Elettrodomestici: come farli funzionare a lungo

  • 1 12
    Credits: Shutterstock

    FRIGORIFERO

    Vita media: è di circa 10 anni. Se ne hai uno molto vecchio, conviene però sostituirlo con un modello di classe A+, A++ o A+++, per risparmiare il 25% di energia elettrica.

    La prevenzione
    Una volta al mese pulisci la guarnizione della porta con un panno umido e uno spazzolino, per far sì che il frigorifero si chiuda in modo ermetico. Regola bene il termostato: 3-4 °C sono più che sufficienti per conservare il cibo. Ricorda di non inserire pietanze calde: si potrebbe formare del ghiaccio sulle pareti, che forzerebbe troppo il motore aumentandone il consumo.

    Problemi e soluzioni:

    Alcune parti del pannello frontale e del mobile sembrano calde.
    Il frigo va posizionato in modo che possa espellere calore dal retro.  Per questo, è importante collocarlo ad almeno 10 cm di distanza dalla  parete, e lontano da fonti di calore.

    Il frigorifero emette dei ronzii.
    Il rumore può essere prodotto dalla ventola o dal compressore, specie  quando il frigo pende un po' da una parte. Regolalo tramite i piedini.

    All'interno dei vani si forma della condensa.
    La porta è stata lasciata aperta o sono stati messi cibi umidi.

    Scopri come pulire il frigorifero utilizzando solo prodotti naturali.

    Sfoglia la gallery per trovare la guida completa sulla manutenzione e le problematiche di tutti gli elettrodomestici che usi in casa.

  • 2 12
    Credits: Vando Pagliardini

    CAPPA

    Vita media:
    A parte i filtri che vanno sostituiti quando sono saturi, una cappa dura minimo 10 anni.

    La prevenzione
    Compito della cappa è eliminare i cattivi odori della cucina attraverso i filtri che trattengono le impurità. Il filtro ai carboni va sostituito ogni 3 mesi circa, prima che sia saturo e perda la sua efficacia. I filtri metallici, invece, vanno puliti mediamente ogni due mesi, facendo attenzione a non usare detergenti aggressivi con soda.

    Problemi e soluzioni:

    Pur selezionando la velocità massima rimangono odori persistenti in cucina.
    La cappa va accesa contemporaneamente ai fornelli. E va spenta 5-10 minuti dopo aver cucinato, per eliminare gli odori residui.  Nel caso delle cappe filtranti, non usare la velocità massima: l'aria  aspirata velocemente passa attraverso i filtri senza essere depurata.

    A volte, quando si cucina, la fiamma sembra essere attirata dalla ventola della cappa.
    La cappa deve essere a una distanza minima di 65 cm dal piano di lavoro e mai oltre i 90 cm. È lo spazio corretto per evitare pericoli.

  • 3 12
    Credits: Vando Pagliardini

    PIANO COTTURA

    Vita media:
    I piani cottura durano anche 15 anni senza dare problemi.

    La prevenzione
    Il piano in acciaio inox si pulisce con acqua e sapone o detersivo neutro, utilizzando una spugnetta morbida. Sul piano in vetroceramica non bisogna mai adoperare detergenti abrasivi, ma basta passare una spugna umida quando è ancora tiepido. Nelle cucine a gas, i bruciatori vanno strofinati ogni due mesi con l'aceto per togliere lo sporco e il calcare.

    Problemi e soluzioni:

    Il bruciatore a gas fatica ad accendersi.
    Durante la pulizia, non utilizzare spray e detersivi schiumosi sui comandi e sulle manopole: potrebbero infiltrarsi nelle parti elettroniche dell'apparecchio, danneggiandolo.

    La fiamma è debole e di colore giallo.
    Bisogna chiamare un tecnico per regolare la fiamma.

    Nei piani in vetroceramica, quando si spegne l'alimentazione rimane accesa una spia.
    È un sistema di sicurezza: la spia rimane accesa fino a quando la  temperatura del piano non scende sotto i 60 °C per evitare scottature.

