Andie MacDowell, 64 anni
Andie MacDowell, 64 anni

Basta vergognarsi dell’età

Esiste un pregiudizio anagrafico sull'età: si chiama ageismo. L’ultimo tabù della nostra società dominata dal culto della giovinezza. È il momento di smantellarlo. E di goderci tutto il valore degli anni che abbiamo

Ogni volta mi sento un po’ a disagio. Ogni volta che qualcuno mi dice: «Non dimostri affatto la tua età». Il perché l’ho capito dopo avere letto Il bello dell’età. Manifesto contro l’ageismo di Ashton Applewhite, uscito qualche anno fa in Italia per Corbaccio. Come l’autrice, 70 anni, giornalista americana, anche io ho ereditato dai miei genitori dei buoni geni, ho una vita attiva, faccio un lavoro che mi tiene sempre al passo, curo il fisico e la mente con camminate, nuoto e yoga, so che avrò, se tutto va bene, ancora una lunga vita davanti. Eppure non mi sento pronta. Pronta a invecchiare. Perché invecchiare significa entrare in una “categoria”, finire dall’altra parte della barricata. E quel «Non dimostri affatto la tua età» implicitamente significa che dall’altra parte ci dovrei stare.

Ipa
1 di 19 - Andie Mac Dowell
Ipa
2 di 19
Getty Images
3 di 19
Ipa
4 di 19 - Sharon Stone
Ipa
5 di 19
Sean Zanni/Patrick via Getty Images
6 di 19
Ipa
7 di 19
Ipa
8 di 19
Ipa
9 di 19 - Emma Thompson
Ipa
10 di 19
Ipa
11 di 19
Ipa
12 di 19
Getty Images
13 di 19
Olycom
14 di 19 - Isabella Rossellini
Getty Image
15 di 19 -

I film del festival sono suddivisi in due sezioni principali: il Concorso e Un Certain Regard, che sarà presieduta da Isabella Rossellini. La scelta non è stata casuale: il 2015 è il centenario della nascita di sua madre, Ingrid Bergman. La locandina dell'evento ritrae l'attrice che fu a sua volta presidente di giuria nel 1973. Isabella ha dichiarato che: "Mamma adorava il suo mestiere di attrice. Per lei recitare non era un lavoro ma una vocazione, 'non ho deciso io di recitare' diceva sempre, 'è la recitazione che mi ha scelta'".

Getty
16 di 19
Getty Image/Ernesto Ruscio
17 di 19 -

Eleonora Giorgi, l'avvenente attrice di Borotalco (1982) di Carlo Verdone, è una sessantenne che non ha saputo rinunciare al ritocchino che le ha alquanto tirato il viso...

Madre del 22enne Paolo, avuto con l'ex marito Massimo Ciavarro, per gli uomini della sua vita - coppia padre-figlio in gara a Pechino Express - ha sempre avuto parole grondanti d'amore.

18 di 19 -

Una a cui invece con il toy boy non è affatto andata bene è il sogno erotico di tanti maschietti teenager negli anni Ottanta, Corinne Clery. La sua relazione con Angelo Costabile è terminata insieme alla sua partecipazione al reality show Pechino Express. L’ormai ex fidanzato ha spiegato che la bella 63enne era “arrabbiata” perché il pubblico solidarizzava con lui anziché con lei. In effetti… Corinne era stata addirittura ribattezzata “Sclery” dai social network e i tweet contro di lei si sprecavano. Tutta la nostra comprensione quindi all’ex!

Corinne Clery
Lapresse
19 di 19 -

Alle sfilate milanesi continua lo spettacolo dei vip in prima fila: dai grandi nomi internazionali, alle attrici nostrane, alle starlette della televisione.

Nella foto: l'attrice statunitense Marisa Berenson alla sfilata di Roberto Cavalli.

