Depressione post partum, quella tristezza delle neomamme

Credits: Shutterstock
1 4

«Lo lascio piangere nella culla mentre io mi alieno sul divano». «Mi sento vuota e mi sembra di non riuscire ad amarla». Sono le voci delle neomamme che attraverso i forum chiedono aiuto.  Perché soffrono di depressione post partum. Un problema spesso  sottovalutato, tanto che gli esperti Usa hanno elaborato linee guida per  riconoscerlo tempestivamente.

«È normale provare un po’ di malinconia e avere la lacrima facile nei primi giorni dopo il parto» spiega  Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento neuroscienze e salute  mentale e del Centro psiche donna del Fatebenefratelli- Oftalmico di  Milano. «È il cosiddetto baby blues,  legato alle fisiologiche fluttuazioni degli ormoni. Due donne su dieci  però hanno addirittura un crollo del tono dell’umore e crisi d’ansia: se  questi disturbi perdurano oltre tre settimane dopo la nascita del bambino può trattarsi di depressione post partum.

Per ora non sono chiari i meccanismi. Si sa però che in cinque casi su dieci c’è un familiare che soffre di depressione. E, nell’altra metà dei casi, c’è già stato un precedente col primo figlio. «Sono stati individuati dei segnali ben  precisi, sia in gravidanza sia dopo il parto» aggiunge l’esperto. «Se  la mamma non riesce a capire da sola che qualcosa non va, è importante  che il partner o le persone care sappiano riconoscere il problema al più presto per aiutare la donna a ritrovare la serenità  con la terapia più adatta. Che non è sempre farmacologica: a volte basta  la psicoterapia o la vicinanza della famiglia».

Sfoglia la gallery per riconoscere i segnali da tenere d’occhio

/5

Due donne su dieci ne soffrono, ma spesso viene confusa con la stanchezza di chi ha appena avuto un bambino. Come riconoscere e affrontare il problema

LORO NE SONO USCITE COSÌ

MONIA, 42 ANNI Alma aveva due mesi quando ho avuto il primo attacco di panico. Da lì è iniziata la mia battaglia contro la depressione post partum. Ho seguito un percorso di psicoterapia e cure farmacologiche. Quando stavo male abbracciavo Alma, perché attraverso il contatto capisse che non era colpa sua. Su consiglio del terapeuta, ho cominciato anche a scrivere. La maternità ha un lato oscuro che non va negato e la scrittura mi ha aiutata a liberarmi dai demoni che avevo dentro, a perdonarmi. È nato così La cicogna ha sbagliato casa (edizioni Galassia Arte) e poi una pagina facebook del libro, dove mi scrivono le mamme in difficoltà.

VALENTINA, 33 ANNI Di sicuro nella mia depressione ha contato molto il mix di parto complicato, allattamento difficoltoso e rientro a casa caotico. Mi sentivo sempre più in una prigione, accudivo Paola meccanicamente senza provare affetto per lei, piangevo sempre. Allora ho chiesto aiuto e grazie alla terapia ho imparato che non c’era nulla di sbagliato in me, e che non bisogna incolparsi della parte meno bella della maternità. Mi è venuta l’idea del sito, www.post-partum.it, che ora è un punto di ritrovo per le neomamme. Ed è nata la mia secondogenita, che non a caso si chiama Vittoria.

Se hai dubbi per tutto il mese di marzo puoi rivolgerti agli specialisti del Centro psiche donna.

 

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te