    Per pulire il piano cottura in acciaio inox puoi usare l'aceto: ottimo per lucidarlo senza danneggiarlo.

  • 4 12
    Credits: Vando Pagliardini

    FORNO

    Vita media:
    La porta è la parte più delicata, ma l'apparecchio, se ben utilizzato, arriva anche oltre i 15 anni.

    La prevenzione
    Oltre a una questione di igiene, la pulizia del forno è anche una questione di consumi: i pannelli interni lucidi e puliti riflettono meglio il calore. Quando è ancora tiepido, il forno si può detergere con un panno imbevuto in una soluzione di acqua e bicarbonato. I modelli molto incrostati si possono invece pulire con gli appositi prodotti che si trovano in commercio.

    Problemi e soluzioni:

    Durante il funzionamento i mobili circostanti diventano caldi.
    Ogni volta che si accende il forno entra in azione una ventola che genera un flusso d'aria particolare, che crea una barriera al  calore e raffredda la maniglia della porta. Se ciò non accade, chiama un  tecnico.

    La porta ha una crepa.  
    Va sostituita con una nuova: è pericoloso, e fa fuoriuscire il calore durante la cottura.

    I cibi non vengono cotti bene, rimangono crudi all'interno o si bruciano.
    La ventola non funziona e quindi non consente la cottura uniforme dei cibi.

  • 5 12
    Credits: Vando Pagliardini

    LAVATRICE

    Vita media
    14 anni. La parte più delicata è la guarnizione dell'oblò, che dopo 8-9 anni potrebbe essere danneggiata e, nel caso, va sostituita.

    La prevenzione
    Per mantenere a lungo la lavatrice, bisogna effettuare ogni tanto un ciclo di lavaggio con prodotti anticalcare, per eliminare le incrostazioni. Quando non è utilizzata, è meglio lasciare l'oblò aperto per evitare la formazione di cattivi odori. Non mettere mai troppa biancheria nel cestello: rischia di non sciacquarsi bene. Diversifica anche il bucato, per bilanciare il carico ed evitare che il cesto si rovini.

    Problemi e soluzioni:
    La lavatrice non carica l'acqua.
    La bocca del tubo di scarico è troppo in basso: deve essere sistemata tra i 60 e i 90 cm da terra.

    La lavatrice non scarica.
    Il filtro di scarico è intasato, basta estrarlo e lavarlo sotto l'acqua. Oppure, il tubo di scarico potrebbe essersi piegato.

    La lavatrice perde acqua o esce della schiuma.
    È stato messo troppo detersivo o si è utilizzato un prodotto non adatto alla lavatrice. Controlla che il cassetto del detersivo non sia intasato.

  • 6 12
    Credits: Vando Pagliardini

    ASCIUGATRICE

    Vita media
    Dura circa 15 anni.
    La prevenzione
    Fai attenzione agli allacci elettrici e idrici. Evita di collegare altri elettrodomestici alla presa di corrente dell'asciugatrice, per non correre il rischio di danneggiare la spina, la presa e il cavo di alimentazione. Controlla periodicamente il carico e lo scarico dell'acqua nei punti critici di allaccio, per evitare perdite d'acqua.

    Problemi e soluzioni:

    I golf di lana sono rimasti infeltriti.
    Non è stato selezionato il programma giusto: in genere, tutte le asciugatrici hanno un particolare trattamento antinfeltrentre.

    L'apparecchio non parte.
    La vaschetta di raccolta di condensa dell'acqua è piena e deve essere svuotata. Oppure, si è bruciata la resistenza elettrica che produce calore e non fa azionare la ventola all'interno del cestello.

    Indecisa sulla scelta dell'asciugatrice? Ecco quello che c'è da sapere!

  • 7 12
    Credits: Vando Pagliardini

    LAVASCIUGATRICE

    Vita media
    Come la lavatrice, quindi dura anche 14 anni.

