Ambra Angiolini

Ambra Angiolini: “Due persone separate possono ancora dirsi ti amo”

Nove anni dopo la fine della sua relazione con Francesco Renga, l'attrice e conduttrice tv racconta che con lui si dicono ancora “ti amo”. Ma niente illusioni: non torneranno insieme

“Non credo di avere trovato mai più un amore così grande”. Lo ha detto Ambra Angiolini a proposito del suo ex, il cantante Francesco Renga. La coppia, che si è lasciata nel 2015, è stata legata per undici anni e ha avuto due figli: Jolanda e Leonardo. Dopo la fine della relazione, è rimasto un legame speciale.

L’attrice e conduttrice tv ha raccontato i particolari del suo attuale rapporto con Francesco Renga durante un suo intervento all’evento “Il Riff incontra Ambra Angiolini”, dove ha anche parlato di bulimia, del suo rapporto con il proprio corpo e di diritti delle donne. Ambra ha spiegato che con il suo ex compagno non dimenticano di essere stati legati da “un amore folle“.

Una volta superata la delusione e la rabbia per la fine della loro relazione, hanno deciso di rispettare l’uno i sentimenti dell’altra. E ancora oggi capita che si dicano: “Ti amo”.

Un nuovo amore per Ambra Angiolini

VEDI ANCHE

Un nuovo amore per Ambra Angiolini

Dirsi “ti amo” per diventare persone migliori

“Due persone separate possono ancora dirsi ti amo”, ha spiegato Ambra Angiolini, spiegando che il rapporto speciale che è rimasto con Francesco Renga non ha nulla a che vedere con il fatto che hanno due figli. “Noi non l’abbiamo fatto solo per loro, perché sarebbe sempre la stessa storia, ossia ‘non mi separo perché ho i figli’, oppure ‘mi separo per i figli’”, ha spiegato l’attrice, “questi poveri figli in questo modo finiscono per avere sulle spalle uno zaino di pietre da 70 chili che non bisognerebbe mettergli addosso. Ve lo dico per esperienza, almeno per la mia, non voglio insegnare nulla a nessuno. Lo dobbiamo fare per noi stessi, cioè per diventare persone migliori“.

Ambra Angiolini: “Tra noi un amore folle”

Quindi, Ambra Angiolini ha ha aggiunto: “Se non ci sono precedenti di violenza psicologica o fisica, se non c’è un motivo reale per arrivare a non doversi più frequentare perché è meglio così, noi superata la delusione, superata la rabbia, ci siamo ritrovati per il motivo per il quale ci eravamo scelti, cioè per un amore folle. Io non credo di aver trovato mai più un amore così grande, altrimenti non sarebbero nati Jolanda e Leonardo, e in nome di quell’amore continuo a pensare che devo rispettare quello che ci eravamo promessi quando sono nati i nostri figli”.

Francesco Renga: «A Sanremo canto l’uomo che sono oggi»

VEDI ANCHE

Francesco Renga: «A Sanremo canto l’uomo che sono oggi»

Ambra Angiolini: “Noi come in Dirty dancing

Ogni volta che qualcuno li incontra per strada o li vede insieme, Ambra Angiolini e Francesco Renga ricevono messaggi in cui le persone chiedono perché non tornino insieme. È successo anche di recente, quando hanno condiviso sui social le immagini del compleanno dell’attrice, al quale era presente anche il suo ex.

“Siamo contenti che ogni volta che postiamo un video tanta gente ci dica: ‘Perché non tornate insieme?’, perché è un po’ l’effetto dei film d’amore che ci piace guardare. Io ho visto cento volte Dirty Dancing, ed è bello che anche noi facciamo quell’effetto”, ha spiegato l’attrice.

“Qualcosa si può sempre salvare”

Poi ha aggiunto: “Invochiamo spesso la pace e facciamo tanto bene a pensare di volere un mondo che non si distrugga da solo, però anche nelle famiglie può succedere che due persone separate si dicano ancora ti amo. È chiaro che ha un valore legato a qualcosa di grande che noi condividiamo felicemente”.

Infine, ha detto: “Siamo abituati alla guerra in tutte le questioni del mondo e quindi vedere due persone che si sono separate ma che si amano lo stesso provoca dubbi, incertezze. Ma guardate che non è sano. È molto più sano credere che qualcosa davvero si possa salvare, perché è la cosa giusta”.

Ambra Angiolini: l’amore, i figli, il cinema e la pole dance

VEDI ANCHE

Ambra Angiolini: l’amore, i figli, il cinema e la pole dance

Riproduzione riservata