La zona bianca e le nuove regole del Dpcm del 15 gennaio

Cos’è la nuova fascia che il Governo vuole istituire: quando scatta e cosa è permesso fare

Dopo il 15 gennaio 2021 arriverà un nuovo Dpcm che introdurrà una nuova fascia: la zona bianca. Se finora ci siamo districati tra giorni gialli, arancioni e rossi (ma anche gialli “rafforzati” come il 7 e 8 gennaio) dal 15 gennaio si cambierà ancora. O meglio, si aggiungerà una nuova colorazione che permetterebbe a bar, ristoranti, ma anche palestre, cinema e teatri di poter riaprire con i “vecchi” orari. Ecco in cosa consisterebbe e cosa prevedrebbe.

Cos’è la zona bianca

Dopo settimane e mesi di limitazioni alle attività, si potrebbe tornare a una sorta di normalità, a partire dal 15 gennaio, ma solo in certe regioni particolarmente virtuose. Non si tratterebbe di un vero e proprio ritorno alla condizione pre-Covid, ma ci si avvicinerebbe molto. Bar e ristoranti potrebbero tornare a riaprire senza l’obbligo di chiusura alle 18, quindi potrebbero tornare happy hour e cene fuori.

La vera svolta, poi, si avrebbe con la riapertura di cinema, teatri e musei, oltreché di sale da concerto, palestre e piscine, pur nel rispetto dei protocolli sanitari (uso di mascherine obbligatorio, gel disinfettanti e distanziamento) e delle misure di sicurezza come il contingentamento degli ingressi.

Spostamenti liberi e stop al coprifuoco

L’altro nodo riguarda gli spostamenti. Con le zone arancioni e rosse non sono possibili quelli tra Regioni, ammessi invece solo tra Regioni gialle. Unica eccezione, il provvedimento che ha creato una “zona gialla rafforzata” esclusivamente per il 7 e 8 gennaio. Con la zona bianca, invece, ci sarebbe libertà di movimento all’interno del territorio classificato con questo colore. Infine, verrebbe tolto il coprifuoco, che invece rimarrebbe nelle altre zone, alleggerito o meno a seconda della situazione contagi.

Ma come viene stabilito il colore di una zona?

Cambiano i parametri

Il nuovo Dpcm, il 23esimo del Governo, prevede un cambio nei criteri di colorazione delle Regioni, in particolare con un inasprimento. Come spiegato dal ministro della Salute, Roberto Speranza, in vista delle disposizioni che dovrebbero scattare già alla luce dei nuovi dati sui contagi in arrivo l'8 gennaio, le soglie Rt dovrebbero scendere. La volontà è quella di far scattare la fascia arancione con l'indice Rt a 1 (attualmente è l’1,25) e la zona rossa a 1,25 (oggi scatta con Rt a 1,50).

Presumibilmente, quindi, per poter entrare in zona bianca un territorio dovrebbe essere “Covid-free”.

Le possibili Regioni “bianche”

In base alle anticipazioni e se la tendenza attuale fosse confermata, le Regioni più virtuose, dunque possibili "zone bianche" sarebbero Abruzzo, con Rt a 0,65, Piemonte (0,71), Provincia autonoma di Bolzano (0,76) e di Trento (0,71), Toscana (0,79) e Sardegna (0,78).

Cosa prevede il Dpcm del 4 novembre: le zone colorate

VEDI ANCHE

Cosa prevede il Dpcm del 4 novembre: le zone colorate

Covid: come curarsi a casa (e bene)

VEDI ANCHE

Covid: come curarsi a casa (e bene)

Riproduzione riservata