Anche l’invidia ha il suo lato buono

Credits: Corbis
1 4

L’erba del vicino, si sa, è sempre più verde. E paragonarsi agli altri è naturale, ma il confronto non deve generare sofferenza, frustrazione o rabbia. Se succede allora si sta provando invidia, uno dei sentimenti più condannati e meno confessati.

«È uno dei sette peccati capitali» spiega Rosa Clemente, psicologa a Pavia «quindi è normale coglierne solo gli aspetti negativi. In realtà, c’è chi ha imparato a vivere pienamente la propria vita smettendo di invidiare quella degli altri». Come? Accogliendo questo sentimento e analizzandolo con lucidità. Perché spesso nasconde qualcosa di irrisolto, che riguarda chi ne soffre. Messo a fuoco il vero motivo dell’invidia, diventa facile ribaltarla a proprio favore. Tre donne ci sono riuscite e ti raccontano la loro esperienza.

/5

È quello che ti permette di esprimere talento e creatività. Sfruttalo a tuo vantaggio ispirandoti a queste storie

In uno studio pubblicato sulla rivista internazionale Computers in human behavior, le ricercatrici Ruoyun Lin e Sonja Utz affermano che quando i nostri contatti più stretti condividono notizie positive proviamo un’invidia “benevola”, che ci stimola a migliorarci.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te