Rucking, perché camminare con lo zaino fa bene

Il rucking è una forma di camminata che prevede il trasporto di un peso sulle spalle, come uno zaino. Questa pratica, creata per i militari, può essere adattata alla normale pratica del camminare a seconda delle caratteristiche di ciascuno, ma sempre con grandissimi benefici.

I benefici

Secondo uno studio pubblicato dal Military Medical Research Journal nel 2018, il camminare con un peso da trasportare permette di consumare più energia, aumentare la frequenza respiratoria e migliorare la salute cardiovascolare e aumentare la forza muscolare. Tuttavia, come per ogni attività fisica, è importante consultare il proprio medico prima di iniziare.

Come fare rucking

Per iniziare a fare rucking, vi basterà partire con uno zaino vuoto, camminando per una distanza che si conosce e chi si è già percorsa. A mano a mano, poi, è possibile aumentare il carico da portare, aggiungendo un peso pari circa al 10% di quello del proprio corpo, procedendo gradualmente. Per poi aumentare il peso in base al proprio allenamento e sempre senza mai esagerare. Un’altra opzione percorribile, poi, è quella di praticare rucking con un gilet zavorrato in sostituzione dello zaino. Così facendo, infatti, il peso viene distribuito tra la parte anteriore e quella posteriore del corpo.

La scelta dello zaino

Attenzione poi alla scelta dello zaino da trasportare che non deve essere uno qualsiasi. Questo, infatti, dovrebbe essere munito di spallacci larghi e imbottiti, in modo da non segnare le spalle, procurando tagli, irritazioni o dolore.

Cos’è l’alessitimia? Scopri se anche tu ne soffri…

VEDI ANCHE

Cos’è l’alessitimia? Scopri se anche tu ne soffri…

Riproduzione riservata