Arianna Errigo, la fiorettista più forte

Chi è Arianna Errigo, considerata una delle fiorettiste più forti al mondo.


Alle Olimpiadi di Londra 2012 Arianna Errigo è stata testimone di un evento storico: sul podio finale del fioretto al primo, al secondo e al terzo posto sono salite contemporaneamente tre italiane. Lei era una di queste tre, con la medaglia d'argento

Quando ha battuto la Vezzali

La sua fu un'impresa nell'impresa perché alle semifinali si trovò di fronte Valentina Vezzali. Valentina Vezzali non è una qualunque: ha vinto tre ori olimpici consecutivi e non era mai stata battuta. Per Arianna poi, la Vezzali era una vera e propria eroina, un modello, il suo punto di riferimento, l'idolo cui guardava per ispirarsi. Un po' come se un ragazzino che ama il calcio, un giorno, si trovasse a dover giocare contro Lionel Messi. Insomma da una parte c'era la regina indiscussa della scherma mondiale, dall'altra la nostra Arianna, allora un'esordiente alle Olimpiadi. La sfida fra le due è qualcosa di epico, un po' Davide contro Golia. Ma Arianna, dice di lei il suo allenatore, è una che ama le cose difficili, che si annoia quando non può complicarsi la vita. E batte la Vezzali. Da Londra, però, tornerà comunque a casa con un po' di rammarico perché nella finale contro Elisa Di Francisca, Arianna parte benissimo, infilzando la sua avversaria con determinazione. Passa subito in vantaggio ma verso la fine della gara, convinta di avere la vittoria in tasca, abbassa la guardia. E' un errore fatale. La Di Francisca rimonta strappandole letteramente l'oro dalle mani. 

Olycom
Olycom
Olycom
Olycom
Olycom
Olycom
Olycom
ANSA/ETTORE FERRARI

Con Matteo Renzi e il presidente del Coni ad una cerimonia ufficiale 

Olycom
Olycom

Su Rai Uno con Max Giusti e la compagna di squadra, Elisa Di Francisca

Olycom
ANSA/TELENEWS

All'aereoporto di Rio, pronta per iniziare l'impresa olimpica. 

ANSA
ANSA
ANSA
ANSA

Con le compagne della nazionale dopo una vittoria. 

ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

Con un generale dei Carabinieri. Arianna Errigo fa parte dei gruppi sportivi dell'Arma. 

A Rio da favorita

Una medaglia d'oro sfuggita dalle mani che, quattro anni dopo, Arianna proverà ad acchiapparla in queste Olimpiadi brasiliane. Ora non è più l'esordiente che sfidava la Vezzali. Ora arriva con due primi posti ai Mondiali (2013 e 2014), un altro oro agli europei appena trascorsi e un posto da numero uno nel ranking mondiale, la speciale classifica che indica le atlete più forti per ogni disciplina. Sa di essere la favorita e non si schernisce. In questi mesi ha lavorato duramente per prepararsi al meglio, anche se nel sport talvolta anche la migliore preparazione del mondo potrebbe non bastare.

I genitori guardavano la scherma in tv

Lombarda nata nel 1988, fu avviata alla scherma furono i suoi genitori, grandi appassionati di questo sport tanto da seguirlo sempre in televisione. All'età di sei anni fu iscritta in palestra e dedica a questo sport gli anni della sua infanzia e dell'adolescenza. Come ogni sportiva sono tanti i sacrifici che deve fare, soprattutto dato che è una buongustaia nel cibo. "I miei genitori" -racconta scherzando- "preferiscono comprarmi un cappotto che portarmi fuori a cena". Nel 2009 è l'esordio in Nazionale vincendo prima l'oro agli europei di Plovdiv, poi un bronzo e un oro ai mondiali di Antalia. Nella scherma si è fatta notare per un modo nuovo di giocare, più incentrato all'attacco e meno sulla difensiva. "E' da quando sono piccola che voglio fare qualcosa di diverso." -ha spiegato in un'intervista- "Sicuramente il mio metodo è più rischioso, devi essere sempre perfetto fisicamente ma ho sempre voluto dimostrare che si può vincere in un altro modo, che la scherma può essere uno spettacolo che diverte e fa divertire".

Curiosità

E' fidanzata con un altro campione della scherma: Luca Simoncelli e insieme amano cucinare di tutto (dagli antipasti ai dolci) e fare surf. Ha fatto anche pallavolo poi mollato per la scherma, preferito perché predelige gli sport individuali a quelli di squadra, oggi gioca anche tennis  Vorrebbe fare una famiglia con lui e avere due-tre figli ma ama anche viaggiare, specie in località esotiche. Tralaltro ha già deciso che resterà in Brasile anche a Olimpiadi concluse per conoscere meglio il Paese latino-americano che l'ha già affascinata in occasione degli ultimi mondiali di scherma, che si sono tenuti sempre a Rio. 

Rossella Fiamingo, spada d’argento

VEDI ANCHE

Rossella Fiamingo, spada d’argento

Federica Pellegrini alle Olimpiadi di Rio 2016

VEDI ANCHE

Federica Pellegrini alle Olimpiadi di Rio 2016

Rio 2016: gli atleti (e le atlete) più sexy

VEDI ANCHE

Rio 2016: gli atleti (e le atlete) più sexy

Rio 2016: le coppie più sexy

VEDI ANCHE

Rio 2016: le coppie più sexy

Riproduzione riservata