È Mikaela Shiffrin la nuova regina delle nevi

Venticinque anni, sei titoli mondiali, due ori olimpici, tre coppe del mondo e 68 vittorie, l’ultima nella combinata femminile, ai Mondiali di Cortina. L’americana nata in Colorado è una macchina da guerra

Mikaela Shiffrin ha scoperto il mondo dello sci all'età di tre anni grazie ai genitori Eileen e Jeff, che l'hanno iniziata a questo sport e sostenuta durante tutta la sua carriera. Dalla prima gara a 15 anni fino alla prima Coppa del Mondo nel marzo 2011, è stato un susseguirsi di successi. Vincitrice delle Olimpiadi, della Coppa del Mondo e dei Campionati Mondiali nella sua disciplina, lo slalom, la Shiffrin fa parte di un'élite molto ristretta: quella delle migliori sciatrici del mondo d'oggi. L'ultima vittoria è arrivata proprio a Cortina con una combinata femminile strepitosa. Sì, perché la sua prerogativa è la ferocia agonistica che la spinge ad ogni gara ad alzare l'asticella delle aspettative.

Sarà per questo che oggi è considerata la numero uno al mondo superando persino Lindsey Vonn? Con le sue nove medaglie iridate Mikaela ha raggiunto Anne Marie Moser Proell e ora punta dritta verso i record di Marielle Goitschel e Anja Paerson (11 medaglie per entrambe) e di Christl Cranz (15 con 12 titoli). Il suo sogno di diventare la sciatrice più vincente di ogni epoca oggi è una possibilità pià che concreta.

E pensare che la "regina delle nevi" del Colorado arriva da un anno durissimo: la sua è una bellissima storia di rinascita (non solo sportiva). Un anno fa, la bionda Mikaela ha perso il padre, Jeff, che con la madre le faceva da manager, a causa di un incidente casalingo.
«Papà si è sempre preso cura di me e della famiglia: era come se tanti aiutanti fossero riassunti in una persona sola. Avrebbe potuto insegnarmi ancora tanto. Sono rimasta senza fiato ma spero un giorno di tornare a respirare di nuovo» aveva twittato citando la canzone "Breathe Again" di Sara Bareilles e pubblicando un’immagine di lei da bambina assieme all'adorato papà. Per Mikaela non è stato semplice elaborare la perdita tanto che il ritorno alle gare si è fatto attendere e, quando a ottobre ha dato forfait al gigante d’esordio della nuova stagione, tutti hanno pensato che fosse "finita".

Invece è tornata al cancelletto di partenza con tutta la grinta necessaria per vincere. E divertirsi. «Perché lo sport è la migliore medicina. Ma bisogna anche godersela», chiarisce Mikaela Shiffrin.

Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Getty Images
Riproduzione riservata