Sarà perché sono ufficialmente entrati nella categoria rétro, sarà perché destano curiosità nella Gen Z, fatto sta che gli anni 2000 sono più trendy che mai. Così le parole moda Y2K o trucco anni 2000 finiscono spesso nella barra di ricerca Google dei ragazzi che nascevano 20 anni fa, guarda caso il tempo necessario affinché un oggetto (o un’epoca) siano considerati vintage.

A notare l’impennata dell’interesse per l’estetica dei primi anni del Terzo Millennio è Pinterest, il social delle immagini “ispirazionali” per eccellenza. Ebbene, negli ultimi mesi pare che le ricerche sul trucco anni 2000 siano aumentate del +580%, un numero esorbitante se si pensa che oggi le idee per truccarsi non mancano eppure evidentemente non bastano.

IPA – La popstar Britney Spears nel 2003

Trucco anni 2000: le caratteristiche fondamentali

Un fatto è certo: osservando le immagini del trucco anni 2000 si può asserire che anche il make up ha una sua evoluzione, e al contempo racconta l’evoluzione del gusto e della ricerca del bello. Vent’anni fa vigeva una visione manichea del trucco: o colore (pastello, per la precisione) o niente (tinte neutre). Stesso discorso per i finish degli ombretti: o opachi o sbrilluccicosi.

Per il trucco degli occhi non esistevano le sfumature come le intendiamo oggi con tutte quelle nuance similissime eppure diverse, sovrapposte le une sulle altre. E poi nei primi anni 2000 non c’era il raffinato concetto di shimmer, cioè quell’iridescente che brilla ma non troppo: no, i luccichii erano decisamente bagliori. Così come gli ombretti metallizzati sembravano vernici poggiate sugli occhi talmente erano intensi. In fondo, il gusto di un’epoca riflette anche la disponibilità delle materie prime: 20 anni fa la ricerca nel make up stava ideando le polveri altamente tecnologiche di fard e ombretti di cui beneficiamo oggi.

IPA – La cantante pop Anastacia nel 2002

Nei primi anni 2000 le sopracciglia si portavano sottili sull’onda degli anni ’90, e sarebbero resistite ben oltre il 2010 quando la modella Cara Delenvingne non avrebbe imposto la moda delle bold eyebrow in voga ancor oggi.

I must have dell’epoca in pillole

Ma cosa andava di moda negli anni 2000 in fatto di make up? Ecco un rapido elenco:

  • Gloss fruttati, possibilmente rosa
  • Trucco occhi pastello: celeste, verde acqua, rosa pesca, rosa petalo
  • Terra aranciatam applicata in diagonale a mo’ di antesignano del contermporaneo contouring
  • Rossetti rosa chiaro, a tratti perlati
  • Ombretti opachi o al contrario metallizzati
  • Punto luce (ben visibile) nell’angolo interno dell’occhio
  • Incarnato di porcellana o al contrario abbronzato
  • Sopracciglia sottili ad ala di gabbiano con la coda verso l’alto
IPA – La regina del pop Kylie Minogue nel 2004

A prescindere dallo stile, tutti i look del 2000 hanno un tratto comune: sopracciglia sottili e labbra rosa lucidissime

Look trucco anni 2000: foto storiche e di oggi

Ombretti pastello, gloss, trucco monocromatico rosa, terra color arancio (!) e tante altre tendenze make up che hanno dominato nella prima decade del Terzo Millennio: curiosa di vedere come ci si truccava 20 anni fa? Abbiamo individuato 10 tendenze trucco di moda nei primi anni del 2000, con le foto delle icone dell’epoca (molte delle quali ancora sulla cresta dell’onda). Da confrontare con i look attuali che ripropongono quegli stili ormai vintage.

Trucco pastello sugli occhi

IPA – La popstar Christina Aguilera 2003

Nei suoi look di scena la Aguilera esagerava con i colori pastello, su occhi, guance e labbra. Ma a un’icona del pop si può perdonare il look pacchiano (per non dire tamarro), no? Oggi resiste quel verdino o celestino sulle palpebre, che del resto richiama gli anni ’70, ma è un po’ ammorbidito e reso trasparente, fortunatamente. Pollice verso per il rossetto lucido rosa cipria che fa a pugni con il blush a tutta guancia rosa candy. Ora che ci pensiamo, non era stata ancora “inventata” l’armocromia…

IPA – La cantante Sophie Ellis Bextor nel 2002

Gli ombretti chiari di oggi

Launchmetrics

Trucco monocromatico rosa

Negli anni 2000 si abbondava col rosa per il trucco di occhi, labbra e guance. Le nuance che andavano per la maggiore erano quelle fredde, come il rosa petalo o il rosa candy, ma spesso venivano abbinate a rosa più caldi come il salmone o il color pesca. Il trucco di Scarlett Johansonn (in alto) è un esempio di un abbinamento poco armonico che oggi dà al look un che di naïf.

