Il pc non può decidere il mutuo

28 02 2017 di Giovanni Ziccardi
Credits: Shutterstock

Recentemente il Garante per la Privacy si è pronunciato contro il progetto di un “algoritmo della reputazione”, ossia di un software in grado di valutare automaticamente la nostra reputazione in rete utilizzando la profilazione e le formule matematiche. Anche il nuovo regolamento privacy vieta le decisioni prese in automatico dal computer.

Sono passi importanti. Basta pensare alla possibilità di bloccare una richiesta di mutuo o finanziamento online utilizzando questi algoritmi. Sia il Garante sia il Regolamento hanno invece disposto che decisioni che possono avere conseguenze giuridiche, come la concessione di un mutuo o l’aumento della classe di una polizza assicurativa, non devono essere prese da un computer.

L’utente/cliente può opporsi a simili decisioni e domandare l’intervento umano, cioè di una persona in carne ed ossa che valuti la sua pratica e prenda una nuova decisione.


Cosa ne pensi? Scrivi a dallatuaparte@mondadori.it

Riproduzione riservata