del

Il favoloso mondo di Audrey Tautou

di Lavinia Rittatore
Vota la ricetta!

Al cinema l'attrice francese è romantica, sognatrice, dolcissima. E nella vita? Molto, molto misteriosa. Come rivela nella nostra intervista

Al cinema l'attrice francese è romantica, sognatrice, dolcissima. E nella vita? Molto, molto misteriosa. Come rivela nella nostra intervista

Un caffè con Donna Moderna

I celebri occhi neri spiccano sulla carnagione candida. I capelli fino alle spalle, minuta, solo un metro e 63 di altezza: ecco Audrey Tautou, la 27enne attrice francese che ha incantato il mondo nel 2002 con Il favoloso mondo di Amélie. E che adesso ci riprova nella parte di Mathilde nel kolossal Una lunga domenica di passioni (nelle sale dall'11 febbraio) ambientato durante la Prima guerra mondiale.

Com'è Mathilde?
«È una ragazza poliomielitica che va alla ricerca del suo fidanzato dato per morto al fronte. Non vuole credere che sia scomparso, ma è anche piena di dubbi. E il viaggio la aiuta a scoprire se le sue sensazioni sono vere, o sono il frutto dell'illusione e della passione».

Anche lei è così romantica?

«Non mi piace essere identificata con i miei personaggi, anche se li adoro. Io sono una ragazza normalissima che nel tempo libero ama viaggiare e scoprire nuovi Paesi».

Fidanzati?
«Io non rispondo a domande personali. Sono timida e discreta».

Allora, com'è che è diventata attrice?

«Per caso, durante l'università. In realtà mi sarebbe piaciuto  fare l'etologa e occuparmi di scimmie».

Però il cinema le ha portato fortuna. Adesso si è aggiudicata anche un ruolo ne Il Codice da Vinci...

«Di questo proprio non posso parlare. Sa com'è, non ho ancora firmato il contratto».

Un caffè con Donna Moderna

Un caffè con Donna Moderna