Speciale

Back to school

Back to school 2019: la scuola ricomincia

Libri e quaderni, zaini, penne e matite nell’astuccio, grembiuli pronti e stirati. È il momento di pensare al guardaroba dei più piccoli. Scopri i consigli giusti per abiti e accessori “a prova di bambino”, pratici e resistenti, comodi ma alla moda. Quindi largo a felpe, giacche, pantaloni, leggings, t-shirt, cardigan, abiti, cappelli per outfit confortevoli e di tendenza. E poi le scarpe, che dovranno essere in tessuti caldi ma con suole robuste per affrontare bene il cambio di stagione: boots, stringate da ginnastica, scarponcini rinforzati e poi i modelli evergreen che si abbinino un po’ con tutto, sia per maschi che per femmine.

La scelta dello zaino

Dovrà essere robusto e capiente, ma anche – e qui il pensiero va alla salute dei piccoli studenti – il più leggero possibile, maneggevole ed ergonomico. Il corredo scolastico (grembiule compreso), sarà perfetto e in linea con i trend del momento. D’altronde, l’unico modo per rendere meno noioso il ritorno sui banchi dopo le vacanze è dedicarsi, con mamma e papà, alla scelta di un corredo scolastico nuovo di zecca.

Bambini e alimentazione: colazione e merende sane

Inoltre parliamo di alimentazione corretta, quella che garantisce ai bambini una maggiore energia sia fisica che mentale e che contribuisce a rinforzare il loro sistema immunitario. Qual è la colazione più sana e più nutriente (e al contempo golosa) per accompagnare il risveglio dei piccoli alunni? Meglio una colazione dolce o una colazione salata? E la merenda da portare in classe? Quali alimenti privilegiare? Qui trovi le risposte degli esperti nutrizionisti che ti aiuteranno a dosare al meglio l’apporto di vitamine e minerali nella dieta di tuo figlio e anche a rendere il primo pasto della mattina un momento piacevole che possa aiutare al meglio l’avvio della giornata durante i giorni di scuola.

Gestire lo stress da rientro a scuola

L’aspetto psicologico: come prepararlo al suo primo giorno di scuola e all’incontro con nuove persone, adulti o bambini che siano? Oppure come prepararlo a ritrovare gli amici dell’anno scolastico precedente? E come affrontare le tue ansie di mamma? Troverai consigli sul passaggio delicato dalla scuola dell’infanzia alla scuola elementare.

Inoltre: come prepararlo allo studio e come renderlo più responsabile sui compiti a casa (importante l’arredo della cameretta), più motivato durante le lezioni in classe e più autonomo nella gestione del tempo libero. Con l’esempio i genitori possono ispirare ai bambini l’amore per lo studio, stimolare la loro curiosità ed essere fonte di stimoli continui e proficui. Educarli alla lettura non è un compito impossibile: ti sveliamo qui quali sono i mezzi per stimolare la loro fantasia e accendere il loro entusiasmo, senza però riempire troppo la loro agenda.

L’arredo della cameretta

La questione dell’ambiente in cui un bambino vive, studia, gioca non va sottovalutata. La cameretta è il luogo dove i piccoli molto spesso passano la maggior parte del loro tempo: l’angolo dove fare i compiti deve essere particolarmente accogliente, per rendere lo studio un momento piacevole della giornata.

Quindi scegliere con cura la scrivania per libri, quaderni, matite, gli scaffali per riporre il materiale scolastico, la sedia con cui muoversi a proprio agio per la stanza: spazio a colori e allegria, che rendono la cameretta il posto adatto anche per i giochi e il tempo libero. E che sicuramente incentivano la loro inventiva e la loro voglia di creare, la loro autostima, la capacità di esprimersi e la consapevolezza di sé.

Fondamentali per un buon rendimento scolastico sono la calma mentale, la concentrazione, il riposo, il giusto equilibrio tra studio e relax: qui trovi consigli mirati e anche trucchi da mettere in pratica per risvegliare (o scoprire) gli interessi dei bambini senza affaticarli troppo.

Il tempo libero

Giochi e passatempi per tenerli impegnati in modo da risvegliare la loro creatività e aiutarli a esprimere le loro emozioni. Importante è mantenere il contatto con la natura, quindi incentivare il gioco libero all’aperto e dosare la quantità di energie che i nostri figli dedicano agli strumenti tecnologici.

Quali sport scegliere

Meglio uno sport di gruppo o optare per una disciplina che li prepari alle sfide che dovranno affrontare da soli in futuro?