Manarola Cinque Terre treno Liguria
Manarola, Cinque Terre, Liguria

Viaggi in treno: 6 itinerari

Ecco 6 proposte di viaggio per girare tutta la Penisola in treno
1 di 6 - Trentino Alto Adige
Trenino del Renon


Il percorso: da Soprabolzano a Collalbo (Bz).
La lunghezza: 6,8 km
La durata: 18 minuti
Da non perdere: la vista sui camini delle fate e sulle cime del Corno Nero e Corno Bianco, delle Odle e delle Alpi Sarentine.
I siti utili: suedtirol.info; ritten.com

Quando è stato inaugurato nel 1907 collegava la centrale piazza Walther di Bolzano all’assolato altopiano del Renon, diventando il simbolo della Belle Époque bolzanina. Oggi questo trenino è l’unico a scartamento ridotto dell’Alto Adige e sfoggia ancora vagoni storici. Per salire a bordo prendi la funivia a Bolzano (via Renon 12, parte ogni 4 minuti), una teleferica panoramica affacciata sul Catinaccio e sullo Sciliar, e scendi a Soprabolzano, stazione di partenza del convoglio. Da qui, ogni mezz’ora, parte la cremagliera che in 20 minuti ti porta a Stella e a Collalbo: lungo il percorso vedrai i camini delle fate, imponenti piramidi di roccia argillosa dalle forme insolite che punteggiano la valle di Rio Rivellone. Guarda fuori dai finestrini e cerca le silhouette del Corno Nero e del Corno Bianco. I bambini si divertiranno tantissimo. Se viaggi in famiglia raggiungi lo Schneeberg Family Resort & Spa in Val Ridanna: ha parco divertimenti acquatico e miniclub. L’offerta “Estate intensa” comprende 3 o 4 notti all-inclusive light con buono wellness da 20 euro (da 339 euro a testa, schneeberg.it).
2 di 6 - Liguria
Cinque Terre Express


Il percorso: da Genova a La Spezia.
La lunghezza: 80 km
La durata: circa 1 ora e 30 minuti
Da non perdere: Levanto, Riomaggiore, Vernazza, Monterosso al Mare, Corniglia.
Il sito utile: lamialiguria.it

Perché scegliere un borgo quando puoi vederne cinque spettacolari in un colpo solo? Il Cinque Terre Express, treno che fa la spola ogni giorno da Genova a La Spezia, offre in poco più di un’ora una panoramica degli scorci più sorprendenti della riviera di Levante. Il tratto da non perdere è quello da Levanto a Riomaggiore, quando una a una affiorano tra le scogliere frastagliate “le terre” come le chiamano i local. La prima è Monterosso al Mare, la più grande delle cinque, celebrata da Dante e Montale per la sua bellezza austera e rocciosa. Poi dal finestrino arriva Vernazza, sorvegliata dall’alto dal Castello Doria, struttura difensiva medioevale con torre imponente. Corniglia ti aspetta dalla cima del promontorio con i suoi vigneti terrazzati, per poi cedere il passo a Manarola e al suo puzzle di casette a torre che si arrampicano sulla scogliera, separate da stretti carrugi e lunghe scalinate in ardesia. Non deludono neanche Riomaggiore e il suo vivace porticciolo. La Cinque Terre Card Treno ti fa risparmiare se ti fermi più giorni (16 euro, viaggi illimitati e sconti nei musei), altrimenti c’è il biglietto a tariffa unica (4 euro, parconazionale5terre.it).
3 di 6 - Toscana-Emilia Romagna
Porrettana Express


Il percorso: da Pistoia a Porretta Terme (Bo).
La lunghezza: 40 km
La durata: un giorno
Da non perdere: il paesaggio dell’Appennino tosco-emiliano, le storiche stazioni di Valdibrana e Corbezzi.
I siti utili: visittuscany.com; porrettanaexpress.it

Vagoni con animazione per i bambini, visite all’Ecomuseo ferroviario appenninico e al Deposito rotabili storici, spettacoli teatrali e letterari a bordo: se cerchi un’esperienza a misura di famiglia prenota un posto sul Porrettana Express, l’antica ferrovia che percorre l’Appennino tosco-emiliano da Pistoia a Porretta Terme. Per l’estate sono già in programma 10 viaggi tematici dedicati ai mestieri storici della zona, ai borghi montani del pistoiese e alle sue tradizioni. Lungo il percorso non perdere la stazione di Valdibrana, datata 1882, con le sue “rampe di lanciamento” per far prendere velocità al treno e “di salvamento” per ridurne la corsa in fase di rientro. Il piccolo borgo di Piteccio è scenografico così come la stazione di Corbezzi dove puoi vedere sei antiche gallerie. La tratta prosegue per Pracchia, Molino del Pallone, Ponte della Venturina fino a Porretta Terme. In calendario trovi anche percorsi che includono escursioni in località vicine, da abbinare a trekking o visite culturali.
4 di 6 - Marche
Ferrovia Adriatica