IPA – L’attrice Scarlett Johansson nel 2004
IPA – La regina dell’R&B Alicia Keys nel 2004

Il make up rosa nelle ultime collezioni

Launchmetrics
Launchmetrics

Viola sugli occhi

Il trucco viola per gli occhi in tutte le sue gradazione era un altro must have degli anni 2000.

IPA – L’icona pop Rihanna nel 2008

Un colore che torna nei look 2YK giorno e sera

Launchmetrics

Smokey eyes in versione rock

Sembra incredibile, ma vent’anni fa lo smokey eyes era poco usato, a parte Avril Lavigne e poche altre aficionados. Non è certo un’invenzione recente visto che nasce addirittura negli anni ’20 del secolo scorso. Probabilmente l’attenzione era tutta rivolta a esplorare i colori. Ma c’è sempre l’eccezione che conferma la regola.

IPA – La rockstar Avril Lavigne nel 2004
Launchmetrics

I primi rossetti nude come li intendiamo oggi

I look degli anni 2000 di Maria Carey erano decisamente acqua e sapone, oggi diremmo soft make up, natural look o no make up make up. Sul palco, sul red carpet o nei party la regina del pop indossava sempre un gloss trasparente o un rossetto che riproduceva il colore delle sue labbra abbinato semmai a una matita mezzo tono più scuro.

IPA – La diva popo Maria Carey nel 2002

La matita bianca nella rima palpebrale interna era uno stratagemma molto usato negli anni 2000 per ingrandire l’occhio.

Ombretti opachi o metallizzati, un must nel trucco anni 2000

L’ombretto opaco, applicato con la tecnica color block, cioè senza sfumature erano molto in voga negli anni 2000. I colori? Chiari, sui toni del grigio anche su carnagioni con cui si abbinavano poco, come quella di Jennifer Lopez, che infatti risulta poco valorizzata da un trucco su quelle tonalità così spente. Persino una maestra delle sfumature come JLo non aveva ancora scoperto il potere dei giochi di luci e ombre con le polveri.

Jennifer Lopez
IPA – La popstar Jennifer Lopez nel 2004
IPA – La popstar Beyoncé nel 2003

Va decisamente meglio il trucco di Bejoncé che qscegli i grigi scurissimi nella versione metallizzata, l’antesignano dell’ombretto shimmer come lo intendiamo oggi, brillante ma non troppo.

Launchmetrics

La terra abbronzante? Tendeva all’arancio

Sebbene negli anni 2000 andasse di moda l’incarnato chiaro, mat e ben opacizzato, c’era l’eccezione alla regola: l’ereditiera Paris Hilton, abbronzata tutto l’anno. Che valorizzava (si fa per dire) la sua fake tan con la terra aranciata, che sarebbe stata bocciatissima circa 10 anni dopo.

Paris Hilton
Getty – L’ereditiera per eccellenza Paris Hilton nel 2005
Getty – L’ex Spice Victoria Beckham nel 2006
Getty – Lindsay Loahn nel 2003
Launchmetrics

Il trend cherry lip allo stato “embrionale”

I primi anni 2000 sono stati gli anni dei gloss e dei rossetti chiari, possibilmente semitrasparenti. Ma c’era lei che non si esibiva mai senza un rossetto rosso, Gwen Stefani. Ogni volta un rosso diverso: dal porpora allo scarlatto, dal borgogna all’attualissimo e ricercatissimo cherry lips cola di oggi. Ed era solo 20 anni fa.

IPA – La popstar Gwen Stefani 2004
Launchmetrics

Curiosità, trucco 2YK: perché si chiama così?

La sigla 2YK proviene dal lessico informatico, e significa anni 2000, ma c’è un motivo ben preciso. Nel 1999 si temeva che i sistemi operativi di alcuni PC non sarebbero stati in grado di trattare le date a partire dal 2000, creando così un possibile bug. Ecco che gli informatici idearono un linguaggio per designare il 2000. E cioè 2 + Y (year = anno) + K (kilo, cioè il sistema metrico decimale che esprime il fattore 1000). Ecco perché 2YK significa 2000.