1/5 – Introduzione

Uno dei problemi cutanei più diffusi, specie dopo i quaranta anni di età, si lega alla comparsa di macchie scure sulla pelle, diffuse in modo disomogeneo. Per quanto esse non abbiano effetto sulla salute, esteticamente sono assai sgradevoli a vedersi. Queste macchie compaiono per diversi motivi, ma il principale è un’eccessiva esposizione al sole. Per prevenirle, o per schiarirle, è possibile agire durante i mesi invernali con dei rimedi naturali. Uno dei più efficaci, che si può trovare anche all’interno di preparati di erboristeria, è l’uva ursina. Ecco come utilizzare l’uva ursina per schiarire le macchie cutanee.

2/5 Occorrente

  • 6 cucchiai di foglie di uva ursina
  • mezzo litro di acqua
  • 100 gr di argilla bianca
  • un cucchiaino di bicarbonato
  • succo di limone

3/5

L’uva ursina ha in realtà numerose virtù sulla salute umana, se assunta per via orale. Tra le sue caratteristiche c’è quella di aiutare lo smaltimento della melanina in eccesso, che è la causa del formarsi delle macchie scure. Nell’uva ursina è infatti contenuta l’arbutina, una sostanza che inibisce l’attività dell’enzima “colpevole” dell’eccessiva produzione di melanina. Quindi, non solo contribuisce a schiarire le macchie cutanee, ma soprattutto lo fa in modo uniforme, restituendo all’incarnato il primitivo splendore. L’uva ursina può essere assunta sotto forma di compresse, o si può adoperare per uso topico. Ecco la ricetta per realizzare una maschera con l’uva ursina.

4/5

La base della maschera è un decotto di uva ursina. Per il decotto bisogna far bollire 6 cucchiai di foglie di uva ursina in mezzo litro d’acqua. Intanto si deve preparare una crema composta da argilla bianca, bicarbonato e succo di limone; mescolando questi ingredienti di forma una pasta che deve essere diluita con il decotto di uva ursina. Il decotto deve essere freddo. Alla fine dovrebbe risultarne una crema da poter spalmare sul viso senza che coli, se è troppo liquida si può aggiungere un po’ di argilla bianca.

5/5

La maschera va applicata su tutta la pelle del viso dopo averlo lavato e lasciata in posa per venti minuti. Dopo bisogna risciacquare per bene usando acqua tiepida e infine si può tamponare la pelle con un dischetto di cotone imbevuto di decotto di uva ursina. Questo infatti aiuta a tonificare la pelle, ed ha anche un effetto astringente. La maschera deve essere applicata una volta alla settimana: già dopo tre settimane si potranno notare i primi benefici, con una notevole diminuzione dell’intensità delle macchie. Come dicevamo, è opportuno effettuare il trattamento in inverno, quando il viso non è troppo esposto alla luce del sole.