Che meraviglia questi musei! Ecco la top ten

  • 1 10
    Credits: Mondadori Portfolio

    1_Nella Pinacoteca Nazionale di Siena trovi capolavori assoluti del ’300, quando la pittura era ancora limpida e non afflitta da “turbe” psicanalitiche come accaduto in seguito. Se hai fretta, guarda una sola opera: L’Annunciazione di Ambrogio Lorenzetti del 1344 (nella foto). L’angelo è così espressivo che sembra che le parole per la Vergine gli escano dalla bocca. Il primo fumetto della storia dell’arte o, per dirla con il linguaggio di oggi, il primo tweet (pinacotecanazionale.siena.it).

  • 2 10
    Credits: Mondadori Portfolio

    2_Nel 6° secolo arrivarono in Romagna i Bizantini e i loro eccezionali mosaici, di cui si trovano esempi magnifici nella Basilica di Sant’Apollinare in Classe a Ravenna (turismo.ravenna.it). L’abside è spettacolare. Guardando in alto, hai una sensazione di luce e pace: pur essendoci molte pecore, non rischi di addormentarti anche contandole tutte.

  • 3 10
    Credits: Mondadori Portfolio

    3_Premiato come museo italiano più bello dalla rivista specializzata Artribune, il Madre di Napoli (madrenapoli.it, ingresso gratuito il lunedì) si trova nel quartiere popolare di Donna Regina ed è stato magistralmente restaurato negli anni ’90 dall’architetto portoghese Alvaro Siza. Più che la collezione permanente, un po’ a singhiozzo in termini di qualità, sono le mostre temporanee a essere la vera attrazione (nella foto, Axer/Dèsaxer di Daniel Buren).

  • 4 10
    Credits: Olycom

    4_Se vai a Sud, punta al Museo Archeologico della Magna Grecia a Reggio Calabria (www.archeocalabria.beniculturali.it). È stato rinnovato da poco e conserva 2 star: i famosi Bronzi di Riace. Sono maestosi, anche se fanno dimenticare che nel museo ci sono altre opere eccezionali: per esempio, la Testa del filosofo del 5° secolo avanti Cristo. Chissà, magari ritrae proprio Aristotele, padre di tutti i pensatori.

  • 5 10
    Credits: Mondadori Portfolio

    5_La collezione del Palazzo Rosso di Genova (museidigenova.it) è superba. Suggerisco il ritratto del nobile Anton Giulio Brignole che sale a cavallo dipinto da Anton Van Dyck nel 1627. Chissà se è il Brignole che dà il nome alla stazione cittadina, ma poco importa davanti a tale meraviglia: cavallo e cavaliere sembrano 2 fantasmi, tanto che il cane ai loro piedi è estremamente agitato.

  • 6 10
    Credits: Mondadori Photo

    6_Quando si dice che un quadro vale il viaggio... È la Flagellazione di Piero della Francesca del 1464 alla Galleria Nazionale delle Marche di Urbino (artimarche.beniculturali.it). Osserva le 3 figure che chiaccherano in primo piano mentre sullo sfondo il povero Gesù viene preso a frustate. Chi sono e di cosa parlano? Non si sa bene. Ma l’opera è un capolavoro assoluto.

  • 7 10
    Credits: Olycom/Mondadori Portfolio

    7_Da vedere e rivedere sono le Gallerie dell’Accademia di Venezia (www.gallerieaccademia.org). C’è uno dei quadri più belli e più grandi della storia dell’arte: misura 5 metri per 12 circa. È la Cena a Casa di Levi di Paolo Veronese del 1573. Straordinario.

  • 8 10
    Credits: Olycom

    8_Visita più scontata ma non meno eccezionale alla Pinacoteca di Brera di Milano (www.brera.beniculturali.it), dove penseresti di trovare folla e invece è quasi vuota. Suggerisco 3 opere: il Cristo Morto del Mantegna, la Cena di Emmaus di Caravaggio e per l’arte moderna la scultura Il bevitore di Arturo Martini.

  • 9 10
    Credits: Olycom

    9_Non si può fare un Grand Tour dell’arte senza il Museo di Capodimonte di Napoli (museocapodimonte.beniculturali.it). Ti consiglio L’Annunciazione di Tiziano, Morte di Seneca del meno famoso Matthias Stomer e Giuditta che decapita Oloferne di Artemisia Gentileschi, una delle poche artiste del Barocco.

  • 10 10
    Credits: Olycom

    10_Concludi con il Museion di Bolzano (www.museion.it, ingresso gratis il giovedì dalle 18 alle 22). Dentro è tutta arte contemporanea ma l’architettura dell’edificio, disegnata nel 2008 dallo studio tedesco KSV, è semplice: passeggiarci ci fa capire perché i musei sono le chiese di oggi per quelli che magari a Dio non credono ma alla creatività umana sì.

/5
di

Francesco Bonami

Domenica 7 febbraio oltre 430 tra musei, siti archeologici e monumenti in tutta Italia apriranno liberamente al pubblico nella seconda domenica gratis dell'anno. Sarà anche per queste giornate che nel 2015 le nostre gallerie hanno attirato 43 milioni di visitatori. Ecco la top ten dei siti più belli stilata dal critico d'arte Francesco Bonami

Volendo andar per arte in Italia, approfittando dell’iniziativa del ministero dei Beni Culturali #domenicalmuseo (con le gallerie aperte la prima domenica del mese), scegli a colpo sicuro: dai Musei Vaticani di Roma agli Uffizi di Firenze, le meraviglie non mancano. Se però non ami le code dei turisti, ecco 10 musei eccezionali e non super affollati.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te