Come scegliere il pediatra che fa per te

Credits: Shutterstock
1 4

RELAZIONE DI FIDUCIA
La scelta del pediatra è fondamentale, perché non si tratta solo di trovare un buon professionista, bensì una persona con cui instaurare un rapporto di fiducia. Spesso accade di incontrare medici molto bravi e competenti che, tuttavia, si relazionano ai pazienti con arroganza. Una mamma può essere facilmente preda di ansie e timori. Bisogna ammetterlo: soprattutto quando ci si trova alle prese con il primo figlio è facile che l'agitazione degeneri nel senso di panico. Rassicurare non significa assecondare ogni preoccupazione del genitore, ma essere capaci di contenere la sua ansia stimolando la capacità di mamme e papà di sentirsi all'altezza, sufficientemente sicuri di sé e in grado di gestire le emozioni complesse in maniera autonoma. Un bravo medico sa ascoltare: ecco il primo punto da tenere in considerazione. Prima di effettuare una scelta definitiva, è importante incontrarsi e sentire il proprio feeling. Percepire una sintonia ha effetti positivi anche sui bambini, perché quando l'atmosfera è fluida e priva di tensioni, anche i piccoli si lasciano andare all'ambiente con più fiducia, il nervosismo si abbassa e cresce la bellezza di un rapporto in grado di prendersi cura del nostro benessere anno dopo anno. Seguire la crescita di un bambino è un'avventura e un atto di fiducia.

/5

4 consigli per orientarti e scegliere con consapevolezza il medico in grado di seguire i tuoi bambini

IN PRATICA
La scelta del pediatra è attestata dalla tessera sanitaria cartacea rilasciata dalle Aziende Usl ed è a tempo determinato. Presenta, infatti, una validità annuale: dal momento dell'iscrizione è rinnovabile di anno in anno fino al compimento del 14simo anno di età del bambino. Oltre al pediatra iscritto presso gli elenchi dell'anagrafe sanitaria dell'ASL, esiste la possibilità di scegliere uno specialista privato. Fino ai 6 anni di età è obbligatoria la figura del pediatra, mentre per gli anni successivi è possibile fare riferimento anche al medico di famiglia. Un bravo pediatra osserva la crescita dei piccoli e si dimostra in grado di dare indicazioni utili alle mamme, per esempio durante momenti delicati come allattamento e svezzamento. Accrescere e migliorare la qualità della nostra vita, aumentare le conoscenze e competenze, sentirci ascoltati è un nostro diritto.

Allattamento, abbracci, lettone: scegliere la strategia giusta è difficile! Allenati a riconoscere le bufale e non dare tutto per scontato solo perché si tratta dell’opinione di un medico. Impara a stimolare il tuo senso critico: costruire un atteggiamento consapevole ti aiuterà a essere una mamma più serena e sicura di te.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te