costanza, si può rimediare.

Cosa è la ritenzione idrica

Tecnicamente il significato di ritenzione idrica è la tendenza a trattenere liquidi e tossine nei tessuti, causando edemi e gonfiori, spesso associati a sensazioni di disagio e di pesantezza alle gambe. Per capire questo concetto, è bene ricordare che il nostro corpo è formato per lo più da acqua, suddivisa principalmente in una componente intracellulare ed una extracellulare. L'acqua intracellulare è letteralmente la porzione presente all'interno delle cellule, mentre quella extracellulare rappresenta l'acqua presente nei vasi sanguigni, linfatici e nel tessuto interstiziale, cioè quello tra un distretto e l'altro del corpo umano. La ritenzione idrica avviene quando si accumula un eccesso di liquidi nei tessuti interstiziali. Quando il livello di idratazione non è equilibrato, esso tende ad “aggrapparsi” alle riserve idriche presenti, causando il tipico gonfiore della ritenzione idrica. Se si trattengono i liquidi, infatti, ci si sente più pesante del normale, oltre che meno attivi e lucidi.

I sintomi della ritenzione idrica

Come si manifesta la ritenzione idrica? Ecco i sintomi principali:

  • gonfiore, soprattutto nella zona addominale;
  • gonfiore alle gambe, ai piedi e alle caviglie;
  • gonfiore del viso e dei fianchi;
  • articolazioni rigide;
  • fluttuazioni del peso corporeo;
  • rientranze nella pelle, simili a quelle che si manifestano sulle dita quando sei stata a lungo sotto la doccia o in mare.
Sette cose facilissime che puoi fare ogni giorno contro la ritenzione idrica

VEDI ANCHE

Sette cose facilissime che puoi fare ogni giorno contro la ritenzione idrica

Cause della ritenzione idrica

Diversi i fattori che possono causare la ritenzione idrica, tra cui:

  • stare in piedi o seduti troppo a lungo: la forza di gravità trattiene il sangue negli arti inferiori, non permettendo un ricambio efficace a eliminare i liquidi. È importante alzarsi e muoversi spesso per mantenere attiva la circolazione del sangue. Se hai un lavoro sedentario, programma il tempo per alzarti e fare due passi, anche in ufficio;
  • il ciclo mestruale o le fluttuazioni ormonali legate agli estrogeni;
  • assumere troppo sodio: è ciò che accade quando si mangia cibi eccessivamente salati o lavorati, ma anche se si ingerisce bevande analcoliche, ricche di zucchero;
  • farmaci: alcuni farmaci hanno la ritenzione idrica come effetto collaterale (i più noti sono gli antinfiammatori e i cortisonici);
  • gravidanza: la variazione di peso durante la gravidanza può far trattenere l'acqua nelle gambe se non ti muovi regolarmente.

Tra le cause della ritenzione idrica di pertinenza più strettamente medica, troviamo:

  • problemi cardiaci, come ad esempio un "cuore debole" che non riesce a pompare bene il sangue, può indurre il corpo a trattenere l'acqua;
  • problemi circolatori: ciò porta a un rallentamento del ricambio cellulare e idrico, con la conseguente stasi di liquidi nei tessuti interstiziali.

Ritenzione idrica sulle gambe e non solo: dove è localizzata?

Anche se spesso sentiamo parlare di ritenzione idrica sulle gambe, questa può localizzarsi in diverse altre zone del corpo. Le zone predilette dalla ritenzione idrica sono l'addome, le cosce, i glutei e i fianchi. Questi punti si gonfiano, assumendo un aspetto molle e compatto (in gergo medico, si chiama "edema").

Come capire se si soffre di ritenzione idrica? Con un dito premi l'area interessata per per 2-3 secondi. Se quando rilasci la pressione, sulla pelle rimane ben visibile l’impronta del dito, vuol dire che stai trattenendo liquidi.

Cellulite: conosciamola bene per affrontarla nel modo giusto

VEDI ANCHE

Cellulite: conosciamola bene per affrontarla nel modo giusto

I rimedi: come contrastare la ritenzione idrica

Per combattere la ritenzione idrica per prima cosa è importante bere di più, semplicemente acqua naturale. Anche se non basta. In natura, ci sono alcuni alimenti dalle proprietà drenani che possono aiutare a liberare il corpo dagli eccessi di liquidi, come ad esempio frutti di bosco, anguria e ananas. Il motivo? Contribuiscono a migliorare la circolazione sanguigna grazie alla presenza delle antocianine.

In seconda battuta, è importante limitare ma non eliminare del tutto il consumo di sodio e di cibi ricchi di sale, favorendo invece quelli ricchi di potassio, come banane, asparagi, piselli e legumi.

Rimedi naturali

In natura, esistono molti integratori e tisane che, se assunti con regolarità e nelle giuste dosi, possono aiutare a combattere la ritenzione. Si trovano in erboristeria e farmacia sotto forma di compresse, drink, polvere o foglie già pronte nelle giuste dosi per ottenere infusi.

