esami

Oggi vietato bocciare. Tranne i prof

Da quando la percentuale di promossi è diventata un parametro positivo, le scuole non bocciano più: tutti i voti sono sufficienti, tutti gli studenti sono diventati bravi, il massimo dell’impreparazione ammessa è il debito formativo e ogni tentativo di ripetenza è fermato dagli stessi genitori a colpi di carte bollate.

A pagarne è la preparazione, ma anche la mentalità: essere valutati è diventato intollerabile. È quindi ironico che a essere bocciati siano rimasti solo gli aspiranti professori che in questi giorni sono impegnati nel concorso per insegnare della scuola pubblica. Stanno infatti risultando idonei molti meno docenti di quanti ne servano e il Ministero dice spietatamente che i bocciati sono ignoranti, mostrando risposte che non lasciano dubbi sul livello di impreparazione, specie tra i laureati più giovani. Quelli che vengono da scuole dove non si boccia più nessuno.

Le 10 scuole più innovative d’Italia

VEDI ANCHE

Le 10 scuole più innovative d’Italia

I nuovi libri per la scuola sono divertenti

VEDI ANCHE

I nuovi libri per la scuola sono divertenti

Libri scolastici, come e dove risparmiare

VEDI ANCHE

Libri scolastici, come e dove risparmiare

Riproduzione riservata