Sindrome premestruale, rimedi efficaci e naturali

Sindrome premestruale, i disturbi psicofisici Credits: Corbis
01/07
Foto

La sindrome premestruale (SPM) è stata ufficialmente riconosciuta come vera e propria patologia, spesso addirittura invalidante nella routine quotidiana.

Fino a qualche anno fa, i giorni precedenti alle mestruazioni venivano tacciati (soprattutto dalla popolazione maschile) come momenti di pseudo-isteria al femminile e privati della loro componente scientifica. Oggi, invece, irritabilità e depressione sono solo alcuni sintomi di una sindrome ben definibile dal punto di vista medico.

Di norma, la sindrome premestruale inizia circa 7-10 giorni prima della comparsa del ciclo (fase luteale, nella seconda metà del ciclo mestruale) ed è facilmente riconoscibile da chi ne soffre: seno dolente e gonfio, crampi e gonfiori, sbalzi d'umore, emicrania, ritenzione idrica, stipsi, acne, voglia improvvisa di dolci, insonnia e spesso veri e propri attacchi di panico.

Addirittura, in alcuni casi (particolarmente gravi), la sindrome premestruale può trasformarsi in Disturbo Disforico Premestruale (sintomi psicologici molto acuti).

La sindrome premestruale affligge gran parte delle donne in età fertile. Ecco qualche consiglio per ridurne, in modo naturale, i disturbi fisici ed emotivi

Non tutto il male viene per nuocere...anche le mestruazioni hanno i loro vantaggi. Scoprili qui

Riproduzione riservata