Dall’inizio della pandemia di Covid-19, in Italia le regole per svolgere attività fisica al chiuso e all’aperto sono cambiate diverse volte. Se al momento le palestre sono chiuse, è ancora possibile allenarsi da soli fuori casa. Chi lo fa non è obbligato a portare la mascherina: è sufficiente che mantenga la distanza stabilita dalle altre persone.

Tuttavia, per sentirsi ulteriormente sicuri e non far correre alcun rischio nemmeno agli altri, è possibile indossarla anche durante i workout. A patto di prestare attenzione e di ascoltare i segnali del corpo, onde evitare di andare in carenza d’ossigeno e mettere quindi in pericolo la propria salute.

Se hai problemi respiratori meglio evitare

Fare sport con qualcosa che copra naso e bocca non è sempre una buona idea, soprattutto se l’esercizio svolto richiede un elevato fabbisogno di ossigeno. Se l’organismo fa fatica a riceverlo dall’aria che inala, infatti, rischia di andare incontro a ipossia. Di che cosa si tratta? Di una carenza importante di questo elemento, responsabile di vertiginidebolezza, vertigini, o anche solo di un senso di disagio e stanchezza.

Soprattutto le persone che soffrono di problemi polmonari anche leggeri, tipo l’asma, dovrebbero quindi evitare di indossare la mascherina mentre fanno sport o prestare molta attenzione.

Per tutti gli altri via libera, ma con prudenza.

Adatta il tuo workout all’uso della mascherina

Sicuramente non è confortevole sottoporsi a un considerevole sforzo fisico con una mascherina sul volto, tuttavia è importante sottolineare come non faccia nemmeno sempre male.

Paradossalmente, infatti, se da un lato allenarsi con un dispositivo che impedisca di compiere respiri ampi può essere dannoso, dall’altro la carenza di ossigeno può sviluppare la capacità polmonari e aumentare la resistenza.

Questo non significa che si debba abbassare la guardia, anzi, non bisogna mai smettere di monitorare il battito del polso, il cui valore non deve in nessun momento essere superiore a 220 meno l’età della persona, 190 meno l’età in caso di sforzi particolarmente intensi e prolungati.

Tenersi controllati però non basta, per indossare mascherine mentre si fa sport è necessario diminuire l’intensità del proprio allenamento e scegliere la tipologia in modo adeguato.

Dedicarsi a discipline anaerobiche come sollevamento pesi, yoga e pilates comporta generalmente pochi rischi, mentre esercizi aerobici come lo spinning e la corsa sono sicuramente più a rischio e sarebbe meglio limitarli. 

L’esperimento di un medico maratoneta

Per rassicurare il pubblico sul fatto che sia possibile, con i dovuti accorgimenti, usare le mascherine durante un allenamento, il medico britannico di terapia intensiva, Tom Lawton, ha corso per 35 chilometri all’aperto indossandone una. Subito dopo ha utilizzato un pulsossimetro per misurare i suoi livelli di ossigeno e ha documentato come fossero rimasti nei parametri normali.

Il medico ha tuttavia ammesso di essersi sentito scomodo, soprattutto a causa del sudore che inumidiva la mascherina e di conseguenza il suo viso, ma anche che molto probabilmente si trattasse di un fastidio scaturito dal trovarsi a svolgere un’azione insolita. «Respirare avendo davanti a sé un oggetto non previsto in situazioni normali può far sentire a corto di fiato, ma credo sia solo necessario abituare il corpo a un nuovo tipo di respirazione, in modo che mantenga stabili i livelli di ossigeno e anidride carbonica».

Le mascherine più adatte

Quando scegli una mascherina pensando all’esercizio fisico, immaginati mentre ti muovi e cerca di capire se il modello che stai per acquistare aderirà bene al tuo viso o invece tenderà a scivolare via.

In questo secondo caso dirigiti verso un’altra opzione, sempre tenendo in considerazione che i tessuti devono sì assicurare la protezione dal virus, ma rimanere al contempo il più possibile traspiranti, in modo da garantire un flusso d’aria sufficiente.

Imprescindibile anche la capacità di fungere da barriera contro le goccioline. Dopo aver verificato questi aspetti prioritari, lasciati un anche po’ guidare dall’istinto. Ricorda che la migliore mascherina per la tua sessione di fitness è anche quella della quale quasi ti dimentichi e che ti fa sentire comoda.

Evita le FFP

Tra le usa e getta meglio scegliere un modello leggero, come quello chirurgico. Da evitare invece le FFP che, pur proteggendo in modo più efficace dal virus Covid-19, ostacolano molto la respirazione e possono trasformarsi in un vero e proprio pericolo per la salute. Soprattutto se l’intensità dell’allenamento non viene calibrata in funzione del loro utilizzo.

Se invece vuoi optare per dispositivi lavabili e riutilizzabili ricordati di controllare che siano in tessuto antibatterico ad asciugatura rapida.

Molte aziende produttrici di abbigliamento e attrezzatura sportiva hanno lanciato i loro modelli sul mercato. Estremamente ergonomici e adatti al movimento, alcuni sono anche dotati di particolari filtri.

L’ultimo consiglio è di prediligere un materiale che asciughi bene. Nel dubbio però è sempre meglio avere sempre con sé un paio di ricambi. La mascherina, infatti, deve essere sempre asciutta e va cambiata se si impregna di sudore e vapore.