resize

5 buoni motivi per andare a vedere i Minions

È nelle sale il film dei Minions, gli esserini gialli che hanno conquistato il mondo al grido di Bananaaaa! Parlano cento lingue senza azzeccarne una, ma sanno emozionare e fanno ridere. Ecco perché

Sono tanti, gialli, portano gli occhiali, parlano una lingua incomprensibile e, soprattutto, sono divertentissimi. Sono i Minions, attori non protagonisti di Cattivissimo me, così bravi da meritarsi un lungometraggio targato Universal in questi giorni al cinema.

Ieri sono andata a vederli con mia figlia Maria Sole, 4 anni e mezzo, che è scoppiata a ridere più volte nel buio della sala. E qui vi dico perché vale la pena spendere i soldi del biglietto.

1. I Minions hanno una missione che già da sola fa ridere: servire il padrone più cattivo. Ma, ogni volta che lo trovano, lo fanno fuori. Succede nella preistoria con il dinosauro sputafuoco (caduto in un vulcano), ricapita con il faraone egiziano (schiacciato dalla piramide) e con Dracula (polverizzato dalla luce del sole). Finché non incontrano Scarlet Sterminator, bellissima antidiva determinata a diventare la donna criminale più pericolosa al mondo.

2. I Minions sono parecchio stupidi. Combinano guai, fanno disastri, non ne imbroccano una. Ma alla fine si salvano sempre e diventano addirittura re d’Inghilterra. Non sarebbe bello se succedesse anche a noi?

3. I Minions sono tutti maschi. Il motivo? Ecco come lo spiega il coregista della pellicola, Pierre Coffin: «Considerato quanto sono tonti e stupidi, semplicemente non potevo immaginarmi dei Minions di sesso femminile». Geniale!

4. I Minions piacciono a grandi e piccini. Un po’ come i loro cugini (sempre gialli), i Simpson. Nel film ci sono un sacco di riferimenti culturali che fanno sorridere il pubblico adulto. Come quando i Minions escono da un tombino piazzato su una strada con le strisce pedonali e sopra le loro teste si vedono passare i piedi dei quattro Beatles. Una fotocopia della copertina dell’album Abbey Road.

5. I Minions amano la buona musica. Nella colonna sonora ci sono Love me do dei Beatles, My generation degli Who, Break On Through dei Doors, You really got me dei Kinks. Già questo garantisce loro una nota di merito.

E se questi cinque motivi non bastassero, aggiungo una postilla. Il grido d’assalto dei Minions è: Bananaaaaaaa!

Riproduzione riservata