Ufficio donne disabile carrozzina

Cambiamo sguardo sulla disabilità

«Sai che oggi D. mi ha picchiata?».
«Come mai?» chiedo con sguardo accusatorio.
«Ha provato a strapparmi di mano la merendina e io non
ho ceduto».
«Avresti dovuto lasciargliela» formalizzo il rimprovero.
«E perché dargliela vinta?».
Questa è mia figlia che “mi spegne”, come direbbe lei. Ovvero che svela in modo inequivocabile lo sguardo che inconsciamente riservo a coloro che, come D., hanno una qualsiasi forma di disabilità.

Cambiamo sguardo, è l’invito del numero di Donna Moderna in edicola questa settimana, che nasce dall’incontro con persone straordinarie e con i loro messaggi dirompenti. Sono donne che stanno cambiando la narrazione in cui sono cresciute. La pietà, la compassione, l’indulgenza sono le sabbie mobili in cui restano intrappolate e scompaiono lentamente. La fisicità, la verità, la consapevolezza di quanto possono offrire è ciò da cui traggono la forza necessaria per contribuire a ridisegnare la società in cui vivono.

La prima cosa che ho imparato da loro è l’importanza di farsi le domande giuste. Non: com’è diventata così, è stato un incidente, o forse
una malattia genetica? Bensì: esistono macchinari in grado di farle un
pap test? Ci sono tutti gli strumenti perché possa prendersi cura
della propria salute e sessualità? Ci sono i servizi che le permettano
di godere dell’arte, della bellezza, della musica?

La seconda cosa che ho imparato da loro è che la disabilità non è una condizione dell’individuo, ma della società incapace di accogliere le caratteristiche psicofisiche di tutti. Abitiamo una società svantaggiata, perché non sa valersi dell’apporto e della creatività di ogni suo componente. E ciascuno di noi può contribuire a riprogettarne un pezzettino, quello più vicino a sé, fosse anche un settimanale femminile. Che smette di essere disabile nel momento in cui cambia sguardo e si avvale della competenza e della voce di tutti.

La terza cosa che ho imparato è che non importa se tutte le persone in carrozzina non sono tenaci come Sofia Righetti o consapevoli come Valentina Tomirotti. Il fatto che non tutti sarebbero in grado di combattere come fanno loro non le rende meno titolate a farlo. E se anche solo un lettore alla fine di questo numero avrà cambiato sguardo, come è successo a me, aver dato voce alla loro battaglia non sarà stato vano.

Sofia Righetti, l’attivista per le donne con disabilità

VEDI ANCHE

Sofia Righetti, l’attivista per le donne con disabilità

Le parole che abbattono le barriere

VEDI ANCHE

Le parole che abbattono le barriere

Ambulatori e prevenzione per le donne con disabilità

VEDI ANCHE

Ambulatori e prevenzione per le donne con disabilità

Novità per viaggiare se ti sposti in carrozzina

VEDI ANCHE

Novità per viaggiare se ti sposti in carrozzina

Mostre, musei, cinema accessibili alle disabilità

VEDI ANCHE

Mostre, musei, cinema accessibili alle disabilità

Riproduzione riservata