madre e figlia parlano di spalle in giardino

Diagnosi di cancro: come parlarne ai figli

Il modo corretto di affrontare il discorso varia a seconda del bambino e della famiglia, ma ci sono linee guida che possono aiutare gli adulti

Nel tempo trascorso lontano dai riflettori prima di rivelare di avere un cancro, Kate Middleton ha confessato che una delle sue più grandi preoccupazioni è stata quella di trovare le parole giuste per dirlo ai suoi figli: “Ci è voluto del tempo per spiegare tutto a George, Charlotte e Louis in un modo che fosse appropriato per loro e per rassicurarli che starò bene”, ha detto in video la principessa del Galles.

Linee guida per affrontare il discorso “cancro”

“Sebbene le famiglie possano avere l’istinto di proteggere i propri figli, parlare chiaramente ai bambini della diagnosi di cancro dei genitori o di una persona cara è molto importante“, afferma la dottoressa Claudia Gold, specialista in salute relazionale.

“Il modo corretto di affrontare il discorso varia a seconda del bambino e della famiglia, ma ci sono linee guida che possono aiutare a indirizzare gli adulti” sostiene Hadley Maya, assistente sociale presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center e coordinatrice di Talking with Children about Cancer.

La realtà virtuale potrebbe alleviare il dolore causato dal cancro

VEDI ANCHE

La realtà virtuale potrebbe alleviare il dolore causato dal cancro

Parlare di cancro ai figli: ogni età ha le sue risposte

L’età del bambino è fondamentale per affrontare il tema.

Secondo l’American Cancer Society, i bambini fino a tre anni saranno più preoccupati per la separazione, l’abbandono e il cambiamento nella loro vita quotidiana. “Se c’è un cambiamento nella loro routine, neonati e bambini piccoli potrebbero confondersi facilmente, diventare più appiccicosi e potrebbero avere cambiamenti nelle loro abitudini di sonno, alimentazione o altre abitudini quotidiane”, scrive l’associazione sul suo sito web .

I suggerimenti includono coccole e abbracci frequenti, avere una persona vicina al bambino per mantenere la sua routine il più normale possibile e consentire al piccolo di vedere un genitore in ospedale in tempo reale tramite video, telefono o altri mezzi tecnologici.

Cancro ai polmoni, scienziati lavorano al primo vaccino al mondo

VEDI ANCHE

Cancro ai polmoni, scienziati lavorano al primo vaccino al mondo

Per i bambini di età compresa tra 4 e 6 anni la malattia è spesso equiparata ad avere un raffreddore o un’altra malattia contagiosa. Pertanto, il bambino potrebbe temere di poter “prendere il cancro”. I bambini di questa età possono anche avere la sensazione che la tristezza e l’angoscia che prova la famiglia possano essere in qualche modo colpa loro.

La routine è ancora molto importante, così come avere una figura di supporto in famiglia affidabile. Meglio sempre utilizzare un linguaggio chiaro e semplice quando si comunica con i bambini di questa fascia di età. Considerate l’idea di utilizzare il gioco per aiutarli a comprendere la malattia.

Papà in cura per cancro abbraccia la figlia

I bambini di età compresa tra 7 e 12 anni hanno maggiori probabilità di comprendere il concetto di cancro, tuttavia potrebbero anche nascondere i loro sentimenti per non turbare ulteriormente i propri cari. “Per i bambini più grandi, possono essere forniti maggiori dettagli sul cancro, a seconda dei casi. Cercate però di non sovraccaricarli di informazioni, siate aperti e sinceri nel rispondere a qualsiasi loro domanda”, suggerisce l’American Cancer Society. “Ascoltate le domande dei bambini, non preoccupatevi se vi vedono piangere o arrabbiati, cercate di aiutarli a capire che è normale provare sentimenti forti ed è bello esternarli”.

È inoltre importante non far mancare ai bambini le attività doposcuola e, se possibile, informare insegnanti e allenatori della malattia. Datene notizia alle famiglie dei loro amici e assicurare il bambino che divertirsi è la cosa giusta da fare.

Cancro, colpiti sempre più under 50: la scienza si interroga

VEDI ANCHE

Cancro, colpiti sempre più under 50: la scienza si interroga

Passiamo agli adolescenti, abbastanza grandi da comprendere il significato di una diagnosi di cancro. I ragazzi di questa fascia di età potrebbero preoccuparsi maggiormente e aver bisogno di essere rassicurati sul fatto che nulla di ciò che hanno fatto o detto è causa della malattia. Come i bambini più piccoli, anche gli adolescenti possono nascondere tristezza, rabbia o paura per non causare ulteriore dolore agli adulti. La routine è comunque utile, così come lo sono gli aggiornamenti sinceri sulla malattia del genitore.

“Se interessati, date loro informazioni dettagliate sulle condizioni di salute del genitore, sui sintomi, sui possibili effetti collaterali del trattamento, su cosa potrebbe accadere”, scrive l’associazione. “Mantenete le linee di comunicazione aperte e fate sapere loro che possono parlarvi in ogni momento e porre qualsiasi domanda”.

“Gli adolescenti che provano disagio potrebbero comportarsi in modo violento, allontanarsi da amici e familiari e sentirsi sopraffatti. Rassicurateli che è giusto provare questi sentimenti, incoraggiateli e affrontateli serenamente”.

Predisposizione al cancro: una nuova pista studiando Chernobyl

VEDI ANCHE

Predisposizione al cancro: una nuova pista studiando Chernobyl

“Starai bene?”

Una delle domande più difficili e forse più urgenti da parte di un bambino quando scopre che il proprio genitore ha il cancro è: “Starai bene?

Potresti non conoscere la risposta e allora potrai sempre dire: “Sai, non sono pronto a rispondere a questa domanda ora”, oppure: “Non lo so in questo momento, ma prometto che presto te lo dirò“, suggerisce Hadley Maya.

La cosa più importante da dare a tuo figlio in questa circostanza è la rassicurazione che è amato e protetto, qualunque cosa accadrà.

Cancro e malattie cardiache: studio shock sui cibi ultra-processati

VEDI ANCHE

Cancro e malattie cardiache: studio shock sui cibi ultra-processati

Non hai bisogno della “cosa giusta” da dire

I genitori spesso vanno da Maya in cerca di un “copione” per conoscere quale sia la cosa giusta da dire. La verità è che non esiste la cosa giusta in assoluto. Anzi, spesso è meglio quando non sappiamo esattamente cosa dire, ma rispondiamo in base alle reazioni di nostro figlio.

In ogni caso è fondamentale ascoltare e mantenere la “porta aperta”, in modo che sappia che può ancora venire da te per chiedere sostegno e amore, conclude Maya.

Smettere di fumare riduce il rischio di cancro a qualsiasi età: la ricerca

VEDI ANCHE

Smettere di fumare riduce il rischio di cancro a qualsiasi età: la ricerca

Riproduzione riservata