La Scozia distribuirà gli assorbenti gratis

27 02 2020 di Redazione
Credits: Shutterstock

Il Parlamento scozzese ha approvato all'unanimità una prima bozza di legge che vuole rendere i prodotti igienico-sanitari gratuiti per tutte le donne. Ora si pensa a come distribuirli

Mentre in Italia ancora si discute di tampon tax, in Scozia stanno pensando di risolvere il problema alla radice rendendo i prodotti igienico-sanitari gratuiti, come assorbenti e tamponi, per tutte le donne che ne hanno bisogno. Una prima bozza della legge è stata infatti votata all'unanimità da tutti i partiti (112 parlamentari a favore, nessun astenuto o contrario) che ora dovranno lavorare ad eventuali emendamenti. Una volta approvata (cosa che molto probabilmente succederà), la legge renderà la Scozia il primo Paese al mondo a introdurre una misura di questo tipo.

Come riporta Reuters, la parlamentare del Partito laburista scozzese Monica Lennon, che ha proposto la Period Products Scotland Bill (questo il nome della legge), ha dichiarato che l'approvazione segnerebbe «un passo fondamentale per la normalizzazione delle mestruazioni in Scozia e segnalerebbe quanto seriamente il Paese prenda le questioni riguardanti l'uguaglianza di genere».

Nel 2018, la Scozia aveva già collezionato un altro primato in materia: è stata infatti la prima nazione al mondo a fornire prodotti sanitari gratuiti in scuole, college e università. Nel vicino Regno Unito i prodotti sanitari di questo tipo sono attualmente tassati al 5%, mentre lo scorso dicembre, in Italia, si è deciso per l'abbattimento dell'Iva solo su quelli biodegradabili e compostabili, una misura che in molti (compresi noi di Donna Moderna) hanno considerato una falsa vittoria.

Ora il parlamento si concentrerà sulla modalità di distribuzione, che era poi il punto su ci sono più dubbi: secondo la Bbc probabilmente ci si orienterà com'è stato fatto in passato con la distribuzione gratuita di preservativi. Lennon ha anche spiegato che potrebbe essere creato un voucher apposito per farne richiesta e che si sta valutando anche una eventuale consegna a domicilio previa richiesta. La legge entrerà in vigore a un anno di distanza dall'approvazione definitiva.

Riproduzione riservata