Marisa Berenson

Cos'è l'ageismo

«Lageismo è la forma più stupida di razzismo, perché discrimina chi vive una condizione che tutte e tutti vivranno comunque, se non muoiono prima» mi spiega Lidia Ravera, scrittrice da sempre attenta a questi temi, quando le espongo i miei dubbi sul fatto se sia giusto nascondere l’età o mostrarsi come si è, capelli grigi compresi come fa Andie MacDowell. «Nascondere la propria età è una dichiarazione di debolezza. Vuol dire che hai introiettato supinamente gli aggettivi “squalificativi” che tutti associano alla vecchiaia, e la rifiuti. E, rifiutandola, rifiuti una parte della tua vita».
Quali sono questi aggettivi? Anziana, befana, cougar, troppo vecchia per... Quando va bene, donna di una certa età. Per non parlare dei pregiudizi: «Le rughe sono brutte, i vecchi sono incompetenti, è triste essere vecchi» scrive Applewhite. La forma di discriminazione basata sull’anagrafe ha un nome: si chiama ageismo. Ed è da un po’ che, per fortuna, se ne parla. Simone de Beauvoir nel 1971 scrisse un libro intitolato appunto La terza età, dove spiegava che il divenire vecchi è vissuto in maniera variabile a seconda del contesto sociale e culturale di appartenenza. In Occidente vige il mito della giovinezza: dobbiamo essere sempre belli e prestanti per continuare a girare sulla ruota. Eppure la popolazione sta invecchiando. Gli over 65 in Italia sono il 23,8 % della popolazione, pari a più di 13 milioni di persone. Che hanno davanti almeno altri 20 anni di vita. «Bisogna combattere gli stereotipi che rendono il terzo tempo della vita impraticabile, inabitabile, sinistro, odioso» continua Lidia Ravera. «James Hillman in La forza del carattere (Adelphi, ndr) scrive: “La patologia più grave della vecchiaia è l’idea che ne abbiamo”».

Il sesso a 60 anni tra menopausa e sex toys

VEDI ANCHE

Il sesso a 60 anni tra menopausa e sex toys

La vergogna di invecchiare

Lidia Ravera ha 71 anni, si tinge i capelli di biondo (ma se li tingeva già a 20 anni), corre 6 chilometri tre o quattro volte alla settimana («anche se ho smesso di fare le gare come prima») e sta finendo un libro che uscirà a febbraio. È una specie di requisitoria, un proclama, un allegro comizio dal titolo significativo: Vergognatevi di vergognarvi di invecchiare. «Da 10 anni, instancabilmente, lavoro sull’immaginario collettivo per ripulire questa parte della vita da tutto il ciarpame e da tutti gli aggettivi offensivi che ci riuniscono in una categoria che non esiste: ciascuno invecchia a modo suo, sei quello che sei. L’ho fatto con i miei ultimi 6 romanzi, lo faccio dirigendo una collana di libri d’amore, “Terzo tempo” (per Harper Collins, ndr), dove i protagonisti sono tutti over 60, lo faccio parlandone pubblicamente. Se da vecchio o vecchia sei arido, egocentrico, ripiegato su te stesso, pieno di rancore o invidia, depresso o inerme, quasi sicuramente eri così anche a 30 anni. La vecchiaia non è un buco nero in cui cadi, un luogo altro. È parte della tua vita, e ciascuna vita è unica».

