Fisco e tasse: 106 scadenze al rientro dalle ferie

Il 22 agosto è il giorno nero del fisco: riprendono in questa data i versamenti e gli adempimenti sospesi per il periodo delle ferie agostane. Ci sono 106 scadenze da rispettare: per lo Stato si tratta di entrate per 23 miliardi di euro, grazie soprattutto a Irpef, Ires, Iva e Irap. In questa guida, vi spieghiamo le principali scadenze. Ce le siamo fatte spiegare da Ilaria Moretti, consulente di Federconsumatori. Vediamo quindi chi è tenuto a pagare cosa.

Irpef

Cosa è. È l'imposta sul reddito delle persone fisiche, con o senza partita Iva. In pratica è una imposta su quello che uno guadagna, anche come socio di società di persone. Si stima un gettito di 4,5 miliardi.

Chi paga. Il 22 agosto pagano coloro i quali sono titolari di Partita Iva; coloro che non lo sono, devono versare l’imposta entro il 31 di agosto, se hanno optato per la rateizzazione delle imposte; altrimenti hanno già saldato il loro debito in un'unica soluzione entro il 16 giugno.

Ires

Cosa è. È l’imposta sul reddito di società di capitali o di enti non commerciali (come associazioni di volontariato, pro loco, circoli culturali), che oltre a svolgere attività istituzione, che è esente da tassazioni, si dedicano anche ad attività commerciali. Su questa ultima attività, hanno comunque una tassazione agevolata: vengono tassati solo sul 3% dei ricavi. Le società di capitali normali invece hanno una tassazione pari al 27,5% sul reddito. Si stima un gettito di 2 miliardi.

Chi paga. Gli enti non commerciali, come associazioni di volontariato, associazioni sportivo dilettantistiche, associazioni culturali, ma solo per la parte commerciale. Se una associazione cultuale, per esempio, organizza dei corsi per i suoi soci, quella è considerata attività istituzionale e non paga nulla. Ma se gestisce un hotel, è tenuta invece al versamento dell’imposta.

Iva

Cosa è. È l’Imposta sul valore aggiunto, calcolata su quanto viene fatturato da un’azienda (al netto dell'imposta pagata sugli acquisti). Si stima un gettito di 15 miliardi.

Chi paga. I contribuenti che sono titolari della Iva devono effettuare il versamento, in relazione alle fatture emesse e ricevute nel secondo trimestre del 2016.

Irap

Cosa è. È l’Imposta regionale attività produttive: la percentuale varia da regione a regione ed è calcolata in relazione alla produttività di una certa azienda. Presupposto dell’Irap è lo svolgimento non occasionale di una attività produttiva; sono esonerati coloro che non hanno questa caratteristiche di organizzazione (per esempio, i liberi professionisti che non hanno un immobile di proprietà e che non hanno dipendenti o beni mobili collegati). Si stima un gettito di 1,1 miliardi.

Chi paga. I professionisti importanti che hanno una struttura organizzativa con dipendenti e beni mobili e poi imprese e attività commerciali

E chi si è dimenticato?

Potrà versare le sue imposte successivamente, ma dovrà pagare una sanzione, proporzionale ai giorni di dimenticanza. In ogni caso è sempre meglio controllare il sito delle Agenzie delle Entrate.

Fisco su Facebook: l’Agenzia delle Entrate risponde in chat sul canone Rai

VEDI ANCHE

Fisco su Facebook: l’Agenzia delle Entrate risponde in chat sul canone Rai

Canone Rai, arriva il primo addebito in bolletta. Ecco chi paga

VEDI ANCHE

Canone Rai, arriva il primo addebito in bolletta. Ecco chi paga

Riproduzione riservata