Il tramonto accompagna la seconda tappa della Dm Negev Adventure

30 10 2018 di Alessia Cogliati

Questa mattina non si corre, la gara è programmata nel pomeriggio per vedere uno degli spettacoli più belli che il Negev può offrire: il sole che cala sulle sue infinite distese. Le runner e tutto il team della Dm Negev Adventure vanno allora alla scoperta della storia del deserto di Israele (visitnegev.com).

La destinazione è il sito archeologico dell'antica Avdat che, dall'alto di una collina alta 650 metri, domina un panorama infinito. La città fu costruita nel III secolo a.C. come luogo di sosta per le carovane in viaggio da Petra fino alle coste del Mediterraneo. A fermarsi qui erano i nabatei, un antico popolo arabo che rimase nomade fino al momento in cui i cristiani non intuirono le potenzialità economiche del commercio delle spezie e dell'incenso e decisero di sottometterlo.

Il sito conserva un tempio nabateo, le colonne e gli archi delle chiese bizantine, le cisterne per la raccolta dell'acqua piovana e persino una cantina dove veniva prodotto il vino. A colpire l'attenzione è la tonalità ocra delle pietre, resa ancora più viva dal sole e dal contrasto con l'azzurro del cielo e con i colori del deserto tutto intorno. Un vero miraggio.

Le runner scattano foto e raggiungono la cima della torre di guardia della fortezza. Tra loro la più entusiasta è Elisa che, laureata in architettura, ha partecipato a scavi archeologici a Damasco e a Rabat. «Ho guardato tra le pietre usate per costruire i muri e ho scoperto che i nabatei già conoscevano l'utilizzo della malta, molto prima che in Siria. Erano davvero avanti!» ci spiega entusiasta.

La seconda tappa della mattina si trova a pochi chilometri da Avdat, nel kibbutz dove Ben Gurion si trasferì a 60 anni con la moglie. È la Winery Sde Boker, una delle cantine più piccole di Israele (produce da 3.000 a 5.000 bottiglie l'anno). Qui, sotto gli ulivi, il proprietario Zvi Remak serve vini rossi barricati da uve cabernet sauvignon e merlot e, orgoglioso, mostra le etichette disegnate dalla figlia artista.

La guida racconta la storia dell'antica città di Avdat al team della DM Negev Adventure

Un'antica cantina nella città di Avdat

Un arco all'interno della fortezza di Avdat

Il corpo centrale della fortezza

Le runner fotografano il sito archeologico

Il deserto intorno alla cittadella

La degustazione di vini della Sde Boker winery 

Il direttore di Donna Moderna con Zvi Remak, proprietario della cantina

Foto

La gara

Finita la visita, è tempo di correre! La gara comincia sotto i migliori auspici alle 15.15, un numero che secondo la cabala israeliana significa “gloria”. Le ragazze, con il sole ancora alto, affrontano i 15 chilometri della seconda tappa su un sentiero dritto che sembra attraversare un deserto diverso da quello di ieri.

In questo tratto la strada è larga e il fondo è piatto, ma bastano poche curve perché inizino i saliscendi ricoperti di grandi rocce bianche. In testa ci sono Federica ed Elisa, segue Eleonora che in pochi chilometri riesce a riprendere le due. «Ho avuto un momento di crisi già al quarto chilometro» racconterà all'arrivo. «Poi, visto che mi devo sempre mettere alla prova, ho accelerato il passo e ci ho preso gusto: mi sentivo un puntino lanciato a tutta velocità nello spazio infinito». Arianna e Francesca si scambiano il testimone più volte e chiudono il gruppo.

Il panorama che si apre davanti ai loro occhi rivela altopiani dalle pareti frastagliate e la cima verde che incorniciano il percorso. Il sole inizia a calare e le runner proiettano lunghe ombre dietro di loro mentre affrontano l'ultima salita, la più dura. La gara è finita: Elisa e Federica sono prime, insieme, dopo un'ora e mezza dalla partenza. Eleonora, Arianna e Francesca seguono a ruota. «Anche se eravamo distanti mi sono sentita legata alle altre da un filo» racconta Francesca. «E questa è stata l'emozione più bella».

Per tutte la ricompensa è arrivare proprio in faccia al sole che cala sul monte Retamim. Una volta in cima lo sguardo corre libero fino all'orizzonte che cambia rapidamente di colore fino ad accendere un milione di stelle. Domani mattina si parte presto, meglio andare a dormire.

Vuoi seguirci in tempo reale? Siamo su Instagram, Facebook e Twitter con gli hashtag #dmnegevdventure, #visitnegev, #donnecomenoi, #corriconnoi

Foto di Umberto Coa

La partenza della seconda tappa della DM Negev Adventure

Il primo tratto della seconda tappa della gara

Elisa e Federica in testa alla gara

Elisa, Eleonora e Federica corrono insieme

Le runner e sullo sfondo il deserto al tramonto

Il percorso tracciato dal coach Federico Bertone

Francesca taglia il traguardo

Il sole tramonta sulla seconda tappa

Federica e Elisa festeggiano la vittoria 

Eleonora, Elisa e Francesca salutano il tramonto sul Negev

Foto
Riproduzione riservata
Main Partner
Partner