Marco Cappato e Valeria Imbrogno, la compagna di Dj Fabo

Marco Cappato e Valeria Imbrogno, la compagna di Dj Fabo

Il suicidio assistito rafforza il valore della vita

Quando Marco Cappato nel febbraio del 2017 si è seduto in macchina per accompagnare Fabiano Antoniano in Svizzera a morire sapeva di rischiare l'incriminazione per istigazione al suicidio, ma sperava che quel suo gesto, oltre a venire incontro al desiderio di Dj Fabo di smettere di soffrire, avrebbe contribuito a cambiare la mentalità dell'Italia sul suicidio assistito. Nessuno però si aspettava che sarebbe successo dopo meno di tre anni.

Così poco ci è voluto perché il comitato di bioetica (l'organismo statale che detta le linee guida per la legiferazione sui temi delicatissimi della vita fisica) decidesse di fare un'apertura – pur con tutti i distinguo - all'ipotesi della legalizzazione. Qualcosa sta cambiando e molti hanno capito che l'esercizio dell'autodeterminazione e il diritto a conservare la propria dignità non solo non negano il valore della vita umana, ma lo rafforzano.

Suicidio assistito, primo sì del Comitato di bioetica

VEDI ANCHE

Suicidio assistito, primo sì del Comitato di bioetica

7 italiani su 10 dicono sì all’eutanasia

VEDI ANCHE

7 italiani su 10 dicono sì all’eutanasia

Riproduzione riservata