Di seguito trovi alcuni rimedi naturali che aiutano a drenare i liquidi.

  • Betulla: da sempre conosciuta come diuretico e drenante, si può sciogliere in acqua e bere l’infuso.
  • Ciliegie: mentre la polpa è ricca di sostanze antiossidanti e depurative, i peduncoli (i rametti a cui sono attaccate le ciliegie) possono essere decotti in acqua permettendone il rilascio dei principi attivi.
  • Equiseto: ricco di potassio e sali minerali, è per combattere ritenzione e cellulite.
  • Gramigna, pilosella, ippocastano sono altri estratti molto importanti che possono essere usati contro la ritenzione idrica. La loro funzione principale è quella di aiutare il sistema linfatico a eliminare i liquidi e le tossine in eccesso.

Consigli utili contro la ritenzione idrica

  • Segui una dieta a basso contenuto di sale

Cerca di limitare l'assunzione di sodio a non più di 2.300 milligrammi al giorno. Ciò significa principalmente non mangiare cibi confezionati e lavorati. Prova ad aggiungere spezie al posto del sale per aromatizzare le verdure e le proteine magre.

  • Aggiungi cibi ricchi di potassio e magnesio

Aiuteranno a bilanciare i livelli di sodio. Ecco alcune opzioni:

  • banane;
  • avocado;
  • pomodori;
  • patate dolci;
  • verdure a foglia, come gli spinaci.
  • Assumi un integratore di vitamina B6

Secondo uno studio pubblicato sul “Journal of Caring Sciences”, la vitamina B-6 ha influito in modo significativo sui sintomi premestruali come la ritenzione idrica.

  • Prediligi le proteine

Le proteine attirano l'acqua e mantengono il corpo in equilibrio. Una proteina speciale chiamata albumina mantiene il fluido nel flusso sanguigno e impedisce che fuoriesca e causi gonfiore.

  • Tieni i piedi sollevati

Alzare i piedi può aiutare a spostare l'acqua verso l'alto e lontano dalle estremità inferiori.

  • Indossa le calze a compressione graduata

Le calze a compressione graduata sono sempre più popolari e più facili da trovare in commercio: sono disponibili nei negozi di abbigliamento sportivo e in molti siti online. Il loro scopo è quello di comprimere le gambe, favorendo la circolazione sanguigna, per prevenire così l'accumulo di liquidi.

  • Bevi tanto

Bere costantemente è la soluzione più efficace per contrastare la ritenzione idrica: i canonici 8 bicchieri al giorno sono più che sufficienti.

5 app che ti ricordano di bere (più) acqua

VEDI ANCHE

5 app che ti ricordano di bere (più) acqua

Come prevenire la ritenzione idrica

Il modo migliore di prevenire la ritenzione idrica è adottare uno stile di vita sano ed equilibrato. Il che comprende dormire il giusto, bere tanta acqua, mangiare in modo equilibrato e fare il più possibile movimento.

Quando senti di trattenere più acqua, tieni un diario di ciò che stai facendo e mangiando: questo ti aiuterà a individuare le cause, per poi apportare delle modifiche appropriate allo stile di vita. Giusto in tempo per evitare di gonfiarti e sentirti a disagio.

La ritenzione idrica persistente può causare complicazioni?

La ritenzione idrica costante (e importante) potrebbe essere un sintomo di una condizione medica più seria, come:

  • trombosi venosa profonda;
  • edema polmonare o accumulo di liquidi nei polmoni;
  • fibromi nelle donne;

Se il tuo corpo non ritorna naturalmente al suo stato di equilibrio con i classici rimedi che hai a disposizione, consulta il tuo medico: potrà eventualmente prescriverti diuretici, integratori specifici e indagare sul tuo stato di salute.

Domande e risposte

Come si fa a capire se si soffre di ritenzione idrica?
Per individuare la ritenzione idrica ti basta fare un piccolo gesto: premi con le dita sulla parte del corpo in cui credi possa esserci ritenzione, e osserva la reazione del corpo. Se si forma un alone bianco si tratta di ritenzione idrica
Come eliminare i liquidi nelle gambe?
Per drenare i liquidi nelle gambe è importantissimo bere tanta acqua e tenere le gambe alzate quando possibile
Cosa fare per drenare i liquidi in eccesso?
Per drenare i liquidi in eccesso bisogna seguire una serie di buone abitudini, ecco le principali:
  • bere tanto
  • muoversi spesso
  • diminuire il sale
  • mangiare in modo equilibrato
Quali sono le cause della ritenzione idrica?
Tra le principali cause della ritenzione idrica ci sono i problemi di circolazione, una vita sedentaria, un'alimentazione squilibrata e ricca di sale.
Riproduzione riservata