    La prevenzione
    Una delle precauzioni più utili per chi ha una lavasciugatrice? Alla fine di ogni lavaggio, chiudi la chiave di arresto del flusso dell'acqua alla macchina: eviterai inutili consumi. È inoltre consigliato introdurre nell'apparecchio capi centrifugati ad almeno 800 giri, per evitare tempi troppo lunghi di asciugatura con conseguenti consumi troppo elevati.
    Problemi e soluzioni:

    Gli abiti sono rimasti umidi.
    È stato inserito troppo bucato: nel ciclo di asciugatura, bisogna  utilizzare mezzo quantitativo di biancheria lavata alla volta e comunque  non bisogna superare mai i kg segnati sul libretto di istruzioni.

    L'apparecchio non parte.
    Come le tradizionali lavatrici, le lavasciuga hanno un filtro in cui possono rimanere attaccati i residui di tessuto: puliscilo con regolarità, altrimenti, se si intasa troppo, l'apparecchio non parte.

  • 8 12
    Credits: Vando Pagliardini

    LAVASTOVIGLIE

    Vita media
    Può durare anche 15 anni, ma bisogna sempre controllare che non rimangano residui di cibo nel filtro o nei bracci da cui fuoriesce l'acqua.

    La prevenzione
    Periodicamente, bisogna effettuare un lavaggio a vuoto con un detersivo specifico per lavastoviglie che rimuove incrostazioni e calcare. Ogni giorno, invece, bisogna pulire con un panno umido le guarnizioni dello sportello: non devono essere secche, ma elastiche, e consentire una chiusura ermetica della porta. Controlla sempre anche il filtro.

    Problemi e soluzioni:

    La lavastoviglie non si avvia.
    Sono tante le cause, alcune solo di distrazione, come aver dimenticato  di aprire l'acqua o non aver chiuso bene lo sportello. Controlla.

    Le stoviglie non si asciugano e presentano macchie.
    Il brillantante è finito. Se non ci sono macchie, potrebbe essersi disattivato il programma di asciugatura.

    Piatti e pentole non si sono lavati.
    Le stoviglie sono state disposte male oppure gli ugelli dei bracci irroratori sono ostruiti e vanno puliti.

    Scopri anche le regole d'oro per un corretto utilizzo della lavastoviglie!

  • 9 12
    Credits: Vando Pagliardini

    SCOPA ELETTRICA

    Vita media
    Circa 8 anni. Attenzione a non aspirare oggetti appuntiti che danneggiano l'apparecchio irrimediabilmente.

    La prevenzione
    Nelle scope elettriche i sacchetti hanno una capacità contenuta, non più di 2-2,5 litri, e quindi devono essere cambiati molto spesso. Quando sono saturi, sostituiscili immediatamente per evitare che il motore lavori troppo sotto sforzo e si rovini. Durante l'utilizzo, selezionate la potenza adatta al tipo di superficie tramite il cursore o i tasti posti sul manico, per non bruciare il motore.

    Problemi e soluzioni:

    La scopa elettrica si spegne automaticamente.
    Non è stato inserito il sacchetto raccoglipolvere nel modo adeguato.

    Rimangono segni sul parquet.
    Per i pavimenti che devono essere lucidati con attenzione, esistono  accessori come la spazzola con setole in crine naturale e ruote in  feltro che non rigano e non lasciano tracce sulla superficie.

    Quando si aspira sui tappeti rimangono residui di sporco.
    Tieni sempre puliti filtri, spazzole e sacchetto: la scopa funziona meglio e consuma meno.

  • 10 12
    Credits: Vando Pagliardini

    ASPIRAPOLVERE A TRAINO

    Vita media
    Può durare fino a 20 anni, ma dipende dai modelli e dall'uso.

    La prevenzione
    Oltre a pulire, un buon aspirapolvere deve restituire all'ambiente un'aria più pulita di quella che immette: polvere e sporco, quindi, devono essere separati dall'aria aspirata per evitare di essere rimessi in circolo. Per questo, i filtri devono essere sempre pulitissimi. Durante l'uso, ricorda di non tendere mai troppo il cavo di alimentazione, che potrebbe spezzarsi.  

