Wellness coach e fitness tracker, funzionano?

Credits: Olycom
/5
di

Cinzia Testa

Test di confronto tra le app e gli apparecchi hitech più diffusi da indossare, per controllare la salute e l'allenamento, provati per un mese dalla nostra giornalista 

Ci incuriosivano i weareable, cioè apparecchietti da indossare, app da scaricare sullo smartphone, sistemi per il controllo della salute a distanza. Per questo abbiamo scelto i più innovativi tra quelli disponibili sul mercato. E li abbiamo provati per circa un mese.

Abbiamo anche sentito il parere di un superesperto. Perché, utilizzandoli, ci è sembrato eccessivo l'entusiasmo di chi li definisce una sorta di medico virtuale. «Non è così infatti» spiega Alberto Sanna, direttore del Centro di tecnologie avanzate per la salute e il benessere, dell’Istituto san Raffaele di Milano. «Il loro compito sarà quello di agevolare il rapporto tra medico e paziente, non di eliminarlo. Il ruolo fondamentale di queste tecnologie è piuttosto educativo, perché aiutano a modificare le abitudini quotidiane sbagliate».

Ecco allora cosa ci è piaciuto molto e cosa un po' meno dopo 30 giorni di “vita tecno”.

  • 1 5

    ACTIVITY TRACKER IHEALTH

    Movimento, sonno e calorie sotto controllo 24 ore su 24

    A prima vista sembra un orologio. Invece monitora la quantità di movimento che si effettua durante il giorno e quanto si riposa di notte. La verifica si può fare in ogni momento grazie all’app iHealth che si scarica sullo smartphone e che raccoglie man mano i dati relativi ai passi effettuati, a quanti chilometri corrispondono e al numero di calorie consumate.

    Ci piace perché  Osservando i risultati, abbiamo realizzato che non è necessario iscriversi in palestra. Usando i mezzi pubblici anziché l’auto, ad esempio, si raggiunge sempre l’obiettivo dei 10.000 passi al giorno consigliati dagli ultimi studi scientifici per stare bene.

    Cosa non ci è piaciuto  La sezione dedicata al sonno. Perché registra comunque il periodo notturno come “riposo” anche se si passa la notte insonne.

    Quanto costa  Circa 80 euro.

  • 2 5

    DOC24

    Un pool di specialisti sempre a tua disposizione

    È il primo servizio di teleassistenza via smartphone con medici a disposizione giorno e notte. Un bracciale hitech misura la pressione l’ossigenazione del sangue, la frequenza cardiaca e la glicemia: i valori vengono scaricati tramite l’app Doc24 e vengono monitorati dagli specialisti a distanza. Si può anche parlare con loro in videoconferenza.

    Ci piace perché  La misurazione della pressione viene eseguita la prima volta sotto la guida di un operatore. In caso di emergenza arriva il medico a casa.

    Cosa non ci è piaciuto  Richiede una certa manualità visto che la maggior parte dei contatti avviene tramite smartphone. Per questo non è di facile utilizzo per un anziano.

    Quanto costa  Il pacchetto con apparecchio e istruzioni per attivare il servizio si acquista online sul sito www. doc24.it e costa 240 euro all'anno

  • 3 5

    HELPCODELIFE

    I tuoi dati sanitari sono racchiusi in un bracciale

    All’apparenza è un bracciale, in realtà è una vera e propria cartella clinica: tutti i dati sono visualizzabili attraverso la scansione del Qr code stampato all’interno. L’inserimento delle informazioni mediche si fa da sé. All’acquisto del braccialetto si ricevono un codice per l’attivazione del proprio Qr code on line al sito www.helpcodelife.com e le indicazioni per scaricare l’app NeoReader, indispensabile per la lettura del Qr Code da parte del personale medico.

    Ci piace perché  Si può aggiornare man mano in base al proprio stato di salute. Si possono inserire anche i riferimenti di chi contattare in caso di emergenza, se non si è coscienti.

    Cosa non ci è piaciuto  Abbiamo chiesto a diversi specialisti ma è un sistema di “cartella sanitaria” ancora sconosciuto, sicuramente perché è appena stato lanciato.

    Quanto costa  30-50 euro a seconda del modello.

  • 4 5

    GENIUS FOOD

    L’ assistente antiallergia con te al supermercato

    Ecco un’app perfetta per chi soffre di allergie alimentari. Basta indicare quali sono i cibi che non si tollerano. Quindi, seguendo le istruzioni, si scarica sullo smartphone lo stesso lettore che viene utilizzato nei supermercati per la lettura dei codici a barre. Puntando il cellulare sul codice, la app legge gli ingredienti, svelando se sono presenti sostanze che possono dare problemi.

    Ci piace perché  La lettura è immediata grazie ad alcuni simboli che corrispondono alle diverse sostanze rischiose. E l’app suggerisce l’alimento alternativo.

    Cosa non ci è piaciuto  Alcuni prodotti, come marche di succhi di frutta, vino e merendine, risultavano “sconosciuti” e questo ci ha impedito di verificarne la sicurezza. Si può però inviare la foto del prodotto a Genius food, per aiutare l’aggiornamento degli elenchi.

    Quando costa  È gratuita.

  • 5 5

    IGYNO

    L’allarme che ti dice quando prendere pillola e altri farmaci

    È un’app dedicata solo alle donne. Si inseriscono i propri dati relativi al ciclo, all’eventuale contraccettivo oppure a farmaci o integratori assunti. In questo modo è possibile tenere sott'occhio il calendario relativo alle mestruazioni e ai giorni fertili. Comprende anche una sezione dedicata alla prevenzione e una alla gravidanza.

    Ci piace perché  Ogni giorno uno squillo ricorda il medicinale da assumere. Aprendo l’app, compare la fase del ciclo, oppure quanto manca alla data presunta del parto.

    Cosa non ci è piaciuto  Manca una sezione dedicata alla donna over 50. Inoltre la parte sulla prevenzione al momento riporta solo come eseguire l’autopalpazione del seno.

    Quando costa  È gratuita.

Riproduzione riservata
Stampa
Scelti per te