Il magico mondo dell'Open Education

Il magico mondo dell’Open Education



Open Education: queste le due parole che caratterizzano il nostro percorso presso Piano C. Due termini pieni di significato, eppure molto generici ed elusivi.

Quando abbiamo cominciato la nostra avventura un mese e mezzo fa, alcune di noi incontravano questo concetto per la prima volta, mentre altre avevano già sperimentato questo tipo di contenuti. Tutte però ci siamo immerse in questo progetto cariche di entusiasmo. Open Education è un'idea fantastica, un po' la realizzazione del corso di studi ideale che molti di noi avrebbero voluto seguire all'università: la possibilità di scegliere di imparare quello che ti interessa e tralasciare tutte le cose inutili. Con questo concetto ci si riferisce infatti a un insieme di risorse facilmente accessibili online – in parte gratuite e in parte a costi irrisori – che permettono di apprendere qualunque cosa, dalla fotografia al marketing, direttamente da docenti qualificati e talvolta assistendo ai corsi delle migliori università.

Subito ognuna di noi ha trovato i corsi che più le interessavano (design thinking, advertising, videomaking, fotografia,...) e abbiamo cominciato a espandere le nostre conoscenze. Ora siamo arrivate a metà percorso e possiamo dire di aver notato alcune cose:

>> è molto più difficile seguire un corso online che un corso in presenza, ancor più se gratuito: spesso presi dall'entusiasmo di imparare ci iscriviamo a tantissimi corsi e tutorial, ma poi il tempo a nostra disposizione è sempre meno di quel che vorremmo e appena un corso è poco interessante o le spiegazioni non chiare lo lasicamo. Ma non sentitevi in colpa: non siete a cuola e internet è pieno di validi corsi: troverete quello che fa per voi.
>> Spesso nei contenuti online manca l'aspetto "sociale", nonostante il tentativo dei moderatori di creare discussioni fra i partecipanti, e ciò penalizza molto la volontà di seguire il corso. Quindi fate uno sforzo in più e cercate di interagire, anche se solo virtualmente: sarete più contenti e motivati.
>> I contenuti in italiano sono purtroppo molto scarsi e anche nei casi in cui le piattaforme offrono sottotitoli, generalemnte sono solo in inglese.

L'Open Education è un mondo pieno di possibilità che offre infinite risorse se la si sa sfruttare e permette di acquisire competenze di qualità molto più facilmente, in qualunque luogo del mondo ci si trovi. Continuate a seguirci su Piano C e nei prossimi mesi vi proporremo dei contenuti che abbiamo trovato interessanti, nel frattempo qui sotto c'è un elenco di alcune piattaforme dove reperire contenuti.

Futurelearn – piattaforma che offre corsi gratuiti in collaborazione con università ed esperti sugli argomenti più svariati.
Skillshare – portale che offre corsi gratuiti e a pagamento in cui le lezioni sono costituite da brevi tutorial inferiori ai 15 minuti. Si concentra prevalentemente sulle skills creative.
Coursera – portale che offre più di 1500 corsi in collaborazione con le migliori università di tutto il mondo.
Lynda – piattaforma acquistata da LinkedIn nel 2015 che offre corsi a pagamento legati alle professioni IT.
EdX – piattaforma nonprofit nata nel 2012 da una collaborazione fra MIT e università di Harvard, ospita corsi organizzati dalle migliori università e alla fine rilascia certificazioni che possono essere usate sul proprio profilo LinkedIn o sul curriculum.

Elena Colombo
C to Work, terza edizione

Riproduzione riservata