Carenze emotive

Quali sono le più comuni carenze emotive?

Esistono diverse tipologie di carenze emotive, alcune più complesse di altre. Ecco quali sono e perché è importante conoscerle e identificarle, in sé stessi e negli altri

Tutti, chi più e chi meno, vogliamo essere amati e avere un bel rapporto con gli altri; per questo soffrire di carenze emotive ci fa stare così male.

In quanto esseri umani, siamo portati per istinto a socializzare con gli altri, ad amare e a desiderare di essere ricambiati e quando questo non accade, rischiamo di soffrire e iniziare a dubitare di noi stessi e del nostro valore.

Cosa sono le carenze emotive e cosa le scatena

Per carenze emotive si intendono dei disturbi psicoaffettivi che hanno spesso origine nell'infanzia e ci accompagnano poi nella nostra vita adulta.

Si tratta di una vera e propria "fame d'amore", un desiderio di amare ed essere ricambiati che ci segue costantemente ed è spesso dovuto a carenze d'affetto che hanno influenzato il nostro sviluppo psicoaffettivo e minano la nostra autostima, spesso senza che ce ne rendiamo conto.

Di fatto, porta a essere sempre più affamati d’amore, spesso anche in modo esagerato o patologico, portandoci ad esempio a dipendere dal partner o ad annullarsi per lui, con conseguenze anche gravi sul nostro benessere psicofisico.

Sottovalutarsi è un’abitudine distruttiva. Ed ecco il perchè

VEDI ANCHE

Sottovalutarsi è un’abitudine distruttiva. Ed ecco il perchè

Le cause possono essere molteplici; un genitore poco attento o che di sminuiva costantemente, un partner disfunzionale che ci ha fatto pensare di non valere nulla e non dimostrava mai il suo affetto nei nostri confronti... quale che sia la causa, lasciare che queste carenze prendano il sopravvento è molto pericoloso.

Il rischio infatti è quello di non capire più quali rapporti sono sani e quali no, lasciandoci trasportare anche in relazioni poco sane solo per una disperata fame d'amore e attenzioni.

Le più comuni carenze emotive e come superarle

Le carenze emotive possono essere di vario tipo; comunicative, gestuali, comportamentali, e tutte possono essere causa di forti vuoti emotivi che ci fanno stare male e soffrire.

Le carenze emotive legate al linguaggio

Quello che ci viene detto dai genitori durante l'infanzia, o da un partner in una relazione ha un suo peso; e ha un peso anche il modo in cui ci viene detto.

Essere costantemente sminuiti, trattati con sarcasmo e cinismo, oppure ignorati e mai presi sul serio, col tempo, può avere conseguenze catastrofiche sul nostro benessere emotivo.

La comunicazione dovrebbe basarsi innanzitutto sul rispetto e sul reciproco ascolto: solo così possiamo davvero capire e rispettare l'altro e i suoi sentimenti.

5 trucchi per aumentare la tua autostima

VEDI ANCHE

5 trucchi per aumentare la tua autostima

Le carenze emotive legate alla gestualità

Un rapporto affettivo si basa anche sui piccoli gesti: un abbraccio, una carezza un bacio, fino - nel caso del partner - a tutta la sfera della sessualità.

Sono gesti importanti che spesso ci fanno sentire amati più di mille parole e discorsi e fanno parte di quella che è una relazione piena e soddisfacente, nonché segnali che ci fanno sentire sicuri in un rapporto, quale che esso sia.

Crescere senza mai un gesto d'affetto da parte dei genitori, o avere un partner distaccato che non ci abbraccia o non ci dà mai un bacio, potrebbe minare la nostra sicurezza e iniziare a farci dubitare di noi stessi.

Le carenze emotive comportamentali

Spesso non sappiamo gestire in modo corretto le nostre emozioni perché ci hanno insegnato a non mostrarle, a tenerci tutto dentro.

Questo però non è sano: non esternare sentimenti come la paura, la tristezza, la rabbia potrebbe portarci a tenere tutto dentro e, ad un certo punto, ad esplodere, letteralmente.

Spesso questo tipo di comportamento si accompagna alla convinzione che chiedere aiuto sia da "deboli" e che si può contare solo su sé stessi: non c'è nulla di più sbagliato. Chiedere aiuto quando non si sta bene è un gesto umano, normale e non c'è nulla di male nel volere il supporto di chi ci ama, quando ne sentiamo il bisogno.

Come si affronta al meglio ciò che ci causa dolore?

VEDI ANCHE

Come si affronta al meglio ciò che ci causa dolore?

Superare le carenze emotive è possibile

Certo, non è semplice riuscire a superare una carenza emotiva, o aiutare qualcuno a farlo, perché spesso queste ci accompagnano da molti anni, se non da tutta la vita.

Tuttavia, una volta identificate, è possibile iniziare un percorso di introspezione per superarle e risolverle. Il primo passo è ovviamente chiedendo aiuto a chi ci sta vicino e spiegare quali sono i nostri bisogni e desideri.

Se il supporto di un partner o di un familiare o un amico non sono sufficienti, è però bene considerare anche di rivolgersi a un professionista, che potrebbe aiutarci a identificare il problema alla radice, attraverso un percorso di psicoterapia.

La cosa importante è sempre riconoscere e ammettere una carenza emotiva e allontanarsi subito da tutte quelle situazioni o relazioni malsane in cui ci siamo rifugiati solo per fame d'amore, e non perché ci facciano davvero stare bene e sentire realizzati ed amati.

Riconoscere le carenze emotive che magari ci accompagnano da tutta la vita non è semplice, certo, ma nemmeno impossibile - dobbiamo essere onesti con noi stessi, valutare con oggettività se il punto in cui ci troviamo ci fa bene o è solo un ripiego per non stare soli, ma soprattutto accettarci per ciò che siamo.

Solo allora potremo provare a superare e risolvere una carenza, sempre circondati da rapporti solidi e reali, che ci fanno sentire apprezzati e amati a prescindere da tutto.

10 app che aiutano la salute mentale

VEDI ANCHE

10 app che aiutano la salute mentale

Come si affronta l’ansia interiorizzata?

VEDI ANCHE

Come si affronta l’ansia interiorizzata?

Riproduzione riservata