10 cose che (forse) non sai su Bridget Jones

Bridget Jones è tornata: perché vale la pena andare a vedere il nuovo film e tutte le curiosità sulla single più amata del cinema.

Bridget Jones's Baby arriva al cinema. A distanza di 12 anni dal secondo capitolo della saga sulla single più amata del mondo, ecco un nuovo episodio che promette di non deludere i fan. Salutato Daniel Cleaver, la nostra beniamina si ritroverà quarantenne e senza un marito, ma sempre, inesorabilmente nei pasticci. Al suo fianco ancora una volta Mark Darcy (interpretato sempre dall'affascinante Colin Firth) e un nuovo rivale, al quale presta il volto l'ex Dottor Stranamore di Grey's Anatomy, Patrick Dempsey.

Se pensi di saper già tutto sulla stralunata Bridget, nella gallery abbiamo raccolto 10 aneddoti sulla saga che potresti non conoscere mentre più giù ti raccontiamo le curiosità sul film e la sua protagonista. 

Renée Zellweger ha lavorato in incognito per un mese in una casa editrice per prepararsi al ruolo di Bridget. È stata presentata come la sorella di un amico del capo e produttore del film, Jonathan Cavenish.

In quel periodo l'attrice stava con Jim Carey e aveva messo una sua foto sulla scrivania. I colleghi erano evidentemente perplessi, ma troppo british per chiedere chiarimenti.

La famosa scena della rissa tra Mark Darcy e Daniel Cleaver non aveva una coreografia preparata, come ha rivelato lo stesso Colin Firth in un'intervista. Sono stati usati degli stuntman solo per la parte in cui i due rompono una finestra.

Bridget Jones è l'unica trilogia ad avere solo registe donne

Sally Phillips aveva fatto l'audizione per la parte di Bridget, ma è stata scartata e presa invece per il ruolo dell'amica Shazza.

La scena finale del bacio, nel primo film, è stata girata in realtà in estate

Bridget Jones è stata accusata di aver causato un calo delle vendite di Chardonnay. Secondo lo scrittore esperto di vini Oz Clarcke, prima dell'uscita del film lo Chardonnay era considerato sexy, dopo invece veniva snobbato 

Gli amici di Bridget sono stati creati sulla base dei veri amici della scrittrice Helen Fielding, autrice del libri da cui sono tratti i film

Quando interpreta il ruolo di Bridget Jones, Renée Zellweger fuma sigarette a base di erbe perché non vuole che la sua salute ne risenta

Molti dei personaggi presenti in "Bridget Jones" hanno partecipato anche alla saga di Harry Potter. Jim Broadbent, Gemma Jones, Emma Thompson e Shirley Henderson, rispettivamente il papà, la mamma, la ginecologa e la migliore amica di Bridget, nella saga del maghetto avevano i ruoli di Horace Lumacorno, Madama Chips, Sibilla Cooman e Mirtilla Malcontenta.

La trama
Nel nuovo film Bridget si ritrova a festeggiare da sola il suo 43esimo compleanno, è di nuovo single, ma senza più troppa scelta. Daniel Cleaver infatti è morto e Mark Darcy è sposato con un’altra donna. Decide quindi di dare una svolta e lanciarsi in attività più giovanili. Va al concerto di Ed Sheeran e incontra un affascinante americano (Dempsey) con cui va a letto. Peccato che qualche sera prima sia finita nella stessa situazione con Mark, che con la moglie sta per divorziare. Poco dopo arriva la notizia shock: Bridget è incinta, ma l’identità del padre è tutta da scoprire.

Perché vale la pena vederlo
In genere si tende a diffidare dei sequel, perché rischiano di deludere e rovinare il ricordo che si ha di un personaggio, che rischia di rimanere invischiato sempre negli stessi meccanismi e cliché che lo hanno portato al successo. Possiamo rassicurarvi: non è questo il caso. Nel film Bridget è cresciuta, resta un’inguaribile combinaguai, ma più consapevole e soprattutto indipendente. Ha un ottimo lavoro e sa che tipo di uomo vuole al suo fianco. Questo però non significa che le sue (dis)avventure non possano essere comunque comiche e le sue crisi di solitudine assolutamente condivisibili. E poi la simpatia di Emma Thompson, che interpreta la ginecologa, vale da sola il biglietto.

Le critiche a René Zellweger
Negli ultimi anni l’attrice è stata ripetutamente attaccata per il suo cambiamento estetico. Oltre ad aver perso diversi chili, è apparsa con dei lineamenti diversi, cosa che ha fatto subito ipotizzare che ci fosse dietro l’aiuto di un chirurgo plastico. Lei ha sempre negato: «Perché parliamo di come appaiono le donne? Perché diamo più peso alla loro bellezza rispetto al loro contributo nella società? Questo non avviene per gli uomini. Io non credo che diventare matura sia un fatto negativo. Ma questo genere di discorso non fa che perpetuare il problema. Non credo che questo riguardi nessuno ma io non ho subito nessun intervento al viso e nemmeno agli occhi», ha dichiarato. In sua difesa è accorso anche il collega Patrick Dempsey: «Non dovrebbe essere costretta a subire un simile scrutinio. Hollywood può essere molto crudele e per le donne il trattamento è sempre peggiore».

Riproduzione riservata