La tua vita in un libro: la sesta prova di Violante

  • 11 12 2017

Le concorrenti del talent “La tua vita in un libro” affrontano la sesta prova: scrivere l'incipit del loro memoir. Ecco la prova di Violante

SESTA PROVA: L’INCIPIT

Questa colazione ha cinque anni esatti. Questa colazione mi ha vista arrivare in una giornata di un ottobre capriccioso, con una cartina sgualcita di Milano in tasca. E tanta nostalgia. Questa colazione mi ha accolta come sa fare la migliore delle madri con il peggiore dei suoi figli, quello più indisciplinato: non mi ha rivolto la parola.

Qui è tutto troppo: i dolci sono troppo grandi, la ceramica troppo bianca, le sedie troppo scomode e, certi giorni, tre euro per un muffin sono davvero troppi… Non mi ha rivolto la parola: mi ha messo davanti una tazza di caffè bollente con un pezzettino di torta al cioccolato e banane sul piattino.

Ha atteso paziente ma vigile, voltandosi di tanto in tanto con una speranzosa noncuranza. Ha sicuramente sorriso di me quando ho chiesto al cameriere di che torta si trattasse. E quando ne ho ordinata una fetta intera, avrà mostrato le sue fossette migliori, sapendo che mi avrebbe conquistata con quella porzione extra-large di profumata delizia.

Questa colazione finirà, almeno per il momento, tra meno di un mese.

Rimarranno il caffè troppo caldo, le sedie troppo scomode, i dolci troppo grandi e la ceramica troppo bianca. Ma caspita, quando ci penserò, sorriderò di tenerezza per quella mamma che non aveva capito che il migliore dei suoi figli, quello più indisciplinato, l’aveva già scelta solo per quel pezzettino di torta così… non troppo.

Il commento dell'editor

Il brano di Violante ha struttura, è molto ben costruito, ma come incipit risulta purtroppo un po’ criptico. Personalizzare la colazione è un espediente che non convince fino in fondo e complica la lettura: inizialmente la colazione «accoglie come la migliore delle madri» ma, poche righe dopo, «finirà tra meno di un mese». Il lettore fatica a inquadrare la situazione e la protagonista.  

Vai allo speciale "La tua vita in un libro"

Riproduzione riservata