Il percorso: da Ancona a San Benedetto del Tronto (Ap).
La lunghezza: 79 km
La durata: 1 ora
Da non perdere: il mare turchese e le spiagge di Sirolo e Numana.
Il sito utile: turismo.marche.it

Scogliere che sfiorano i binari e un mare azzurro che fa subito venire voglia di un tuffo: i 591 km della Ferrovia Adriatica che collega Ancona a Lecce vantano un tratto super panoramico che procede parallelo alla costa. È quello che in un’ora ti porta dal capoluogo marchigiano fino a San Benedetto del Tronto. Punta la sveglia presto per aggiudicarti un posto sul lato sinistro del vagone così potrai ammirare i riverberi del sole illuminare le onde, poi goditi le attrazioni regionali più famose alternarsi davanti ai tuoi occhi: da Loreto a Porto Recanati, da Civitanova-Marche a Porto Sant’Elpidio fino all’assolata Riviera delle Palme con la sua San Benedetto del Tronto. Se hai più giorni a disposizione, carica la bici in treno e raggiungi da Porto Recanati la Riviera del Conero a 5 km. Qui la costa frastagliata incornicia i borghi gioiello di Sirolo e Numana. Il consiglio in più? Anche se la zona è servita dai treni ad alta velocità (in 39 minuti completano tutto il percorso), prenota l’intercity (un’ora) o il regionale (un’ora e un quarto) per assaporare in modalità slow l’incredibile spettacolo.
5 di 6 - Abruzzo-Molise
Transiberiana d’Italia


Il percorso: da Sulmona (Aq) a Isernia.
La lunghezza: 128 km
La durata: le gite sul convoglio storico durano tutto il giorno
Da non perdere: il paesaggio degli altopiani maggiori d’Abruzzo e dell’alta valle del fiume Sangro.
Il sito utile: latransiberianaditalia.com

Dall’antica Valle Peligna al massiccio della Maiella, dai boschi dell’Alto Molise ai tratturi, fino alle vie della Transumanza e ai piccoli borghi protetti da vertiginose montagne: curiosando dal finestrino della carrozza di legno dei primi Novecento, intuisci al volo perché la linea storica e turistica Sulmona-Isernia sia soprannominata la Transiberiana d’Italia. Un museo a cielo aperto su rotaie che tocca 21 stazioni in 2 ore e mezza, sfiorando quota 1.268 metri all’altezza di Rivisondoli-Pescocostanzo. Il binario, lungo 128 km, attraversa il cuore più verde dell’Appennino, viadotti con archi di pietra e due oasi naturali protette, il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e la riserva Collemeluccio-Montedimezzo Alto Molise. Si può percorrere tutta la linea salendo a Sulmona-Introdacqua fino a Isernia o farla a tappe scegliendo di trascorrere la giornata e magari anche la notte in città per ripartire il giorno dopo. Porta con te la bici: il vagone merci ha la rastrelliera (gratis).
6 di 6 - Puglia-Basilicata
Ferrovie Appulo Lucane


Il percorso: da Bari a Matera.
La lunghezza: 76 km
La durata: un’ora e 45 minuti
Da non perdere: le grotte sotterranee di Gravina e lo spettacolo dei canyon del materano.
Il sito utile: ferrovieappulolucane.it

Lo sferragliare delle rotaie, la magia del vapore e l’eleganza di una locomotiva anni Trenta rendono speciale il viaggio sulla linea Bari-Altamura-Matera. Lasciandoti alle spalle la vivace Bari, ti trovi a passare da piccole stazioni color rosso mattone, mentre al finestrino si alternano creste rocciose, scarpate, pascoli, i boschi e le pinete del Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Superata Altamura, famosa per le specialità gourmet come il pane e le lenticchie, la Puglia cede il passo alla Basilicata e ai rocciosi canyon panoramici del materano. Le corse nel trenino a vapore, a causa degli elevati costi di gestione, sono rare e vanno prenotate con abbondante anticipo (le date 2021 sono ancora da definire), ma i treni regionali giornalieri che collegano Bari a Matera sono una valida, economica e panoramica, alternativa. Prendine uno che passi anche da Gravina: è la sede del Parco Nazionale dell’Alta Murgia e vanta grotte sotterranee ancora sconosciute al turismo di massa. Non tutte le stazioni sono dotate di biglietteria: prima di partire controlla la lista dei rivenditori.

A cura di Alessia Cogliati e Anna Scarano
Hanno collaborato Isabella Colombo, Marta Ghelma, Valeria Palieri, Anna Pugliese, Laura Sommariva

In treno, con tutta l’Italia che scorre davanti agli occhi

VEDI ANCHE

In treno, con tutta l’Italia che scorre davanti agli occhi

Riproduzione riservata