reati ambientali

Ambiente, nel 2022 oltre 30mila reati: 84 al giorno

Il quadro delle attività della criminalità ai danni dell'ambiente è contenuto nel rapporto "Ecomafia 2023" realizzato da Legambiente

Come ogni anno dal 1994, Legambiente – in collaborazione con le forze dell’ordine – aggiorna il quadro delle attività della criminalità ambientale in Italia. Secondo il rapporto “Ecomafia 2023”, i reati contro l’ambiente restano sopra la soglia dei 30.000, esattamente sono 30.686, in lieve crescita rispetto al 2021 (+0,3%), alla media di 84 reati al giorno, 3,5 ogni ora.

10 piccoli gesti ecologici alla portata di tutti per iniziare a vivere green

VEDI ANCHE

10 piccoli gesti ecologici alla portata di tutti per iniziare a vivere green

Calpestate le norme che tutelano l’ambiente

Crescono gli illeciti amministrativi che toccano quota 67.030 (con un incremento sul 2021 del +13,1%): sommando queste due voci – reati e illeciti amministrativi – le violazioni delle norme poste a tutela dell’ambiente sfiorano quota 100.000 (97.716 quelle contestate, alla media di 268 al giorno, 11 ogni ora).

Come rinfrescare la casa senza inquinare troppo l’ambiente

VEDI ANCHE

Come rinfrescare la casa senza inquinare troppo l’ambiente

Le tre filiere dell’ambiente dove regna l’illegalità

Ciclo illegale del cemento, reati contro la fauna e ciclo dei rifiuti sono le tre principali filiere su cui nel 2022 si è registrato il maggior numero di illeciti.

Ambiente, la piaga del cemento illegale

A farla da padrone i reati relativi al cemento illegale, (dall’abusivismo edilizio agli appalti) che ammontano a 12.216, pari al 39,8% del totale, con una crescita del +28,7% rispetto al 2021. Crescono del 26,5% le persone denunciate (ben 12.430), del 97% le ordinanze di custodia cautelare, che sono state 65, addirittura del 298,5% il valore dei sequestri e delle sanzioni amministrative, per oltre 211 milioni di euro. Viene stimato in crescita, da 1,8 a 2 miliardi di euro, anche il business dell’abusivismo edilizio.

Compostare i rifiuti alimentari in casa: una piccola guida

VEDI ANCHE

Compostare i rifiuti alimentari in casa: una piccola guida

Reati contro la fauna e ciclo illegale dei rifiuti

Seguono i reati contro la fauna con 6.481 illeciti penali (+4,3% rispetto al 2021) e 5.486 persone denunciate (+7,6%). Scende al terzo posto il ciclo illegale dei rifiuti con una riduzione sia del numero di illeciti penali, 5.606, (−33,8%), sia delle persone denunciate (6.087, −41%), ma aumentano le inchieste in cui viene contestata l’attività organizzata di traffico illecito di rifiuti (268 contro le 151 del 2021). Crescono anche gli illeciti amministrativi (10.591, +21,4%) e in misura leggermente minore le sanzioni, che sono state 10.358, pari al +16,2%.

Rifiuti, Milano e il nord nuove “terre dei Fuochi”?

VEDI ANCHE

Rifiuti, Milano e il nord nuove “terre dei Fuochi”?

Roghi, agroalimentare e archeomafia

Al quarto posto, dopo il terribile 2021, i reati legati a roghi dolosi, colposi e generici (5.207, con una riduzione del – 3,3%). In aumento i controlli, le persone denunciate (768, una media di oltre due al giorno, +16,7%) e i sequestri (122, con un +14%). Come sempre, un capitolo a parte viene dedicato all’analisi delle attività di forze dell’ordine e Capitanerie di porto nel settore agroalimentare, che hanno portato all’accertamento di 41.305 reati e illeciti amministrativi. Sul fronte archeomafia, sono 404 i furti d’arte nel 2022.

Ambiente, Comuni sciolti per mafia

Infine, a pesare e a preoccupare è il virus della corruzione ambientale – censite da Legambiente dal 1° agosto 2022 al 30 aprile 2023 ben 58 inchieste su fenomeni di corruzione connessi ad attività con impatto ambientale – il numero e il peso dei Comuni sciolti per mafia (22 quelli analizzati nel Rapporto, a cui si è aggiunto il recentissimo scioglimento di quello di Rende, in provincia di Cosenza), e la crescita dei clan mafiosi: dal 1994 ad oggi sono 375 quelli censiti da Legambiente. Il fatturato illegale delle diverse “filiere” analizzate nel Rapporto resta stabile a 8,8 miliardi di euro.

Riproduzione riservata