L’inquinamento uccide i nostri figli: le denunce delle mamme d’Italia

Quando si mobilitano non ce n’è per nessuno. Attive 24 ore su 24, dal Nord al Sud Italia si moltiplicano i gruppi di mamme che da qualche anno hanno deciso di metterci la faccia per tutelare la salute dei propri figli e l’ambiente in cui vivono. In modo fermo e pacifico, con fantasia e fermezza hanno attirato l’attenzione dei media su temi per cui la società civile attiva si batte da decenni, spesso inascoltata. Usano Facebook e scendono in piazza. Fanno informazione, studiano e si documentano. Con un obiettivo preciso: salvaguardare il futuro delle nuove e delle future generazioni e chiedere conto ai sindaci, prima autorità sanitaria per i cittadini, enti di controllo e politici. Perchè le “Terre dei fuochi”, nel Bel Paese contaminato tra impianti industriali attivi e dismessi, discariche, centrali a carbone, acciaierie e petrolchimici, sono tante, troppe.Di oltre 15 mila siti inquinati sparsi per tutta la penisola, ben 57, i cosidetti “SIN”, “Siti di Interesse Nazionale” e SIR “Siti di Interesse regionale” individuati dal Ministero dell’Ambiente con appositi decreti, dovrebbero avere una priorità di...leggi di più
Le Mamme Coraggio di Acerra

Un caffè con Donna Moderna

Prossimo