Passeggiando tra le case blu del Marocco

Basta oltrepassare una delle porte di accesso alla medina per ritrovarsi immersi nel blu di Chefchaouen. Le case che si affacciano sulle piccole strade labirintiche del centro storico hanno i muri dipinti con diverse sfumature di indaco e regalano una sensazione di profonda serenità. Fondata dagli andalusi nel 1471, la cittadina aveva costruzioni di mattoni color caramello, passate al bianco negli anni a seguire, finite in una multicromia di blu dagli anni Duemila. Se si chiede il motivo di quest’ultima scelta alla gente del posto si avranno risposte diverse: il blu riflette meno la luce del sole rispetto al bianco, è stato portato dalla comunità ebraica che per prima si è installata qui, tiene lontane le zanzare e fresche le abitazioni.

Quale che sia la spiegazione, la verità è che passeggiare a Chefchaouen è una vera esperienza, ci si ferma a comprare spezie, si ammirano i negozi che vendono abiti da sposa con cinture di oro e pietre preziose, ci si rilassa bevendo un tè marocchino ai tavolini di un bar (visitmorocco.com). Ed è solo l’inizio: Chefchaouen è solo una delle perle del Marocco, tra cui spiccano le città imperiali come Marrakech, Fès, Rabat. 

Il consiglio in più Per scoprirle con escursioni personalizzate e scegliere un soggiorno con tutti i comfort c’è il rinnovato Club Med Marrakech La Palmeraie nel verde di un palmeto e vicino alla medina. Il design si ispira alla cultura berbera e la Spa ha trattamenti allineati alle migliori tradizioni del mondo (una settimana da 1141 euro a persona, clubmed.it).

In crociera lungo le coste del Mediterraneo

Ci si imbarca a Genova e si fa rotta verso Ovest toccando le città più belle che si affacciano sul Mediterraneo fino a Lisbona che quest’anno, dal 9 al 31 luglio, ospita il Cool Jazz, tra i più famosi festival di musica internazionale con Chaka Khan & Morcheeba e Diana Krall. Ma andiamo con ordine.

Dopo essere partita da Genova, la nave Msc Orchestra tocca Marsiglia, il cui porto vecchio è tutto un susseguirsi di bar, ristoranti e terrazze dove all’alba attraccano ancora i pescherecci. Le Panier è il quartiere più vivace della città con le sue stradine in discesa, il mix di cultura magrebina, corsa, armena e ora anche le boutique di design e gli alberghi di charme. In Spagna si fa tappa a Malaga, la città andalusa con il museo che custodisce più di 200 opere di Picasso, quindi a Cadice, accolti dalla Cattedrale di Santa Croce sul Mare con la sua cupola dorata e i ristoranti del quartiere di La Viña per assaggiare la caballa con piriñaca (sgombro con pomodoro, peperone e cipolla). E, poi, arriva il Portogallo dove Lisbona ha ricevuto il riconoscimento di migliore destinazione urbana d’Europa 2024 e quest’estate ospita festival di musica come il Sumol e di cinema come il MotelX (visitlisboa.com). La nave salpa il 3, 13, 23 luglio e il 2 e 12 agosto (10 notti a 1175 euro, msccrociere.it).

Il consiglio in più Msc propone tour su due ruote a Marsiglia, visite a Siviglia e Gibilterra e relax sulla spiaggia di Caparica in Portogallo. 

Mykonos segreta

Nastri di sabbia dorata, mare cristallino, calette di ciottoli candidi, borghi variopinti di pescatori, cascate di bounganville e mulini a vento: è Mykonos, l’icona delle Cicladi, l’isola greca più ricercata e non solo per la sua vita notturna e mondana. Mykonos offre rifugi di pace e tranquillità, come nell’esclusiva zona Fanari, che si affaccia sull’isola di Tinos.

Qui, in una posizione strategica per godere il tramonto sull’Egeo, Collini Suites & Villas offre 29 sistemazioni con terrazza o balcone, piscine private o vasche idromassaggio, i trattamenti rigeneranti della Spa e una palestra super attrezzata. E per visitare l’isola propone ogni tipo di escursione e gite in barca (da 250 euro, colazione inclusa, [email protected])

Beauty days nel Tirolo austriaco

Il Tirolo austriaco è da sempre sinonimo di benessere. Lo sanno bene gli ospiti del Bio-Hotel Stanglwirt, precursore del totale rispetto per l’ambiente: qui si esaudisce ogni desiderio di vacanza anche con la famiglia, godendo di una vera esperienza eco-luxuring.

Nei 12.000 mq dell’area wellness tutto è possibile: relax, benessere, remise en forme e trattamenti con le beauty consultant delle dive. Senza negarsi esperienze gourmet, sport agonistico con programmi di allenamento personalizzati, tennis, equitazione e nuoto. E per i bambini una fattoria con caprette, pecore e coniglietti da coccolare (stanglwirt.com, da 145 euro in camera doppia).

Benessere a 360° anche all’eco-resort Gradonna Mountain Resort Châlets & Hotel, immerso nello scenario maestoso del Parco Naturale degli Alti Tauri. Le stanze sono in legno di cirmolo ma si può dormire anche negli chalet del bosco con area wellness privata, punto di partenza per camminate dove rilassare corpo e mente (da 144 euro in camera doppia con colazione, buffet e cena, gradonna.at).