    Problemi e soluzioni

    L'aspirapolvere non si accende.
    Controllate il contenitore per la polvere: potrebbe non essere inserito bene.

    Durante il funzionamento, la potenza di aspirazione diminuisce.
    Il tubo telescopico o gli accessori possono essere ostruiti, oppure i  filtri sono troppo sporchi e devono essere lavati/sostituiti.

    La spia che segnala lo stato di riempimento del vano raccoglipolvere è accesa.
    Se il contenitore è pieno deve essere svuotato subito, perché utilizzare l'aspirapolvere quando il sacchetto è saturo affatica il motore e lo rovina.

  • 11 12
    Credits: Vando Pagliardini

    PULITORE A VAPORE

    Vita media
    Può durare fino a 10 anni, perché è un apparecchio che non si utilizza tutti i giorni e quindi si usura meno.

    La prevenzione
    Fai uso sempre e solo di acqua, non aggiungere mai altri prodotti o detergenti. Per togliere le incrostazioni, tieni ferma la spazzola qualche secondo in più, senza premere troppo. Gli accessori forniti con il pulitore fanno sì che ogni tipo di superficie possa essere pulita, ma sono da utilizzare con attenzione: data la potenza dell'apparecchio, si rischia di rovinare la parte da trattare.

    Problemi e soluzioni:

    Non si riesce ad aprire il tappo della caldaia.
    Il tappo impedisce l'apertura quando all'interno della caldaia c'è  ancora pressione. Aspetta qualche minuto fino a quando la temperatura  si abbassa.

    L'apparecchio non eroga vapore e si è accesa la spia dell'acqua.
    La caldaia è vuota e va riempita per non  mandare in surriscaldamento tutti gli elementi.

    Non si riescono a pulire bene tende e tessuti.
    Contro superfici delicate, vaporizza a una distanza di 20-30 cm: il vapore meno denso pulisce più delicatamente.

  • 12 12
    Credits: Vando Pagliardini

    FERRO DA STIRO

    Vita media
    Dipende molto dall'uso, ma è di circa 2-3 anni. Il calcare è ciò che incide maggiormente sulla durata del ferro.

    La prevenzione
    Sembra scontato dirlo, ma il ferro da stiro deve essere pulito solo a freddo. La piastra si può passare con un panno umido o con una spugnetta, mai con prodotti abrasivi che la graffierebbero. Se l'apparecchio non si utilizza da tanto tempo, prima di riattivarlo tienilo in posizione verticale e lascia fuoriuscire il vapore per circa un minuto, per pulire i canali interni.

    Problemi e soluzioni:

    La piastra rimane fredda e non si riscalda.
    Controlla la spina e il selettore di temperatura: potrebbe essere in una posizione troppo bassa.

    Il vapore fuoriesce in quantità ridotta.
    Non vi è sufficiente acqua nel serbatoio o la temperatura è troppo bassa per produrre vapore.

    Dai fori della piastra escono impurità che macchiano i tessuti.
    Il ferro è sporco: attiva la funzione di autopulizia, perché ci possono essere residui nella camera del vapore.

/5

Aiuto, la lavatrice perde acqua! E perché dal ferro da stiro non esce più vapore? Scopri come far funzionare al meglio i nostri indispensabili aiutanti domestici e consumare meno

Per mantenere efficienti gli elettrodomestici è importante procedere periodicamente a una pulizia mirata. Ricordati che la lavatrice necessita di un lavaggio del cestello a vuoto una volta al mese per eliminare i residui di calcare. In commercio esistono i detergenti giusti per ogni problematica, ma spesso possono essere sostituiti semplicemente dall'aceto o dal limone, dal bicarbonato o dall'acido citrico.

Scopri come usare gli ingredienti naturali per la manutenzione dei tuoi elettrodomestici.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te