Elezioni europee 2019

Elezioni europee 2019: i risultati del voto, in Italia e in Europa

In Italia la sovranista Lega “fa il botto” con il 34% dei voti. In Europa i fautori dell’Unione vincono, ma in un panorama confuso. Questa la sintesi del risultato del voto per l’Europarlamento. Vediamo i dettagli

La Lega farà pesare la vittoria in Italia

Le elezioni del 26 maggio da noi hanno sancito la popolarità di Matteo Salvini, la ripresa del Pd (22%) e lo scivolone dei 5 Stelle (17%). «Il leader leghista a breve non ha interesse a far saltare il governo per andare a elezioni anticipate. Ma può forzare la mano sulle battaglie che gli stanno a cuore, dalla Tav alla flat tax» commenta Matteo Villa, analista politico dell’Ispi (Istituto studi di politica internazionale).

I partiti pro-Ue avranno la maggioranza a Strasburgo

In Francia la destra di Marine Le Pen supera il presidente Emmanuel Macron, tra i più accesi sostenitori di un’Unione più integrata; in Spagna spiccano i socialisti di Pedro Sanchez; in Germania tiene la Merkel e volano i verdi, forti anche in Olanda. «Le forze sovraniste, cui appartengono Lega e 5 Stelle, sono andate bene ma senza sfondare: salgono dal 20% a circa il 24%, però restano all’opposizione e sono divise in 3 gruppi parlamentari difficilmente conciliabili» aggiunge l’esperto.

«La maggioranza a Strasburgo sarà formata dai Popolari, dove contribuiamo con meno di 10 deputati di Forza Italia; dai Socialisti, che accolgono gli eletti del Pd; dai Liberali, da cui resta esclusa la lista di Emma Bonino che non ha superato il 4%». Il nostro peso specifico è al minimo. E a fine anno scade il mandato di Mario Draghi alla presidenza della Bce. «Aspettiamoci un’Europa che non farà sconti all’Italia, a partire dalla prossima Legge di bilancio che si annuncia difficilissima. Reggere il reddito di cittadinanza che entra a regime e avviare la flat tax senza nel contempo ritoccare l’Iva è impossibile, a meno di non sforare ancora i paletti Ue».

La Brexit continuerà a essere un rebus

«Alle urne ha dominato il partito anti-Ue di Nigel Farage, ma gli occhi sono puntati sul governo di Londra» nota Villa. «La premier Theresa May lascerà 7 giugno e il suo successore, capo dei conservatori nonché primo ministro, si conoscerà non prima di metà luglio. Sarà lui a decidere se portare il Paese al voto o proseguire i negoziati. È probabile che non basterà il limite concesso al Regno Unito per un’uscita ordinata, fissato al 31 ottobre, e che servirà ancora un proroga».

Come funzionano le istituzioni europee

VEDI ANCHE

Come funzionano le istituzioni europee

Noi giovani che tifiamo l’Europa

VEDI ANCHE

Noi giovani che tifiamo l’Europa

Riproduzione riservata