Come sentirsi belle a 60 anni

VEDI ANCHE

Come sentirsi belle a 60 anni

La prima cosa da eliminare sono le categorie

«Questa contrapposizione vecchio/giovane consegna due terzi di noi a uno stato di seconda classe, un esilio autoimposto docilmente nei posti peggiori della platea» scrive Ashton Applewhite. E così ci fa dimenticare che l’età è un continuum, che manteniamo traccia di quello che siamo stati e delle esperienze che abbiamo fatto. Siamo quello che siamo. Non altro. «Solo gli smemorati pensano che la giovinezza sia felice. Io sono più felice adesso. O, forse, dovrei dire meno infelice. Ho capito chi sono, so trattare con me stessa senza perdere la pazienza, mi tengo d’occhio, sono padrona a casa mia» conferma Lidia Ravera. Si chiama “Curva a U della felicità” e l’hanno individuata i ricercatori delle università di Melbourne e di Warwick: le persone sono più felici all’inizio e alla fine delle loro vite, perché hanno meno pressioni legate alla famiglia, al lavoro e alla carriera. «Si è più felici perché si è più consapevoli, meno dipendenti dal giudizio degli altri, si hanno meno bisogni e perciò più desideri. La lunghezza del tuo passato ti rende forte, la brevità del futuro ti aiuta a non perdere tempo dietro a ciò che non è essenziale né nutriente» continua Ravera. Lottare contro il tempo che passa è una battaglia persa, anche se non è facile smettere di combatterla. «Qual è stato il pregiudizio di cui è stato più difficile liberarmi?» dice Ashton Applewhite. «Quello contro me stessa, contro la futura me, più vecchia, che vedevo inferiore alla giovane me. Ecco il fulcro della negazione dell’età. Crea una divisione artificiale, distruttiva e insostenibile fra chi siamo e chi diventeremo. Occultare o rinnegare la nostra età dà a quel numero un potere su di noi che non merita. Accettare l’età apre la strada al riconoscimento di un obiettivo raggiunto, che va rivendicato con orgoglio».

Come vestirsi a 60 anni per essere impeccabile e alla moda

VEDI ANCHE

Come vestirsi a 60 anni per essere impeccabile e alla moda

W il coming out!

Lidia Ravera invita al coming out, «perché l’età, l’esperienza fatta, la nostra storia sono un valore aggiunto. Basta rincorrere un tempo scaduto, impariamo ad abitare quei 30 anni in più che pace, igiene e nuove tecnologie ci hanno regalato e che rischiano di rimanere vuoti. Non bisogna inseguire il “modello giovinezza”, bisogna inventarne un altro. Siamo la prima generazione che si trova a vivere tempi supplementari così lunghi. Siamo esploratori, in una terra sconosciuta. Una generazione sperimentale».

Le donne role model che non nascondono le rughe

Tante super model degli anni ’80 sono oggi di esempio: non nascondono le rughe, affrontano la loro età con dignità, hanno messo la cura spirituale davanti alla cura del corpo, e quella del corpo sul piano della gentilezza invece che su quello della “forzatura”. Sfilano sulle passerelle per dimostrare che la bellezza può avere un altro tempo. Che non esiste qualcosa di “appropriato all’età”: né attività, né outfit, né relazioni. La longevità è una prova del progresso umano, ma la nostra cultura ancora non è pronta. Per le donne è anche peggio. «Perché quando smettono di essere “fertili” vengono trattate da merce scaduta, come se fossimo ancora mammiferi al servizio della riproduzione» spiega Ravera. Non è così: lo dimostra un bel documentario, Ancora donne, di Stéphanie Chuat e Véronique Reymond (lo trovate su oval.media.it) che racconta della voglia di amare e sognare di 5 donne over 60. «Da oggetti del desiderio altrui impariamo a vivere da soggetti, titolari del diritto di desiderare. Sarebbe una vera rivoluzione» conclude Lidia Ravera. L’ageismo è l’ultimo pregiudizio socialmente sdoganato. «Accettare la diversità significa includere persone di razza, genere, capacità e orientamento sessuale diversi: perché l’età non viene considerata con un criterio simile?» scrive Applewhite. Per questo ogni volta che qualcuno mi chiederà quanti anni ho e dirà: «Non dimostri affatto la tua età» - ne ho appena fatti 60 - risponderò: «E ora che lo sai cambia qualcosa?».

Come essere belle ed eleganti (anche) a 60 anni

VEDI ANCHE

Come essere belle ed eleganti (anche) a 60 anni

Riproduzione riservata