Siamo amiche da 25 anni: perché non mi ha detto del suo amante?

09 05 2018 di Chiara Gamberale
Credits: Elisa Macellari

Dal 2015 la scrittrice ha una rubrica su Donna Moderna dove si confronta con le lettrici sui problemi di coppia, sesso, relazioni affettive. Ogni settimana pubblichiamo le sue risposte, online e sulla carta: se anche tu vuoi scriverle, manda una mail a lapostadelcuore@mondadori.it

Leggi le altre storie di #ParlaneConChiara

Cara Chiara, Lucilla e io siamo amiche da 25 anni. Dopo la scuola mi sono trasferita ad Aosta e lei è rimasta a Lucera, in Puglia, ma tutti questi chilometri non ci hanno impedito di essere come sorelle. Abbiamo caratteri diversi, io più accondiscendente, lei un po’ egoista, ma ci siamo sempre volute bene, e quando torno a Lucera, più o meno tre volte all’anno, è una festa per entrambe. O forse dovrei dire che “era” una festa. Qualche mese fa, Lucilla mi ha chiamato per chiedermi un grande favore: correre all’ospedale di Aosta dove avevano ricoverato un suo vecchio amico per un grave incidente stradale. Io mi sono precipitata senza neanche sapere lui chi fosse. Gli sono stata vicina 3 giorni, prendendomi persino le ferie dal lavoro. Per fortuna l’incidente non ha avuto esiti drammatici, ma lui mi è stato grato e ha voluto invitarmi a cena, senza altro scopo che ringraziarmi. Da quel momento Lucilla ha iniziato a tempestarmi di messaggi per sapere come stessero le cose tra noi, ma in modo subdolo, quasi incoraggiandomi a provarci con lui, e più le spiegavo che non c’era malizia, più lei mi diceva che saremmo stati una bella coppia. Poi è sparita, si negava telefono, fingeva di non leggere i messaggi. Finché, pochi giorni fa, sono tornata a Lucera. E un amico mi ha raccontato la verità: quell’uomo e Lucilla sono stati amanti. Ma perché le non ha saputo dirmela? Perché tanta ipocrisia? Ora sono triste e demoralizzata. Mi manca mia sorella.

(Michy)

Carissima Michy, ma perché, se siete sorelle, anziché giudicare Lucilla e subire il suo comportamento, non provi a interpretare? Perché, se quello che vi lega è così profondo, non le chiedi spiegazioni e non ti sforzi per trasformare tutta questa storia attorcigliata nell’ennesima occasione per ritrovarvi a essere più forti della distanza che si è creata fra di voi? Magari la tua amica non sta passando un bel periodo. E, come tutte le persone che sono davvero in crisi, anziché riuscire a chiedere aiuto non fa che accumulare casini. Tu mi sembri lucida: lascia stare tristezza e demoralizzazione. Scegli la sorellanza e fallo per tutte e due.

Problemi di cuore, di testa o di pancia? Scrivi a lapostadelcuore@mondadori.it

Leggi le altre storie di #ParlaneConChiara

Riproduzione riservata