Le nuove lauree su cui puntare subito

03 09 2019 di Eleonora Lorusso
Credits: Shutterstock

Dall’esperto in terremoti a quello in allevamenti sostenibili, passando per i medici-ingegneri

La scelta tra le università oggi è molto vasta.

Gli atenei italiani migliorano nell’annuale classifica delle migliori università al mondo, entrando nella Top Ten delle classifiche in diverse facoltà. Qui le più quotate e soprattutto quelle che offrono le lauree con cui trovare lavoro.

Qui le lauree che offrono lo stipendio più alto.

Moltissime sono quest'anno le nuove Facoltà: accanto alle tradizionali lauree in medicina, ad esempio, ci sono corsi della stessa facoltà tenuti interamente in inglese oppure proposte del tutto innovative, come la laurea in Accoglienza e Internazionalizzazione a Roma, quella in Produzioni Animali innovative e sostenibili a Parma o quella in Reduction of Sismic Risk di Pavia, anch’essa in inglese, che permette di studiare i terremoti per prevenire e limitare i danni a strutture e infrastrutture.

Ecco alcuni dei nuovi corsi di laurea.

Medici o ingegneri?

L’ingegneria torna protagonista e lo diventa sempre più anche in ambito medico, tanto che a Milano il Politecnico ha dato vita a MEDTEC, un nuovo corso di laurea che integra la formazione tipica della Facoltà di medicina (in particolare del medico chirurgo) a quella di Ingegneria (biomedica), grazie alla collaborazione con l’Humanitas University. In sala operatoria, dunque, entrano sempre più l’intelligenza artificiale, la telemedicina e l’internet delle cose per rendere sempre più precise e sicure le tecniche di intervento (www.humanitas.it).

Laurea in “terremoti”

Se prevenire i terremoti è ancora una chimera, valutarne i rischi in termini di danni a strutture (come case, scuole, ecc) e infrastrutture è ormai una realtà, grazie al corso di laurea magistrale in inglese, attivato dall’Università di Pavia. Si chiama Reduction of Sismic Risk e promette di offrire una formazione accademica su eventi come sismi, appunto, o fenomeni atmosferici potenzialmente catastrofici, come i dissesti idro-geologici. In un paese come l’Italia, ad altissimo rischio per la fragilità del suo territorio, esperti in questo ambito risultano particolarmente richiesti (www.civrisk.unipv.it).

Accoglienza e Internazionalizzazione

A Tor Vergata a Roma la parola d'ordine del futuro è accoglienza, tanto che l'ateneo della Capitale ha attivato un corso in Lingua e cultura italiana a stranieri per l'Accoglienza e l'internazionalizzazione. Dura due anni e le lezioni sono prevalentemente a distanza. L'obiettivo è formare studenti sia italiani che stranieri (ma anche lavoratori-studenti che operano già nel campo della formazione e accoglienza, anche all'estero), puntando alla formazione di figure da inserire in contesti educativi e sociali che prevedano anche la presenza e i contatti con migranti (info: www.uniroma2.it).

L’ingegneria smart

In un mondo dove tutto diventa smart, anche le fabbriche si adeguano e diventano “intelligenti”. O almeno questo è l’obiettivo di un corso di laurea dell’Università Carlo Cattaneo di Castellanza (Varese, www.liuc.it), in Ingegneria Gestionale, che si concentra sull’impiego di strumenti come robot, stampe 3D e intelligenza artificiale.

Dottori in videogiochi

A Verona viene offerto un corso di laurea in Business Intelligence e Computer Game. Proprio così: in pratica si studiano i videogiochi, o meglio la progettazione di questi strumenti così diffusi da essere ormai considerati disciplina olimpica. Naturalmente occorre una certa propensione per l’informatica (info: www.di.univr.it).

Allevamenti sostenibili

Da nord a sud, a Teramo si formano i futuri esperti in Scienze delle Produzioni animali sostenibili, ossia coloro che si occupano di prodotti animali, alimentazione umana e impatto ambientale. Approfondendo le conoscenze di zootecnia, l’obiettivo è quello di rendere le produzioni e gli allevamenti il più sostenibili possibili (info: www.unite.it). Un corso analogo è presente anche a Parma (www.unipr.it).

Big Data e Data Science

Che il futuro passi dall’analisi dei dati è ormai assodato. Ecco allora che a Bari (Università degli Studi Aldo Moro, www.uniba.it) è stato attivato un corso di laurea per professionisti che sappiano non solo analizzare, ma anche utilizzare i dati per migliorare il rendimento delle aziende. Alla Bocconi di Milano è presente un corso analogo, con la possibilità di seguire un Master in Data Science and Business Analytics, che unisce anche lezioni approfondite sulle tecniche statistiche associate ai dati (www.unibocconi.it).

Esperti meteo (in inglese)

Le previsioni meteo sono diventate uno dei principali campi di interesse non solo per esperti, per prevedere possibili perturbazioni di impatto per le popolazioni, ma anche per i singoli cittadini. A Trento è presente un corso di laurea, nato dalla collaborazione con l’ateneo di Innsbruck (Austria) che insegna a utilizzare modernissime strumentazioni e tecnologie proprio a questo scopo. Le lezioni sono in inglese (e a numero chiuso con una trentina di posti. Info: www.unitrento).

Tutela dei mari

Dai cieli ai fondali marini, presso la sede di Ravenna dell’Alma Mater di Bologna si può seguire il corso in Offshore Engineering, ossia ingegneri che si occupano di risorse off-shore. Particolare attenzione è riservata agli impatti ambientali di strumentazioni e attività marine in profondità, come ad esempio le estrazioni da piattaforme nei mari e oceani (www.corsi.unibo.it).

Riproduzione riservata