Come si ricomincia dopo la fine di un grande amore?

31 10 2018 di Chiara Gamberale
Credits: Elisa Macellari

Dal 2015 la scrittrice ha una rubrica su Donna Moderna dove si confronta con le lettrici sui problemi di coppia, sesso, relazioni affettive. Ogni settimana pubblichiamo le sue risposte, online e sulla carta: se anche tu vuoi scriverle, manda una mail a lapostadelcuore@mondadori.it

Leggi le altre storie di #ParlaneConChiara

Cara Chiara, leggo da talmente tanto tempo la tua rubrica e i tuoi libri che mi sembra di confidarmi con un’amica... Oggi ti scrivo perché, dopo una relazione durata molti anni, sto cercando di chiudere definitivamente questo capitolo della mia vita, di voltare pagina, di non soffrire per un rapporto che da un certo punto in poi non mi ha reso felice e non mi ha fatto più battere il cuore: quel muscolo ambiguo, ma preziosissimo, che tu non a caso nel tuo romanzo Adesso chiami “quel rosso buffone”. Un organo che, però, è l’unica parte di una persona in grado di canalizzare tutte le sue energie. Così, senza più poter godere della sua complicità e collaborazione, mi sento stanca, svuotata, prosciugata dentro e fuori al punto da avere sempre la gola secca e inaridita. Cara Chiara, credi che sarò ancora in grado di essere felice e di lasciarmi andare a un’altra passione? Il mio cuore tornerà a battere come ha fatto un tempo? Ho paura di no, temo che se non sarò abbastanza forte, io stessa crollerò, sempre più sfinita. Come si ricomincia dopo la fine di un grande amore? Con stima e affetto.

Fenice

Carissima Fenice, non credo che tu abbia scelto questo nickname per caso. Sai già benissimo, o lo intuisci, che dalle ceneri si risorge, come faceva la Fenice del mito. Sai che, alle volte, un bel falò può spianare la strada a una vita nuova. E si riparte, si rinasce, facendo quello che stai facendo tu: trovando il coraggio di chiudere i conti con ciò che non va. Che cosa ti frena? Che questo rapporto senza emozioni in cui ti sei trascinata non possa essere la risposta per te è già evidente. Che sia qualcosa che alla tua vita porta più male che bene me lo dici tu stessa. E allora? Allora serve coraggio lo stesso. Perché ci diciamo che forse quella parvenza, quel fantasma d’amore è già qualcosa rispetto al nulla che ci aspetterebbe. Esiste una voce che ci fa credere che, chiuso un rapporto, non ne seguirà nessun altro. Ebbene, ti dico: non aver dubbi, nessuna paura. Il “rosso buffone” scherza, fa finta di chiudersi, di non parlare più. Ma poi non resiste alla propria natura: è fatto per entusiasmarsi, e si entusiasmerà ancora, e lo farà proprio quando ti sembrerà impossibile che succeda di nuovo. Tu preparagli il campo, fai spazio per cose nuove, fallo respirare. Nient’altro: al resto penserà lui. E, come ogni buffone, ti sorprenderà con una nuova capriola.

Problemi di cuore, di testa o di pancia? Scrivi a lapostadelcuore@mondadori.it

Leggi le altre storie di #ParlaneConChiara


Riproduzione riservata