Balmain ham S11 003

Anche i capelli invecchiano

Sottoposti ad aggressioni di varia natura, i capelli rischiano di subire  prima della pelle il processo naturale di invecchiamento. I consigli  dell'esperto per una chioma sempre giovane

L'età critica: a partire dai 40-45 anni

La lotta contro l'invecchiamento parte dal viso e arriva alla cima dei capelli. Si tratta di una frontiera recente dell'anti-aging, a cui medici dermatologi e cosmetologi si stanno dedicando da un po' di tempo. Eh, sì, perché al pari della pelle anche in capelli invecchiano, ma in maniera meno evidente.
Otre all'invecchiamento biologico e al photoaging, i capelli subiscono l'aggressione di fattori esterni (dalle tinture agli stress termici e meccanici, dovuti all'uso di phon e piastre) che a tutte le altre parti del corpo vengono risparmiate.
"L'allarme scatta intorno ai 40-45 anni - dice Daniele Campo, medico tricologo, docente al Master di Scienze Tricologiche dell'Università di Firenze - Con la diminuzione degli estrogeni, che caratterizza l'avvicinamento alla menopausa, i capelli diventano più sottili, diradati e facilmente irritabili."

Le sostanze anti-invecchiamento per capelli

Per combattere l'invecchiamento dei capelli, è necessario assumere fitoestrogeni o integratori antiossidanti come la serenoa repens, che si estrae da una palma che cresce in Florida, in grado di conservare più a lungo gli ormoni femminili"- prosegue l'esperto.

Altre sostanze indicate sono:
- l'idrocortisone butinato e il 5-alfa estradiolo, che hanno un'azione rinforzante;
- l'adenosina, l'ornitina e la taurina nutrono i capelli, stimolandone la vitalità.
"Anche la caffeina, già sfruttata in cosmetica per le sue caratteristiche lipolitiche, fa bene - continua l'esperto in tricologia - è un ottimo energizzante: una ricerca dell'Università di Jena, in Germania, ha scoperto che favorisce la crescita dei capelli, non a caso è chiamata 'doping per capelli'".

E se fosse tutta colpa del ferro carente?

I dermatologi sostengono che le chiome cominciano a invecchiare già in età giovanile: ogni capello in media vive da 3 a 6 anni, e cresce un millimetro ogni tre giorni.
Quando raggiunge le spalle, il capello ha già 2 anni di vita e ha subito almeno duecento lavaggi, oltre alle aggressioni delle asciugature, della spazzola e del sole. Senza contare tinture e decolorazioni. "Rispetto agli anni scorsi sono aumentate le donne che lamentano problemi ai capelli - spiega Daniele Campo - Se prima chi si rivolgeva al tricologo era in prevalenza di sesso maschile, oggi la metà è costituita da donne che manifesta, a parte i disturbi relativi alla caduta e al diradamento, ciocche sottili, opache, senza tono, facile a spezzarsi".
Tra le cause principali c'è la mancanza di ferro, che può dipendere da un'alimentazione scorretta, da diete drastiche e mestruazioni abbondanti, tutti fattori molto frequenti nelle donne.

Curare i capelli come il viso

Se nonostante le cure interne ed esterne, cioè integratori alimentari che nutrono la fibra capillare e prodotti cosmetici, i capelli continuano ad essere debolo, "è il caso di sottoporsi a un esame del sangue specifico, indagando sul valore della ferritina, che è il ferro che rimane depositato nell'organismo - aggiunge Campo dell'Istituto Ortodermico di Roma".
Poi occorre prestare attenzione alla routine cosmetica, costituita da una detersione dolce, da un'idratazione e da una protezione continua di fusti e radici, indipendentemente dall'età. Non è da sottovalutare la protezione solare dei capelli, soprattutto in questo periodo.

Il trattamento per capelli oggi è tra i più avanzati e non ha nulla da invidiare a quello per il viso: di recente è stata scoperta l'efficacia un ingrediente pregiato come il caviale, ricco di Omega 3, capace di neutralizzare i marker dell'invecchiamento. Anche i polifenoli e le ceramidi sono potenti anti-ossidanti, indispensabili per ridurre le doppie punte, rinforzare e ristrutturare la struttura capillare.

Riproduzione riservata
dmbeauty

1508 posts 337k followers

Make up your life

Beauty cards