• Home -
  • Mamme-
  • Neonato-
  • Lasciar piangere il neonato: ecco perché fa male alla sua salute

Lasciar piangere il neonato: ecco perché fa male alla sua salute 

È opinione piuttosto diffusa che lasciar piangere il proprio bebè possa essere un metodo educativo efficace. Eppure quei pianti non ascoltati, per il neonato, potrebbero essere davvero dannosi

di Sara Vasapolli

“Piangi, piangi. Non verrà comunque nessuno in tuo aiuto.” Ecco il brutale messaggio che viene trasmesso a un neonato quando si decide di non ascoltarne il pianto.
Per molti neonati i momenti legati alla nanna sono fonte di notevole stress in quanto i loro genitori decidono deliberatamente di ignorarne pianti e richieste affettive, con il fine di insegnare loro l’autonomia del sonno e con la convinzione che “qualche lacrima” non possa essere poi così dannosa.
Eppure, quelle lacrime, per un piccolo di pochi mesi altro non sono che parole, richieste, esternazioni di disagio. Il pianto è l’unico linguaggio possibile per un bebè.

Ecco perché ignorare la voce del proprio bambino può portare ad alzare notevolmente il suo livello di stress, con possibili conseguenze fino all'età adulta.
Sfoglia la gallery per capire perché lasciar piangere il proprio piccolo senza intervenire può diventare davvero dannoso per la sua salute psicofisica.

© Riproduzione riservata
Pubblica un commento
 
 
mamme/neonato/lasciar-piangere-neonato-fa-male$$$Lasciar piangere il neonato: ecco perché fa male alla sua salute
Mi Piace
Tweet